Opinionisti Mara Ercolanoni

Essere una donna oggi in Italia

L’Italia è un paese a favore delle donne?

Print Friendly and PDF

Da molto tempo voglio scrivere questo articolo, poi mi sono spesso detta: “sono i soliti articoli triti e ritriti, che poi non servono mai a nulla, che le cose non cambiano mai”.

Vorrei fare un escursus delle leggi italiane dal 1900 ai nostri giorni.

Cosa è davvero cambiato?

Cosa è migliorato e cosa invece è rimasto tale e quale?

Di chi è davvero la colpa, se ci sono colpe, e perché è un fenomeno culturale? O un voler far restare le cose come sono da lobbi, poteri forti, e uomini che ancora non si arrendono a voler riconoscere nelle donne delle persone fisiche di tutto rispetto, alla pari sul piano gestionale, imprenditoriale, regolamentare.

Sono tante le domande che mi pongo ogni giorno.

Da quando nasciamo vediamo nell’immediatezza, e nel gioco subito le differenze che involontariamente e volontariamente, fanno e facciamo con la scelta di genere.

Questo è un altro grande problema che riguarda non solo le donne ma la differenza di genere in quanto gay, trasgender, lgtb.

Insomma quando nasciamo siamo subito catalogati, il completo rosa per le femmine, il blu per i maschietti, il giallo o il bianco per chi non vuole sapere il sesso del nascituro fino alla fine del termine del tempo della gravidanza, ma sicuramente si deve comunque acquistare un piccolo corredo per essere quantomeno preparati con indumenti basici per il neonato/a.

Perché tutti questi stereotipi?

Non si potrebbe mettere un fiocco rosa in una casa dove nasce un maschietto? O viceversa.

Io credo che i grossi cambiamenti partino dalla testa dall’immagine mentale che ci siamo fatti della bambina bambola da vestire di rosa, e dal bambino blu che gioca con le macchinine, e se fosse il contrario?

Cosa cambierebbe?

Valentina che gioca con le automobiline vestita di blu, potrebbe fare cose diverse nella vita? O no cambierebbe nulla?

Giacomo vestito di rosa che gioca con le barbie, avrebbe un istinto diverso? Potrebbe vedere le cose con occhi diversi? Oppure non cambierebbe nulla?

In realtà non lo sappiamo.

So solo che Valentina gioca con le barbie, si veste di rosa, ha il ferro da stiro, il dolce forno albert, e l’aspirapolvere.

Giacomo invece, si veste di blu, gioca con le automobiline, fucili, pistole, lego.

Chissà se già nelle menti di questi bambini ci sono delle nette differenze, io credo proprio di si.

Valentina sogna di diventare modella o ballerina, ma sa che dovrà anche rassettare la casa, cucinare e badare ai bambini e forse non potrà realizzare tutti i suoi sogni, altrimenti non sarà una buona madre.

Giacomo sogna di guidare una bella auto, avere un lavoro che gli faccia guadagnare soldi. Non si dovrà preoccupare di pulire, rassettare la casa perché ci sarà sempre una donna come sua madre che penserà a tutto, e sarà comunque un buon padre.

Quasto è già qualcosa che discrimina a livello psicologico.

Una donna madre deve prevalentemente pensare alla prole, mentre un uomo in carriera  può delegare sempre ala compagna.

E’ giusto? E’ sbagliato?

Non lo so, però è così dai tempi dei tempi, anche se i tempi sono cambiati.

Le donne rinunciano, le donne ce la fanno, le donne a volte muoiono.

Leggi, un po’ di storia per ricordare cosa e come abbiamo ottenuto con grandi lotte dei privilegi prettamente maschili e donne per le donne! E non, o quasi mai, uomini per le donne.

Nel 1945 il passa un decreto che consentirà alle donne di almeno 21 anni (maggiorenni) di votare alle elezioni politiche. L’anno dopo viene concesso anche il “voto passivo”, cioè anche le donne (maggiori di 25 anni) possono presentarsi alle elezioni ed essere votate.

Il 2 giugno del 1946 le donne voteranno al Referendum istituzionale (monarchia/repubblica) e per le elezioni dell’Assemblea costituente, ma già nelle elezioni amministrative precedenti avevano votato risultando in numero discreto elette nei consigli comunali. Sui banchi dell’Assemblea costituente comparvero le prime parlamentari: nove della DC, nove del PCI, due del PSIUP e una dell’Uomo qualunque.

