Opinionisti Valter Rossi

L'amicizia...

i pensieri di Valter

Print Friendly and PDF

Ogni volta che entro alle Terme, qui a Bagno di Romagna e bevo l’acqua non posso fare a meno di pensare all’amicizia che univa marziale e il suo protettore Plinio il Giovane, che lo voleva neo suo seguito ogni volta in cui si spostava dalla villa del padre adottivo, “Pallino il vecchio”, che era morto in occasione dell’eruzione del Vesuvio per il desiderio di studiare il fenomeno restando il tal modo soffocato dalle esalazioni venefiche, mescolate alle ceneri e lapilli che il vulcano stava eruttando. Lo zio in quanto fratello di sua madre come comandante della flotta del Tirreno lo aveva lasciato erede di un ricco patrimonio, tra cui la villa a baia presso Napoli, zona termale frequentata anche dagli Imperatori, per la bontà delle sue acque da aggiungere al patrimonio che aveva ereditato alla morte del Padre naturale. Erano spagnoli trapiantati come altri eminenti personaggi del tempo e questo spiega la presenza a Roma del poeta Plinio si recava spesso sul lago di Como dove aveva una delle tante ville. Nel tragitto faceva sosta nei pressi della odierna Città di castello dove aveva una tali ville, che amava per l’aria e soprattutto per la bontà dei prodotti che gli garantiva non ultimo il vino. Altra sosta era Sarsina, presso Cesio Sabino al quale affidava l’amico poeta per il tempo che si tratteneva a Como, sarsinate che fu ben lieto di averlo come ospite  e Marziale ringraziò dedicandogli diversi canti, non ultimo quello per la ninfa protettrice delle nostre acque. Dopo la morte dell’Imperatore Domiziano, con il nuovo imperatore per il poeta il clima di Roma si fece difficile per non dire tossico per cui Marziale fece la scelta di ritornare in Spagna dove era nato e dove  pose fine ai suoi giorni terreni. Queste sono le parole con le quali Plinio comunica ad un amico la sua scomparsa. Ho saputo che è morto Marziale e lo sopporto mal volentieri. Era un uomo di ingegno acuto  che nello scrivere aveva accuratezza, fiele e levigatezza. Mentre partiva lo avevo salutato con il necessario per il viaggio. Avevo dato questo per amicizia e anche per i suoi versi, che aveva scritto su di me. E’ stato di costumi antichi, quelli che avevamo descritto anche per averli nei nostri tempi, i versetti che mi dedicò puoi trovarli nel suo libretto, non vado oltre. Credo che le parole del grande protettore non abbino bisogno di dire altro.

Redazione
© Riproduzione riservata
24/11/2019 09:19:22

Valter Rossi

Romagnolo doc, ex insegnante al liceo scientifico Augusto Righi di Cesena, nato a Bagno di Romagna e laureato in lettere moderne all’Università di Firenze e in sociologia ad Urbino. Nel 1982 ha usufruito di una borsa di studio dell’Unione Europea, sulla Geografia Economica svoltosi a Berlino in Germania. In collaborazione con l’ANED ha curato la testimonianza sul passaggio del fronte in Romagna e sulla vita dei militari nei campi di concentramento. Assessore dal 1980 al 1985 a Urbanistica e Cultura del Comune di Bagno di Romagna e vice Presidente delle ex Comunità Montana Cesenate. Autore di diversi libri, ha pubblicato: La Memoria e la Speranza, Generazione Superstite, Donne Schizzate e storia di San Silvestro in Fontechiusi. La sua ultima opera: Taccuini di Viaggio.. redazione@saturnonotizie.it


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Valter Rossi

La memoria degli uomini e la natura >>>

La globalizzazione delle vacanze >>>

L’economia a San Piero in Bagno negli anni sessanta >>>

Il vino e la salamandra >>>

I miei ricordi... >>>

I pomodori da seccare >>>

Ricordi di Natale >>>

Ntibakire >>>

Una primavera finita con l’estate nel ricordo dei 50 anni >>>

Il Sensale >>>