Notizie Nazionali Economia

Bonomi: "Con i 450 miliardi dell’Ue possiamo rilanciare il Paese"

Il numero uno di Confindustria: "Dobbiamo ristrutturare la macchina pubblica"

Print Friendly and PDF

“I rapporti sono stati e sono buoni, credo di poter affermare che c'è stima reciproca. Poi Confindustria ha possibilità e il dovere di fare critiche costruttive e di fare proposte che abbiamo sempre fatto". Il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, intervistato dal Tg5 esordisce così. Da giorni le sue rampogne contro il governo si susseguono senza soluzione di continuità. L’accusa: fare troppo poco per l’economia messa in ginocchio da tre mesi di stop, fare troppo poco per il motore dell’economia, ovvero le imprese. E dire che le risorse ci sarebbero, continua Bonomi. “Abbiamo un'occasione storica, con tutti gli interventi che l'Europa sta mettendo a disposizione del nostro paese compreso il recovery fund, se sarà nella misura attesa, parliamo di qualcosa come il 25% del Pil italiano, 450 miliardi. Possiamo veramente rilanciare il paese in un momento drammatico, possiamo riformare e cambiare il Paese. Dobbiamo farlo tutti insieme, assumendoci ognuno le responsabilità del caso. Ovvio che sta alla politica decidere: ma dobbiamo cambiare le infrastrutture dello stato perché così non funziona, non può andare avanti”. E la stoccata tipica delle imprese contro il pubblico: “Qualsiasi disponibilità finanziaria abbiamo, se non cambia la capacità dello stato di scaricare a terra gli interventi, non andremo da nessuna parte”.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
18/06/2020 06:01:47


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Effetto Covid: meno 7% sulle entrate tributarie >>>

Pil in calo del 12,4% nel secondo trimestre, ai minimi dal 1995 >>>

Superecobonus, come regolarsi in attesa dei decreti attuativi >>>

Decreto agosto: verso lo stop ai pagamenti delle cartelle fino a fine anno >>>

Pensione, in Italia i requisiti più severi d’Europa: il confronto con altri Paesi Ue >>>

Fisco: lunedì maratona di scadenze, rischio ingorgo >>>

Sconti fino a 10 mila euro e bonus per auto e moto >>>

Autostrade cerca l’accordo col governo. Sale a 3,4 miliardi l’offerta di indennizzo >>>

A maggio più pensioni che buste paga >>>

Istat, segnali di ripresa per l’industria italiana: a maggio + 42,1% rispetto ad aprile >>>