Opinionisti Monia Mariani

In Valtiberina "sparisce" il trezo pediatra

Un territorio bistrattato, umiliato, con cui si è giocato al tira e molla per troppi anni

Print Friendly and PDF

La Valtiberina, resta al palo con soltanto due pediatri di libera scelta; nuovamente. Il terzo pediatra, da lungo voluto e poi ottenuto, si e’ volatilizzato di nuovo.

Il pensionamento dello storico pediatra di Sansepolcro a fine ottobre 2021 (senza un avviso della direzione alle famiglie ma limitandosi a inviare una nota stampa) ha riportato la questione a galla, senza però trovare ad oggi una soluzione e un suo sostituto.

Tre pediatri da giugno 2019 ad ottobre 2021, poi di nuovo due.  Per di più un professionista (arrivato come terzo pediatra nel 2019) che a gennaio di quest’anno se ne va  e viene rimpiazzato da uno nuovo. Peraltro, anche in questo caso senza che la direzione avvisi le famiglie ma limitandosi a inviare  la classica nota stampa. 

La direzione aveva affermato che il terzo pediatra non ci sarebbe stato  finche’ gli attuali due (di libera scelta) saranno in grado di assorbire interamente il numero di assistiti (da 900 a oltre 1200 bimbi ciascuno!!).  E poi il fatto che sembra che i bimbi da 7 anni in su possono optare per la scelta di un medico di medicina generale, come se anche di quelli ce ne fossero a sufficienza e ammesso e non concesso che ci siano e non fossero oberati di lavoro, straordinari, turni massacranti. Un territorio, il nostro, bistrattato, umiliato, con cui si è giocato al tira e molla per troppi anni sul fronte sanitario e dei servizi essenziali. 

“Difficile il reclutamento  in un territorio periferico come la Valtiberina “, aveva affermato la direzione del distretto. Parole che non esonerano o giustificano però  un simile stato di cose. Il terzo pediatra di libera scelta e’ un diritto delle famiglie della Valtiberina che non va calpestato in questo modo.

Monia Mariani
© Riproduzione riservata
22/01/2022 14:05:20

Monia Mariani

Appassionata di scrittura e narrativa e, da sempre, interessata a tematiche sociali. Ha finora pubblicato tre romanzi biografici. Il Maestro (2008), ispirato alla vita del biturgense Gino Tarducci, La Leggenda di Zillone (2010) autobiografia dell’ex pugile professionista Pietro Besi, e La Tortuga (2013) ispirato alla vita del fiorentino Giacomo Papini, cercatore di diamanti in Venezuela. Sta lavorando ad altre storie da raccontare.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Monia Mariani

Fame d’acqua >>>

In Valtiberina "sparisce" il trezo pediatra >>>

La tutela della salute “globale” deve stare al di sopra di qualsiasi proprietà intellettuale >>>

L’obbligo vaccinale salverà il mondo? >>>

Il cibo e il suo valore >>>

Quale futuro? >>>

Il potere di uno sguardo >>>

Immaginare il futuro >>>

Non diamo sempre la colpa ai giovani >>>

Sentimenti spezzati >>>