Opinionisti Alessandro Ruzzi

La politica sente le voci...

...e si confonde con (san) Francesco d'Assisi!

Print Friendly and PDF

Puntuale come il panettone è arrivata anche questo anno la solita sparata dell'assessore aretino Tanti circa l'ossequio alla "tradizione" natalizia con particolare riguardo alla presenza del presepe nelle scuole. Sparata via comunicato ufficiale del Comune di Arezzo che contiene anche invito a scuole che con il Comune nulla c'entrano: immagino la contentezza del provveditore.
Mi sa che quando arriva il solstizio d'inverno oltre al freddo arrivano le voci. E magari il riguardo del Natale può far venire in mente a chi le ode una qualche similitudine con Francesco d'Assisi, che nel 1223 realizzò il primo  (sì, il 1º) presepe. La tradizione a cui il vicesindaco si riferisce vanta un po' meno di 8 secoli, non poco in senso assoluto, poco in senso relativo se la si confronta alla tradizione di festeggiare intorno al 25 dicembre una qualche ricorrenza come il "sol Invictus" che basa le sue radici nella paganità; non essendoci alcuna evidenza storica della data del Natale quei marpioni cristiani dei primi secoli preferirono rimanere nel solco di una esistente consuetudine e su quella costruirono il calendario delle celebrazioni annuali (ad esempio, 9 mesi prima ecco l'annunciazione). L'unica data che pare avere una certa consistenza è la Pasqua che ben prima dell'arrivo di Cristo scandiva il calendario ebraico: festività che per noi cristiani dovrebbe avere ben altro valore che Natale con le sue incongruenze.
Forse è meglio definirla favoletta, troppi sarebbero i punti cruciali da dover spiegare ad una audience incapace -per età- di attribuirle il valore sottostante. Vorremmo veramente affidare alla scuola il compito di rispondere alla domanda se Giuseppe è veramente il papà di Gesù? Perché in alternativa bisognerebbe spiegare cosa significa padre putativo? E magari definire correttamente il ruolo di Maria che altrimenti parrebbe madre surrogata. E spiegare a chi è figlio Gesù, infilandosi quell'ampio concetto per cui Dio è tutto e non può essere solo maschio o solo femmina, con le complesse implicazioni di questo caso specifico.
Favoletta che tuttavia fa veramente parte della nostra tradizione, pur essendosi perso ogni riferimento alla figura di cui si celebra la nascita e all'importanza ed al significato della sua predicazione.
Quindi se deve servire alla consegna dei regali -cassato ogni riferimento alla tradizione che individuava nel 6 gennaio il giorno dei doni- ed a marcare il territorio, una differenziazione rispetto alle altre culture dove la "debolezza" delle nostre convinzioni non deve attribuirsi alla forza delle altrui, è bene che quelle che lo precedono siano soltanto voci.
Purtroppo la presenza del comunicato rende questa cosa tangibile e terribilmente tragicomica ed evidenzia anche lo sconfinamento dell'amministrazione in un ambito che istituzionalmente deve essere laico.
Penso che Francesco d'Assisi nel 1220, sentendosi ingombrante nell'ambito cristiano, si fece da parte andando a vivere la parte finale della sua vita in forma sempre più eremitica, ricevendo infine le stimate e lo paragono con l'amministrazione aretina dove essere ingombrante in termini politici permette di ottenere -a spregio dei santi- la illustre e ricca presidenza di una partecipata, mi aspetto che a taluni politici nostrani venga concessa la patente di santità.

Redazione
© Riproduzione riservata
15/12/2021 11:37:54

Alessandro Ruzzi

Aretino doc, ha conseguito tre lauree universitarie in ambito economico-aziendale, con esperienza in decine di Paesi del mondo. Consulente direzionale e perito del Tribunale, attento osservatore del territorio aretino, ha cessato l'attività per motivi di salute, dedicandosi alla scrittura e lavorando gratuitamente per alcune testate giornalistiche nelle vesti di opinionista. alessandroruzzi@saturnonotizie.it


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Alessandro Ruzzi

La guerra in Ucraina mi mette in difficoltà >>>

Le armi sul tavolo delle trattative: aiutano? >>>

Europa, quale? >>>

Gli occhi dei bambini ucraini >>>

Nazista a chi? >>>

Usato sicuro? >>>

Lirismi sdolcinati e fasulli per le decorazioni, silenzio e dolore per le altre tombe >>>

Altre criticità sulla resistenza >>>

Resistenza = Una lotta di popolo? >>>

Ripensare la "resistenza" >>>