Notizie Nazionali Sanità

Sanità, si allarga il divario tra le regioni

Il disegno di legge del governo sull’autonomia rischia di aumentare le disuguaglianze

Print Friendly and PDF

L’autonomia differenziata finirà per sbriciolare quel po’ di solidaristico che ancora c’è nel nostro servizio sanitario nazionale a vantaggio delle regioni più ricche e a tutto discapito di quelle messe peggio. L’allarme ieri lo hanno dato i governatori del sud e l’Ordine dei medici, insieme agli esperti del settore. Tutti contrari al disegno di legge approvato dal governo, che minaccia di accentuare le diseguaglianze che in sanità sono casomai da ripianare. E il problema non è tanto la divisione delle competenze, che saranno stabilita dalle intese siglate dalle singole regioni con lo Stato. A quest’ultimo già oggi restano infatti di esclusiva competenza solo la profilassi internazionale, i contratti del personale sanitario e i Lea, i livelli essenziali di assistenza, che elencano le prestazioni mutuabili su tutto il territorio nazionale. Il ddl su questo si limita a un cambio di nome, trasformando i Lea in Lep, i Livelli essenziali di prestazioni, che dovrebbero essere uguali da nord a sud. Ma che il condizionale sia d’obbligo lo dice l’articolo 5 del ddl Calderoli, dove si specifica che ogni intesa Stato-regione «individua le modalità di finanziamento delle funzioni attribuite attraverso compartecipazioni al gettito di uno o più tributi o entrate erariali maturato nel territorio regionale». E siccome le più ricche regioni del centro-nord potranno attingere a un gettito fiscale maggiore di quelle del sud, è chiaro che i Lep o i Lea che dir si voglia non saranno affatto uguali da un punto all’altro dello Stivale.

Già oggi ci sono regioni che finanziano con le entrate proprie una fetta dei servizi sanitari offerti ai propri assistiti. Anche se il 10% lo superano soltanto la Valle d’Aosta (13,8% del finanziamento totale e la Liguria (10,4%). Ma a marcare la vera differenza è il sistema di riparto del fondo sanitario nazionale, che dando maggiore peso alla popolazione anziana anziché alla deprivazione sociale, finisce per avvantaggiare le regioni più ricche. Al netto delle risorse per la lotta al Covid il Crea sanità ha evidenziato che la spesa pro-capite raggiunge il suo apice in Emilia Romagna con 2.200 euro, seguita da Valle d’Aosta a 2.150 e con una manciata di euro in meno dalla Liguria, Ma ad accezione del Molise le regioni del sud vanno dai duemila euro a scendere, fino ad arrivare al minimo della Calabria con poco più di 1.900 euro.

Come ha rilevato di recente la Corte dei Conti, non sempre alla maggiore disponibilità di denaro corrisponde un migliore livello dei servizi. Perché poi entrano in gioco fattori come quello del personale - che al sud è più carente- e dell’organizzazione. Però la differenza di qualità tra ricchi e poveri c’è e si vede.

Sempre il Crea nel suo ultimo rapporto annuale ha dato i punti alle regioni sulla base di 18 indicatori, che comprendono la quota di persone che rinunciano alle cure causa liste di attesa, la quota di anziani e disabili che ricevono le cure domiciliari o i tassi di copertura degli screening oncologici, che solo per focalizzarci su quelli al seno passano da un 63% al nord al 53% del centro per finire al 41% del sud. Esaminati tutti gli indicatori Veneto ed Emilia Romagna superano i 50 punti, mentre le altre regioni del nord fluttuano tra 48 e 40, con un pelo sotto Piemonte e Valle d’Aosta. Ma tutte le regioni del Sud, Lazio compreso, vanno da 30 in giù, con la Calabria ultima nella classifica dei finanziamenti e altrettanto in quella delle performance.

«Il regionalismo differenziato darà il colpo di grazia al nostro Ssn» contesta il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta. Che nella maggiore autonomia richiesta dalle regioni del nord su «sistema tariffario, di rimborso e dei ticket, oltre che nella gestione dei fondi sanitari integrativi» vede dietro l’angolo un «ulteriore aumento delle diseguaglianze». Lo stesso è per Tonino Aceti, presidente di Salutequità. «Prima di dare più autonomia alle regioni si pensi a far si che lo Stato eserciti il suo controllo, oggi praticamente assente, su materie cruciali come le liste d’attesa, la rinuncia alle cure o l’accesso ai farmaci innovativi». Insomma, appianare le diseguaglianze prima di differenziare. La direzione opposta a quella imboccata da governo.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
03/02/2023 05:58:35


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Sanità

Sanità, ecco il Piano Schillaci per ridurre le liste d'attesa >>>

Giornata mondiale della salute: le 10 abitudini per prendersene cura >>>

Boom di tumori fra i giovani: sempre più colpite donne fra i 30 e i 40 anni >>>

L’allarme di Ilaria Capua: "Un'altra pandemia sarà inevitabile e sarà ancora più aggressiva" >>>

Bassetti: in arrivo un'epidemia di morbillo, ma il virus non è quello che tutti conosciamo >>>

Sono 14 gli ospedali italiani tra i migliori al mondo >>>

Alzheimer, un test al sangue lo rivela 15 anni prima >>>

E' boom di clamidia, gonorrea, sifilide e Hpv >>>

Influenza 2024, ritorno a scuola e picco >>>

Boom di casi di influenza e Covid, ecco quali sono i sintomi e i farmaci da usare >>>