Economia L'Esperto

Patrimoniale dietro l’angolo? Cosa fare per blindare i risparmi

La paura diffusa tra i risparmiatori è che il governo possa colpire i loro conti e libretti bancari

Print Friendly and PDF

Nel bel mezzo dell'emergenza Covid-19 il sonno degli italiani è tormentato da un incubo: l'improvviso avvento di un'imposta patrimonialeLa paura diffusa tra i risparmiatori è che il governo possa colpire i loro conti e libretti bancari, prelevando su di essi una percentuale di denari.

Un timore del genere non è certo infondato, visto e considerando che lo Stato ha messo sul tavolo provvedimenti per frenare la diffusione del nuovo coronavirus ma anche misure per aiutare persone e imprese. In uno scenario del genere il debito pubblico italiano sfonderà il tetto del 150% del pil.

Insomma, per far tornare i conti pubblici sotto il livello di guardia è possibile che il governo opti per la patrimoniale; d'altronde gli esempi non mancano, a cominciare dal prelievo dello 0,6% deciso da Giuliano Amato nel 1992. Come sottolinea Il Fatto Quotidiano, gli italiani che hanno depositato i soldi sui conti correnti si stanno ingegnando per mettere al riparo il loro tesoretto dalla possibile mannaia statale. Dalle polizza vita ai depositi vincolati, passando per gli assegni circolari: ecco le varie opzioni sul tavolo.

Assegni circolari

C'è chi ha scelto la strada degli assegni circolari; queste persone hanno cioè spostato i loro soldi dal conto ad assegni circolari non trasferibili, da conservare in luoghi sicuri. Il problema è che un'imposta ''alla Amato'' potrebbe applicarsi anche sugli assegni emessi ma non ancora incassati. Ipotesi dunque sconsigliata.

Oro

Una pista più interessante è quella che porta dritta all'oro. Certo, le sue quotazioni vanno incontro a continui saliscendi. Ma è pur vero che il costo d'investimento, ovvero la rimessa per aver comprato e poi rivenduto l'oro, oscilla intorno al 10% per monete o piccoli lingotti. Una percentuale di tutto rispetto.

Contanti

L'alternativa ancora migliore, che permette di evitare anche un costo del genere, è quella che porta ai contanti. Detto in altre parole, conviene prelevare la moneta sonante dal conto e metterla in apposite cassette di sicurezza o in altro posto sicuro. Va da sé che conservare banconote proteggerebbe i contribuenti dal possibile crac dello Stato italiano.

Certo, la soluzione dei contanti non permette di evitare una patrimoniale. Dipende da cosa deciderà – se mai dovesse farlo – l'esecutivo. Ad esempio in Germania, nel 1952, la patrimoniale decisa dal governo tedesco prese come riferimento quanto posseduto dai contribuenti prima a una data anteriore (nel caso specifico al 21 giugno 1948), vanificando prelievi e intestazioni fittizie disposte.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
24/04/2020 19:13:44


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio L'Esperto

Tempo di ecobonus, incentivi per chi cambia infissi e caldaie >>>

Il Fisco busserà alle porte dei contribuenti entro la fine dell'anno >>>

Ecco il documento unico per le auto: a cosa serve e come funziona >>>

In arrivo la nuova Imu: ecco cosa cambia dal 16 giugno >>>

La paura di una "batosta" fiscale riapre la grande fuga dei soldi verso l'estero >>>

La nonna di Tomasini e il debito della Repubblica italiana >>>

Quando la burocrazia uccide più di una polmonite >>>

Dai migranti al turismo: tutte le grane del governo >>>

Dichiarazione dei redditi: tutte le novità sulle spese da indicare >>>

I tedeschi tifano patrimoniale: vogliono svuotarci le tasche >>>