Opinionisti Il Direttore Davide Gambacci

La beffa mondiale... un calcio da rifondare

L'amara eliminazione contro la Macedonia del Nord fornisce tanti spunti di riflessione

Print Friendly and PDF

Tutta colpa del Ct Mancini? Non credo proprio. Le responsabilità sono da attribuire al sistema calcio italiano più in generale. È chiaro che c’è qualcosa che non va. L’eliminazione della nazionale italiana dalla fase finale del Mondiale in Qatar è solamente la punta dell’iceberg e la vittoria dell’Europeo, forse, è stata solamente uno specchietto per le allodole seppure pur sempre di un titolo si tratta. Una vera e propria debacle quella che milioni di italiani hanno dovuto subite: la beffa all’ultimo giro di cronometro contro la Macedonia del Nord, con tutto il rispetto e tanto di cappello per quello che hanno fatto, ma parliamo sempre di una nazionale al 64° posto nel ranking Fifa. E allora cosa non ha funzionato? Una domanda dalle mille risposte, seppure non è facile trovare già la prima. Un sistema calcio troppo confusionario, l’approccio completamente sbagliato e i tanti rigori sbagliati durante tutta la fase dove il passaggio del turno lo si sentiva quasi obbligato: una mentalità sbagliata, quindi, dove si pensava già ad una sfida contro il Portogallo di Cristiano Ronaldo senza fare i conti con la Macedonia del Nord. Siamo alla frutta, giocando con la parola ‘macedonia’, hanno titolato tanti giornali: come dargli torno ed il rammarico più grande – oseremo dire grandissimo, quasi imperdonabile! – è che l’Italia per la seconda volta consecutiva è fuori dalla fase finale di un mondiale di calcio. Tutte le colpe, però, come detto non sono affatto del Ct Roberto Mancini ma di un insieme di elementi che forse non funzionano più. È quindi il momento di rifondare il calcio italiano, ma non solo, di smetterla con stipendi faraonici con cifre che in molti neppure sono in grado di pronunciare. Ma occorre partire dal basso, dalle categorie minori e valorizzare – in Italia! – i tanti giovani che abbiamo, senza fargli intraprendere sistematicamente strade oltre confine attratti dal denaro. Che questa figuraccia sia un nuovo punto di partenza, raccogliendo quella briciola di positività che possiamo evidenziare. Per il resto… gli italiani guarderanno nuovamente il mondiale da spettatori. Solo da spettatori.   

Davide Gambacci
© Riproduzione riservata
25/03/2022 11:14:19

Il Direttore Davide Gambacci

Si avvicina al giornalismo giovanissimo e ne rimane affascinato. Dal 2009 è iscritto all’ordine dei giornalisti della Toscana dopo aver fatto esperienza in alcune testate locali. Nel 2010 diventa direttore del quotidiano online Saturno Notizie e inviato fisso del quotidiano Corriere di Arezzo. Nel 2011 é stato nominato anche direttore responsabile del periodico l’Eco del Tevere e vice direttore di Saturno Web Tv. Ideatore e regista di numerosi programmi televisivi, dove da il meglio di se dietro la telecamera. Inchieste e cronaca i campi di particolare competenza professionale. Ricopre anche il ruolo di addetto stampa per alcune associazioni e Enti.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Il Direttore Davide Gambacci

Paesi spenti contro il caro bollette, verso un Natale light >>>

Quale futuro per il nostro Paese? >>>

Feste del Palio, Sansepolcro risponde presente >>>

Il turismo decolla, ma la ripresa è certa? >>>

Il boom dell'e-bike: fare movimento divertendosi >>>

Caldo africano e stress idrico mettono in ginocchio l'Italia >>>

Estate sia, ma quella della vera ripartenza >>>

Il Dodecaedro di Sansepolcro spunto di tante riflessioni >>>

La beffa mondiale... un calcio da rifondare >>>

La cruda realtà della guerra >>>