Economia L'Esperto

Locazioni brevi, come cambia la cedolare secca

Introdotta una nuova aliquota per la tassazione degli affitti

Print Friendly and PDF

La Legge di Bilancio 2024 introduce delle novità per le locazioni brevi. Tra i vari aggiornamenti c’è la cedolare secca che aumenta per alcune tipologie di immobili. La misura, infatti, prevede tre aliquote per la tassazione degli affitti. Ecco le novità in vigore dal 1º gennaio 2024.

La cedolare secca

Innanzitutto ricordiamo che la cedolare secca è il regime sostitutivo Irpef di tassazione degli affitti. Questa può essere applicata per i contratti riguardanti gli immobili per finalità abitative. La Legge di Bilancio n. 213/2023 ha introdotto una nuova e terza aliquota per la tassazione degli affitti. All’imposta sostitutiva del 21% e all’aliquota agevolata del 10% si aggiunge quella del 26% dovuta per le locazioni brevi. Per coloro che scelgono di affittare fino a 30 giorni il proprio immobile dovranno sottostare alla tassazione con aliquota al 21% per chi affitta la prima casa e al 26% per chi affitta la seconda, terza e quarta casa.

Cedolare del 21%

La cedolare secca del 21% è quella che viene applicata maggiormente poiché, escluse particolari condizioni soggettive, non ci sono limiti particolari per accedervi. Questa misura è opzionabile da persone fisiche titolari del diritto di proprietà o di godimento di un immobile. Le condizioni appena citate sono valide fuori dall’esercizio di attività d’impresa, arti o professioni.

Cedolare del 10%

La cedolare secca del 10% è particolarmente vantaggiosa per i contratti di concordato. Viene applicata in determinati casi ovvero in comuni dove mancano le soluzioni abitative o densamente popolati, a quelli dove si sono verificate calamità naturali e ai contratti d’affitto a studenti universitari. Infine agli affitti transitori disciplinati dalla legge n. 431/1998. La prima categoria citata include i comuni di Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia, i comuni confinanti e gli altri comuni capoluogo di provincia. La cedolare secca al 10% viene esercitata esclusivamente in caso di contratti di affitto con la formula dell’equo canone, per questi è richiesta l’assistenza da parte delle organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori firmatarie dell’Accordo Territoriale.

Cedolare del 26%

La cedolare secca del 26% viene applicata in caso di locazione per periodi brevi per più di un appartamento all’anno. Questa misura verrà applicata alle locazioni brevi di durata massima di 30 giorni nei quali sono inclusi i contratti che prevedono la prestazione di servizi di fornitura di biancheria e pulizia di locali, stipulati direttamente o attraverso soggetti che si occupano di svolgere attività di intermediazione immobiliare, inclusi i gestori di portali telematici.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
30/01/2024 06:52:00


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio L'Esperto

Come si divide l'eredità in assenza di testamento e quando è fondamentale >>>

Assicurazione sulla vita ma non solo: come scegliere la polizza più vantaggiosa >>>

Energia, prezzi come a giugno 2021 ma bollette più care di 330 euro >>>

Co.Mark, Toscana: moda e farmaceutica trainano le esportazioni >>>

Occhio alla "truffa del sì" sulle bollette: come funziona >>>

Il nuovo 730 è sempre più semplice: ecco cosa cambia e perché va incontro ai cittadini >>>

Rc Auto, prezzi in calo: perché oggi l'assicurazione costa meno >>>

Risparmio, raddoppiati Bot e Btp in mano alle famiglie italiane >>>

Locazioni brevi, come cambia la cedolare secca >>>

Bonus luce e gas 2024: le novità e i requisiti per ottenerlo >>>