Notizie Locali Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Giorgio Baglioni, segretario della Lega di Città di Castello

“Il reddito di cittadinanza ha dimostrato di essere stato uno strumento sbagliato"

Print Friendly and PDF

Consigliere comunale di opposizione a Città di Castello fino all’ottobre dello scorso anno, poi segretario politico del “Carroccio” tifernate da praticamente un anno. Giovane e preparato: le due prerogative di Giorgio Baglioni, con il quale spaziamo su temi che vanno dal locale al nazionale.

Baglioni, su che cosa si sta distinguendo il mandato di segretario politico della Lega tifernate sotto la sua segreteria e con il direttivo eletto anch’esso circa un anno fa?

“Il mio mandato è iniziato a dicembre 2021, quando - dopo quasi tre anni da commissario - sono stato eletto all’unanimità da tutti i militanti della sezione con un programma che ha alla base l’ascolto e la condivisione. L’obiettivo è quello di essere presenti sul territorio e di portare avanti un’attività all’interno del partito che riesca a stimolare i sostenitori e i militanti con incontri sulle tematiche politiche chiave (sanità, infrastrutture e sicurezza). Inoltre, abbiamo l’obiettivo di creare una scuola politica di sezione, che dia le basi a dei futuri amministratori, in quanto per saper amministrare a tutti i livelli è necessaria la conoscenza della pubblica amministrazione e come saper fare politica al suo interno. Colgo l’occasione per ringraziare il direttivo della sezione che mi è di supporto e che è composto da Marco Grosso, Manuela Puletti, Corrado Belloni, Roberto Cuccolini, Marco Castellari, Fabio Meacci”.

Quale riflessione avete fatto, come Lega, dopo i risultati del 25 settembre scorso che hanno segnato il trionfo di Fratelli d’Italia e di Giorgia Meloni?

“Le elezioni hanno visto una Lega al di sotto delle aspettative: abbiamo pagato in termini elettorali la nostra presenza nel governo Draghi e l’aver supportato scelte che i nostri elettori non hanno capito. Il segretario federale Matteo Salvini però è stato chiaro: rifarebbe di nuovo la stessa scelta, quella di entrare nel governo, per senso di responsabilità nei confronti del nostro Paese, in un momento in cui avremmo dovuto unire le forze per ripartire dopo una pandemia che ci ha messo in ginocchio. Fratelli d’Italia ha optato per una strategia diversa, è rimasta all’opposizione e storicamente un partito all’opposizione riesce sempre ad aumentare i propri consensi. Ma questo ormai appartiene al passato: ora le elezioni hanno dato un mandato politico forte a un centrodestra unito, che ha tutti i numeri e le carte in regola per governare bene cinque anni e sono convinto che anche la Lega riuscirà a portare a casa degli obiettivi importanti che ci perterranno di recuperare consenso elettorale”.

Cosa sente di dire ai quattro parlamentari che Città di Castello e l’Altotevere sono riusciti a confermare?

“Città di Castello, ancora una volta, è riuscita a esprimere un numero alto di parlamentari, due nell’alveo della maggioranza e due in quello dell’opposizione. Quello che posso dire è che l’Altotevere ha necessità di grandi interventi, soprattutto a livello infrastrutturale, che di fatto ci isolano da collegamenti nazionali (autostrade e alta velocità ferroviaria). L’impegno principale deve essere concentrato sia sul riuscire a creare nuove infrastrutture ma anche sul potenziamento dei collegamenti che ad oggi ci sono (E45 e Fcu). In questo senso, la giunta regionale già si sta muovendo in questa direzione e credo che, collaborando insieme ai nostri deputati e al governo, riuscirà finalmente a portare a compimento importanti opere”.

Uno dei problemi sui quali insistete da tempo riguarda le infrastrutture; Matteo Salvini il ministro giusto al momento giusto?

“Assolutamente sì. Il ministro Matteo Salvini - grazie all’onorevole della Lega, Riccardo Augusto Marchetti - ha già sul tavolo dopo un solo mese di governo i dossier sulla E78 per capire a che punto sono i lavori, quali sono le criticità più importanti e le risorse necessarie al completamento. Questo ci riempie di gioia, perché dopo anni di battaglie per la E78 e la Guinza abbiamo finalmente un ministro con cui possiamo interloquire, che sta già lavorando nella direzione giusta e che, grazie a ciò, permetterebbe all’Altotevere di avere finalmente respiro sotto l’aspetto economico e quello turistico. Oltre a questo che più ci riguarda da vicino, il ministro Salvini ha già sbloccato milioni di euro di opere autostradali e potenziamenti ferroviari in Italia, che significa milioni di euro per imprenditori, artigiani e operai”.

Siete favorevoli alle proposte di revisione del reddito di cittadinanza?  

“Il reddito di cittadinanza, in questi anni, ha dimostrato di essere stato uno strumento sbagliato, spesso oggetto di scandali e sprechi, non adatto a creare lavoro e combattere la disoccupazione: per questo, siamo assolutamente favorevoli alla sua revisione. Quello che è stato fatto ora è solo l’inizio, dal momento che, con una manovra finanziaria scritta in un mese, non poteva essere modificato ulteriormente un qualcosa di così complesso, ma l’obiettivo è quello di abolire il reddito di cittadinanza dal 2024 per chi ha un’età compresa fra i 18 e i 59 anni ed è in grado di lavorare. Le risorse recuperate da questi tagli è molto più produttivo utilizzarle per abbattere il cuneo fiscale e per incentivare le aziende ad assumere. In questo modo si possono rilanciare l’occupazione e l’economia italiana”.

Redazione
© Riproduzione riservata
25/11/2022 12:11:25


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Francesco Massi consigliere del Comune di Monterchi >>>

Mondo Politica: intervista a Francesco Cenciarini assessore al comune di Umbertide >>>

Mondo Politica: intervista a Roberto Brunelli consigliere comunale a Città di Castello >>>

Mondo Politica: intervista a Francesca Mercati assessore del Comune di Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Mauro Gallorini esponente del Movimento 5 Stelle di Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista ad Andrea Boncompagni, segretario del circolo 2 del Pd di Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Gabriele Marconcini ex assessore del Comune di Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Salvio Zoi segretario della Valtiberina di Fratelli d'Italia >>>

Mondo Politica: intervista a Fabio Bellucci consigliere comunale a Città di Castello >>>

Mondo Politica: intervista a Marco Casucci consigliere della Regione Toscana >>>