Musica Curiosità

Riccardo Cocciante: "Non sono contro Sanremo, ma serve un premio"

Alla musica italiana servirebbe protezione per gli artisti e più posti per fare concerti

Print Friendly and PDF

"Non è vero che ce l'ho con Sanremo, ma in Italia per la musica non può esistere solo quello". A dirlo è Riccardo Cocciante, oggi tra gli artisti intervenuti al secondo incontro al Mic, quello dedicato al settore musica, in vista della nascita del primo Codice dello spettacolo. "Alla musica italiana oggi servirebbero molte cose: protezione, innanzitutto, per gli artisti - dice - Dovremmo anche avere più posti per fare dei concerti, adatti. Invece siamo sempre in luoghi in prestito da qualcun altro, dallo sport ad esempio. Roma non ne ha uno degno per la musica popolare.

"Dobbiamo proteggere anche la musica di oggi"

"La prova è che quando dovevamo portare qui Notre Dame de Paris, David Zard ebbe l'idea di creare un teatro, perché non si trovava un posto per 4mila spettatori. In Italia - prosegue - solo l'opera è l'unico tipo di musica protetto e accettato. È nostro patrimonio, assolutamente, ma dobbiamo proteggere anche la musica di oggi, che sarà quella di domani. E che non è 'musichetta', ma crea cose importanti. In Italia, poi - dice - manca un'educazione di base alla musica. Se non c'è, le nuove generazioni non sapranno neanche cos'è l'opera, né conosceranno i grandi compositori".

L'Italia è l'unico paese in Europa a non avere un premio del genere

E soprattutto - aggiunge - in Italia non abbiamo un premio alla musica, come i Grammy che danno riconoscenza a quello che è successo durante l'anno, perché noi cantanti siamo la punta dell'iceberg, ma sotto c'è una gran quantità di persone che lavora e che non vengono mao riconosciute. L'Italia è l'unico paese in Europa a non avere un premio del genere. No, non sono contro Sanremo - sottolinea - ma quello è un concorso. Deve esistere, però deve esistere anche il premio che vada a tutta la categoria della musica". E ancora, dice Cocciante, "molti la considerano musica leggera, 'musichetta'. Maestri come Mogol o Gino Paoli non hanno mai avuto un premio. L'underground in Italia così non è aiutato, non si fa sperimentazione, perché tutto nasce ed è pensato per andare a Sanremo. Penso anche al jazz, che invece è la musica che rimarrà del nostro secolo, così come le categorie non commerciali. Ecco - conclude - non siamo aiutati a esistere in quanto cultura popolare di oggi". 

Notizia e Foto tratte da Tiscali
© Riproduzione riservata
25/03/2024 07:01:31


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Curiosità

Noemi e il grande ritorno: "Finalmente ho allontanato da me le persone e i pensieri negativi" >>>

Paul McCartney e John Lennon arrivarono a odiarsi, i loro figli fanno musica assieme >>>

Quando Lucio Battisti rifiutò un miliardo di lire da Gianni Agnelli >>>

Gelo tra Riccardo Fogli e Roby Facchinetti: "Patty Pravo e la verità sull'addio ai Pooh" >>>

Il padre, l'anfetamina, le donne, il carcere: Vasco Rossi e la sua "vita spericolata" >>>

Riccardo Cocciante: "Non sono contro Sanremo, ma serve un premio" >>>

Che fine ha fatto Donatella Milani? >>>

Claudio Baglioni annuncia il ritiro dalle scene entro il 2026 >>>

Zucchero e la depressione: "Come ne sono uscito dopo 6 anni" >>>

Orietta Berti, 80 anni da rivoluzionaria >>>