Accesso agli impieghi pubblici (1963)

Nel 1947 l’Assemblea Costituente cominciò ad avanzare l’ipotesi di dover decidere se riconoscere o meno alle donne il diritto di svolgere, tra le altre, l’attività di magistrati. Leggete qui, uno dei tanti pregiudizi dell’epoca proferito dall’allora deputato Antonio Romano:

“La donna deve rimanere la regina della casa, più si allontana dalla famiglia più questa si sgretola. Con tutto il rispetto per la capacità intellettiva della donna, ho l’impressione che essa non sia indicata per la difficile arte del giudicare. Questa richiede grande equilibrio e alle volte l’equilibrio difetta per ragioni anche fisiologiche. Questa è la mia opinione, le donne devono stare a casa”

Soltanto nel 1963, con la legge n. 66, il parlamento italiano ammette la donna “ai pubblici uffici ed alle professioni” con soli due articoli. Articolo 1: “La donna può accedere a tutte le cariche, professioni ed impieghi pubblici, compresa la Magistratura”. Ovvio che, però, le donne da allora dovettero aspettare il primo concorso: lo superarono 8 donne su 5647 partecipanti (0,14%).

Allo stato attuale, su circa 8678 magistrati più di 4mila sono donne, per una percentuale pari a circa il 46% e il trend vede le donne vincitrici di concorso in numero di gran lunga superiore a quello degli uomini.

Divorzio (1970)

Insieme con Paesi come Spagna, Portogallo, Repubblica d’Irlanda e Malta, anche in Italia viene concesso e regolamentato lo scioglimento del matrimonio. L’iter giuridico era di 5 anni, ridotti a 3 nel 1987.
Il divorzio venne introdotto a livello legale (e alla sua approvazione è legato anche il nome di Nilde Iotti) il primo dicembre 1970, nonostante l’opposizione della Democrazia Cristiana. Per questo motivo, qualche anno dopo un movimento politico promosse un referendum abrogativo proprio per far abrogare la legge sul divorzio. Ma nel 1974 quello stesso referendum affermò la volontà della maggioranza della popolazione di mantenere la legge in vigore.

“Noi sosteniamo il divorzio perché riteniamo che questo istituto trovi rispondenza nella mutata coscienza morale dei cittadini italiani e nella mutata natura della famiglia. Vedete, onorevoli colleghi: per quanto siano forti i sentimenti che uniscono un uomo e una donna – in ogni tempo, ma soprattutto, direi, nel mondo di oggi – essi possono anche mutare; e quando non esistono più i sentimenti, non esiste neppure più, per le ragioni prima illustrate, il fondamento morale su cui si basa la vita familiare. Abbiamo dunque bisogno di ammettere la possibilità della separazione e dello scioglimento del matrimonio”, questo uno stralcio del bellissimo discorso parlamentare di Nilde Iotti nel 1969.

Riforma del diritto di famiglia (1975)

La legge del 1975, riformando il diritto di famiglia, stabilisce parità tra i coniugi e i coniugi diventano uguali davanti alla legge. Con essa verranno approvate: il passaggio dalla potestà del marito alla potestà (la cosiddetta “responsabilità genitoriale”) condivisa dei coniugi; l’eguaglianza tra coniugi (si passa dalla potestà maritale all’eguaglianza tra coniugi); regime patrimoniale della famiglia (separazione dei beni o comunione legale/convenzionale); revisione delle norme sulla separazione personale dei coniugi (il tradimento del marito può essere causa legittima di separazione). In più si abbassa l’acquisizione della maggiore età da 21 a 18 anni.

Aborto (1978)

Era il maggio del 1978 quando furono approvate le norme per la “tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza”, la famosa Legge 194 che ha disciplinato le modalità di accesso all’aborto. La 194 consente alla donna, nei casi previsti dalla legge, di ricorrere alla IVG in una struttura pubblica (ospedale o poliambulatorio convenzionato con la Regione di appartenenza), nei primi 90 giorni di gestazione; tra il quarto e quinto mese è possibile ricorrere alla IVG solo per motivi terapeutici.

Addio al delitto d’onore e al matrimonio riparatore (1981)

Fino agli anni ’80, il delitto d’onore era un tipo di reato caratterizzato dalla motivazione soggettiva di chi lo commetteva a salvaguardia una particolare forma di onore o di reputazione, con particolare riferimento a alcuni ambiti relazionali come i rapporti sessuali, matrimoniali o comunque di famiglia. In pratica, l’art. 587 del codice penale consentiva che fosse ridotta la pena a chi uccidesse la moglie (o il marito, nel caso a essere tradita fosse stata la donna), la figlia o la sorella solo per difendere “l’onor suo o della famiglia”.

