Rubrica Tecnologia

Ecco quali smartphone emettono più radiazioni

Tra quelli più attuali e diffusi ci sono differenze sostanziali misurate da un apposito indice

Print Friendly and PDF

Gli smartphone emettono radiazioni e i produttori non sono sempre ligi nel comunicarne i valori ai consumatori. Per questo motivo l’ufficio Federale tedesco per la protezione dalle radiazioni (Bundesamt für Strahlenschutz) aggiorna i dati degli indici Sar (Specific absorption rate, ovvero il tasso di assorbimento specifico) degli smartphone in commercio.

In Europa la soglia di energia elettromagnetica consentita è di 2,0 Watt per chilogrammo su 10 grammi di tessuto per 6 minuti e, benché non esistano prove che leghino l’insorgenza di tumori cerebrali all’uso dei dispositivi mobili, le autorità federali tedesche forniscono ai cittadini un’informazione costante e aggiornata.

Le emissioni degli smarpthone

Applicando l’indice Sar agli smartphone più diffusi (che in Europa non può superare i 2,0 Watt per chilogrammo) si è arrivati a stabilire che, tra i cinque che emettono più radiazioni, ci sono:

  • Samsung Galaxy S21 Ultra (anno di produzione 2021), indice Sar 1,79
  • Oppo Find X3 Pro (2021), indice Sar 1,26
  • Oneplus 9 (2021), indice Sar 1,17
  • Motorola Edge 20 (2021), indice Sar 1,00
  • iPhone 13 Pro (2021), indice Sar 0,99

Benché tra i più elevati in termini di emissione di radiazioni, nessuno supera il limite dei 2,0 W/Kg imposto dalle norme Ue.

Tra quelli che hanno il minore tasso di assorbimento specifico appaiono:

  • Google Pixel 6 (anno di produzione 2021), indice Sar 0,98
  • Google Pixel 5A (2021), indice Sar 0,93
  • Motorola Edge (2020), indice Sar 0,71
  • iPhone 12 (2020), indice Sar 0,47
  • Huawei Mate 20 Pro (2018), indice Sar 0,40

Nel database messo a disposizione dall’ufficio Federale per la protezione dalle radiazioni figurano anche altri smartphone che godono di minore diffusione oppure sono molto poco diffusi in Italia. Tra questi spiccano Allview P7 Pro (1,82 W/Kg) e il modello X4 Sould (1,65 W/kg). Si distinguono per le basse emissioni il Samsung Galaxy Note 10+ (0,19) lo Zte Blade V10 (0,13).

I dati dei produttori

I siti dei produttori, anche se non li mettono in bella vista, riportano i dati relativi alle emissioni elettromagnetiche: qui si possono reperire quelli dei dispositivi Samsung, qui i dati degli smartphone Oppo e qui quelli forniti da Apple.

Nello specifico le informazioni relative agli standard imposti per legge, tra le quali le norme Sar, sono consultabili digitando *#07# sul proprio smartphone, come se si stesse componendo un numero a cui telefonare e poi premendo sul tasto per avviare la chiamata.

Notizia tratta da ilgiornale.it
© Riproduzione riservata
02/09/2022 18:19:38


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Tecnologia

Addio censura, Facebook e Instragram potrebbero rimuovere il bando sui capezzoli femminili >>>

Comprare followers? Perché farlo e quali sono i migliori siti >>>

La posta elettronica crittografata arriva su Gmail: cos’è e come funziona >>>

La relazione shock del governo: lo smartphone è peggio della cocaina, atrofizza il cervello >>>

Come ricordare le password >>>

Portabilità SIM, cambia tutto: ecco le nuove regole >>>

WhatsApp, ecco cosa potrai fare molto presto: le funzioni in arrivo >>>

Parte "l'abbonamento" per Twitter: come funziona l'idea di Musk >>>

Come fare a capire se qualcuno ti ha bloccato su WhatsApp? >>>

PassKey, le password hanno i giorni contati: cosa cambia >>>