Opinionisti Monia Mariani

L’ambiente non aspetta

Il riscaldamento delle acque superficiali è ormai un dato accertato e ineluttabile

Print Friendly and PDF

Una recentissima ricerca del Cnr ha rilevato la presenza nel nostro paese di circa 445 fenomeni estremi. Parliamo di uragani, cicloni, trombe d’aria che dal 1990 ad oggi sono stati (in media) più di uno al mese, con una crescita importante negli ultimi anni.

L’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Isac) ha infatti preso in esame 32 anni di dati dal 1990 al 2021.

Ma non e’ tutto. In relazione  a questo strano fenomeno c’è un altro dato che preoccupa: l’aumento della temperatura dei mari. Nelle scorse settimane, in varie aree del Mediterraneo,  sono stati raggiunti picchi di quattro gradi sopra la media stagionale; sta di fatto che  il riscaldamento delle acque superficiali è ormai un dato accertato e ineluttabile.

Nel mar Mediterraneo si stanno inoltre sviluppando anche i “medicaines”. Si tratterebbe di piccoli uragani che fortunatamente sono ancora a livelli di grandezza diversi rispetto ai fenomeni estremi che ogni anno si abbattono sulle coste atlantiche degli Stati Uniti.

Gli accordi di Parigi hanno fissato un tetto di riscaldamento  a 1,5 gradi sopra il livello preindustriale, ma le azioni reali dei vari governi le proiettano vicino ai tre gradi di aumento.

Errori sopra errori che presto, molto presto, pagheremo molto caro.

Se per il momento la fine dello zero termico si limita a qualche momento estivo, lentamente il caldo allargherà il suo spazio a spese dei ghiacciai che alimentano i nostri fiumi e dunque anche le nostre tavole. Non dimentichiamo che  l’ambiente non può più aspettare, e che dobbiamo occuparcene al più presto.

Monia Mariani
© Riproduzione riservata
16/08/2022 09:40:20

Monia Mariani

Appassionata di scrittura e narrativa e, da sempre, interessata a tematiche sociali. Ha finora pubblicato tre romanzi biografici. Il Maestro (2008), ispirato alla vita del biturgense Gino Tarducci, La Leggenda di Zillone (2010) autobiografia dell’ex pugile professionista Pietro Besi, e La Tortuga (2013) ispirato alla vita del fiorentino Giacomo Papini, cercatore di diamanti in Venezuela. Sta lavorando ad altre storie da raccontare.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Monia Mariani

Che fine ha fatto il terzo pediatria in Valtiberina? >>>

Fame d’acqua >>>

In Valtiberina "sparisce" il trezo pediatra >>>

La tutela della salute “globale” deve stare al di sopra di qualsiasi proprietà intellettuale >>>

L’obbligo vaccinale salverà il mondo? >>>

Il cibo e il suo valore >>>

Quale futuro? >>>

Il potere di uno sguardo >>>

Immaginare il futuro >>>

Non diamo sempre la colpa ai giovani >>>