Nel 1981 viene abrogata questa parte di legge.

Nello stesso anno viene abolito anche l’Istituto del matrimonio riparatore: uno stupratore poteva evitare la condanna se avesse sposato la sua vittima. Una pratica che voleva salvare “l’onore della famiglia” perché la violenza carnale era considerata un reato non contro la persona abusata ma contro la morale.

Sul matrimonio riparatore leggi la storia di Franca Violala prima donna italiana a rifiutare il matrimonio riparatore:

Franca Viola, la donna che con il suo coraggio cambiò la società italiana

Parità sul lavoro (2010)

Con il decreto legislativo 5 del 25 gennaio 2010, si rafforza il diritto delle lavoratrici a percepire, a parità di condizioni, la stessa retribuzione dei colleghi maschi. In caso di condanna per comportamenti discriminatori, l’inottemperanza del datore di lavoro al decreto del giudice è punita con l’ammenda fino a 50mila euro o con l’arresto fino a sei mesi.

Le aziende vengono incentivate con sgravi fiscali a promuovere orari di lavoro flessibili; viene rivista la normativa vigente sul congedo parentale per incentivare il ritorno della donna in ufficio e sono introdotti incentivi per promuovere l’imprenditoria femminile, sanzioni contro le molestie sessuali e la disparità di trattamento sul lavoro

Quote rosa nei consigli di amministrazione (2011)

Con la legge 12 luglio 2011 n. 120 si introduce la disposizione in base alla quale gli statuti delle società quotate dovranno prevedere che il riparto degli amministratori da eleggere sia effettuato su un criterio che assicuri l’equilibrio tra i generi, intendendosi tale equilibrio raggiunto quando il genere meno rappresentato all’interno dell’organo amministrativo ottenga almeno un terzo degli amministratori eletti. Questo criterio di riparto dovrà applicarsi per tre mandati consecutivi e varrà anche per le società soggette a controllo di pubbliche amministrazioni.

Stalking (2009) e violenza sulle donne (2013)

Nel 2009 con la legge n.38 contro lo stalking e con il suo inserimento nel codice penale dell’art. 612-bis (dopo il 612 che definisce la “minaccia”) tra i delitti contro la libertà morale, lo stalking – inteso come comportamento molesto, ossessivo, persecutorio – diventa reato.

Nel 2013 viene poi approvato il decreto legge contro il femminicidio e la violenza sulle donne, che prevede l’aumento di un terzo della pena se alla violenza assiste un minore, se la vittima è in gravidanza, se la violenza è commessa dal coniuge (anche se separato) e dal compagno (anche se non convivente) e prevede l’arresto obbligatorio in caso di maltrattamento e stalking in caso di flagranza.

Altre misure a favore delle donne:

Per le neo-mamme, nel 1950 viene approvata anche la legge che vieta il licenziamento fino al primo anno del bambino e introduce il trattamento economico dopo il parto. Nel 1956 c’è la legge sulla parità retributiva tra uomo e donna, nel 1963 si dichiarano nulle le cosiddette “clausole di nubilato” nei contratti di lavoro. Nel 1971 una legge istituisce la scuola materna e gli asili nido comunali; nel 1987 l’indennità di maternità per le lavoratrici autonome e per quelle disoccupate nel 1998.

Riflettiamo su quanto sia scritto e su quanto sia realmente rispettato.

Soprattutto su posti di lavoro.

Mara Ercolanoni
© Riproduzione riservata
25/10/2021 10:27:37

Mara Ercolanoni

MARA ERCOLANONI: Nata a Castel del Piano, un piccolo paese nella provincia di Perugia è innamorata della cittadina di Sansepolcro, dove vive con la sua famiglia da ormai 15 anni. Nel 2020 ha pubblicato il suo primo romanzo: "Alla ricerca della Felicità" che racchiude il suo percorso introspettivo e la sua strada verso un’idea di felicità. Ama scrivere da quando aveva 10 anni e crede nella scrittura come forma di terapia. Ha collaborato con la casa editrice Pagine per una raccolta di poesie e con la Onlus la Voce del Cuore con altri percorsi.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Mara Ercolanoni

Essere una scrittrice >>>

La scrittura terapeutica >>>

Un tema delicato, ingombrante e invisibile: l'anoressia >>>

Come e perché ho deciso di essere abitante del mondo! >>>

Ridiamo un po': consigli di seduzione 2021 >>>

Scrivere... >>>

Siamo fuori moda e fuori tempo >>>

Genitori e figli croce e delizia >>>