Notizie Nazionali Economia

Tazzina di caffè: il prezzo al bar potrebbe presto arrivare a 1,50 euro

Fra le cause c'è anche il cambiamento climatico. Venezia la città più cara

Print Friendly and PDF

"Costa meno di un caffè. Meno di un euro". Quante volte lo abbiamo detto e sentito, ma presto questo modo di dire potrebbe non avere più senso. Negli ultimi mesi infatti il costo del caffè al banco del bar è progressivamente aumentato fino a raggiungere picchi di 1,30 euro (+30% rispetto alla cifra abituale di un euro). E le cose potrebbero peggiorare ancora: a lanciare l'allarme sono le associazioni di categoria, secondo le quali il costo della tazzina potrebbe arrivare a quota 1,50 euro entro la fine dell'anno.

Le cause - A far lievitare il prezzo di una delle bevande più amate dagli italiani hanno contribuito diversi fenomeni. Una prima causa è da rintracciare nell'inflazione e nell'aumento del costo delle materie prime: tra la primavera e il novembre dello scorso anno, la qualità arabica, la più nota, è passata da 2,765 a 4,587 dollari a tonnellata. Attualmente siamo attorno ai 4,768: un aumento superiore al 70%.

Senza dimenticare il caro-energia e il conseguente aumento delle bollette: "Tra le voci più rilevanti che hanno pesato sull'aumento della tazzina - dice Luciano Sbraga, vicedirettore della Federazione italiana pubblici esercizi - c'è sicuramente il costo dell'energia elettrica dei locali. Quest'anno la bolletta energetica di un piccolo bar è passata da 5.500 euro a 12.000 euro all’anno, fino al 120% in più". Completano il quadro aumento del costo del lavoro e quello dei canoni di locazione.

Cosa c'entra il cambiamento climatico - C'è un altro fenomeno che ha contribuito all'aumento del prezzo del caffè: nel 2021 il Brasile, uno dei maggiori produttori dei preziosi chicchi, è stato colpito da un'anomala ondata di maltempo, che ha prodotto bruschi cali nella temperatura, finendo così per rovinare intere piantagioni di caffè. ''Ormai è assodato un problema di clima, di raccolti, di agricoltura - sottolinea il presidente di Assoutenti Furio Truzzi - e secondo alcune ipotesi il climate change potrebbe provocare nel prossimo periodo un calo nella produzione del caffè arabica tra il 27 e il 45%". 

Dove costa di più - Nella classifica delle città dove sono stati segnalati i prezzi più elevati, il primo posto indiscusso spetta a Venezia. Nel capoluogo veneto la tazzina è aumentata di circa il 10%. Seguono Roma (+5,3%) e Milano (+4,8%), ma non va meglio nemmeno nel resto d'Italia. Ad esempio, a Bologna e Cagliari gli aumenti si attestano su incrementi del 3,6 e del 3,8%. Non esistendo listini nazionali, "ogni barista - conclude Sbraga - fa pagare un espresso com’è più consono per la propria attività".

 

notizia e foto tratte da Tgcom 24
© Riproduzione riservata
14/08/2022 06:18:28


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Contratti a termine, più frequenti ma più brevi: solo uno su 100 supera l’anno >>>

Pane, i rincari non si fermano più: ecco perché i prezzi sono alle stelle >>>

Benzina, al self scende sotto 1,7 euro: ai minimi da un anno >>>

Orlando,smart working fragili-genitori under 14 fino 31 dicembre >>>

Lavastoviglie e lavatrice accese insieme e il contatore si blocca: piano Ue per tagliare i consumi >>>

Assegno unico, Inps: oltre 6 miliardi erogati nei primi cinque mesi >>>

Bollette a 28 giorni, la Cassazione chiude e dice no >>>

Rincari di luce e gas, l’allarme di Coldiretti: “Colazione amara" >>>

Energia, Istat: "Prezzi accelerano ad agosto: luce +135,9%, gas +62,5% su base annua" >>>

Benzina, verso la proroga del taglio delle accise >>>