Notizie dal Mondo Cronaca

Scandalo intercettazioni, Sarkozy condannato in appello a 3 anni

Uno da scontare ai domiciliari con il braccialetto elettronico

Print Friendly and PDF

Nuova tegola per Nicolas Sarkozy: la Corte d’Appello di Parigi ha condannato per corruzione e traffico di influenze l'ex presidente francese a tre anni di prigione, di cui due con la condizionale da scontare ai domiciliari con il braccialetto elettronico, per quello che è stato ribattezzato come «l’affaire delle intercettazioni». La pena prevede anche l'interdizione dai diritti civili per tre anni, che impedisce all'ex inquilino dell'Eliseo di candidarsi a cariche pubbliche. Mai prima d’ora un presidente francese aveva ricevuto una condanna così pesante. Nel 2011 il suo predecessore, Jacques Chirac, era stato condannato a due anni con la condizionale per un caso di impieghi fittizi risalenti al periodo in cui era sindaco di Parigi.

Alla sbarra anche il suo storico avvocato, Thierry Herzog, e l’ex magistrato Gilbert Azibert, per i quali sono state decise le stesse pene di Sarkozy, che ha subito annunciato attraverso i suoi avvocati il ricorso in Cassazione. «Arriveremo fino alla fine del percorso giudiziario», ha garantito l’avvocato Jacqueline Laffont, parlando di una sentenza «stupefacente».

Sarkozy, che al termine dell’udienza non ha rilasciato dichiarazioni, è stato ritenuto colpevole di aver ottenuto nel 2014 informazioni da Azibert in merito ad un processo che lo vedeva coinvolto in cambio di un sostegno per un posto da magistrato nel Principato di Monaco, mai arrivato. «Non ho mai corrotto nessuno e dovremmo poi aggiungere che si tratterebbe di una corruzione ben strana, senza denaro, neppure un centesimo per nessuno, senza vantaggi, nessuno ne ha avuti, e senza vittime, poiché non ci sono persone lese», aveva dichiarato l’ex presidente durante il processo in prima istanza.

Per Sarzoky, però, i problemi giudiziari non si fermano a questo dossier. In autunno arriverà un'altra sentenza della Corte d'Appello nell’ambito di un processo che lo vede coinvolto per sospetti finanziamenti illegali della campagna per le elezioni presidenziali del 2012. Nei giorni scorsi, inoltre, a Procura nazionale finanziaria (Pnf) ha chiesto il suo rinvio a giudizio per sospetti finanziamenti libici alla corsa per l’Eliseo del 2007.

 

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
18/05/2023 06:08:43


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Elon Musk accusato di molestie sessuali. Le proposte indecenti alle dipendenti di SpaceX >>>

Venti balene pilota spiaggiate: la corsa per salvarle, ma alcune non ce la fanno >>>

Israele nella black list. E Netanyahu: "Onu nella lista nera della storia" >>>

Putin: "L'Occidente ci porta problemi molto seri. In Italia non c'è una russofobia" >>>

L'allarme della Germania: "Putin non si fermerà all'Ucraina, prepariamoci alla guerra" >>>

Il punto debole della Nato in caso di guerra: ecco l'isola nel mirino della Russia >>>

Massiccio attacco aereo russo: colpita base per gli F16. Kiev >>>

Biden: "Israele disposto a ritirare le truppe per sei settimane. Questa guerra deve finire" >>>

"Colpevole". Trump condannato per i soldi alla pornostar Stormy Daniels >>>

Israele-Hamas, si media per il cessate il fuoco. Usa: nuova proposta ha il sostegno di Tel Aviv >>>