Notizie dal Mondo Economia

Anche per Starbucks niente più pubblicità sui social network

Questa pausa non includerà You Tube

Print Friendly and PDF

Starbucks Corp metterà in pausa la pubblicità su tutte le piattaforme di social media mentre esplora i modi migliori per aiutare a fermare la diffusione dei discorsi d’odio, lo ha fatto sapere con una nota domenica. La società "avrà discussioni interne e con i partner dei media e le organizzazioni per i diritti civili per fermare la diffusione dei discorsi d'odio". La dichiarazione ha aggiunto che questa pausa non includerà YouTube. La società continuerà a pubblicare post sui social media senza promozioni a pagamento. Ha anche detto che sebbene Starbucks stia mettendo in pausa la pubblicità, non si sta unendo alla campagna di boicottaggio "Stop Hate For Profit" iniziata nei primi giorni di questo mese. Più di 160 aziende, tra cui Verizon Communications e Unilever Plc, hanno firmato per interrompere l'acquisto di annunci pubblicitari su Facebook Inc, la più grande piattaforma di social media al mondo.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
29/06/2020 05:54:02


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

L’Europa fa la voce grossa con gli Usa sulle tariffe >>>

Londra, 600 milioni di sterline per comprare Wembley >>>

Fallisce il più grande proprietario dei Pizza Hut travolto dal coronavirus >>>

Fallimento Wirecard, da Sisalpay venti milioni per tutelare i conti dei clienti >>>

Anche per Starbucks niente più pubblicità sui social network >>>

La Coca Cola ritira la propria pubblicità dai social >>>

Lufthansa, via libera Ue ai 6 miliardi pubblici >>>

Fmi taglia le sue stime: crollo quest'anno del Pil globale pari al 4,9% >>>

Record per la chitarra di Kurt Cobain: venduta all’asta per 6 milioni di dollari >>>

Zara chiude i suoi negozi per darsi al commercio online >>>