Opinionisti Matteo Canicchi

La Pieve di Socana e la continuità di un luogo sacro attraverso il tempo

La chiesa è databile agli inizi dell’XI secolo

Print Friendly and PDF

Nell’attuale Casentino, un tempo terra degli Etruschi, rimane se pur consumata, un’ara sacrificale dietro l’abside centrale della chiesa cristiana di Sant’Antonino a Socana. La chiesa è databile agli inizi dell’XI secolo. La sua edificazione non è casuale, ma la prova della continuità della sacralità del luogo. L’ara, databile alla metà del V secolo a.C., è in pietra arenaria e presenta una decorazione lungo tutto il suo profilo perimetrale. Le dimensioni sono di 5 metri di lunghezza, 4 metri di larghezza e circa 1 metro di altezza da terra. Per la sua rilevanza storica la Soprintendenza archeologica della Toscana è intervenuta con restauri negli anni ’80 del Novecento e nel 2015. Alcune delle decorazioni ritrovate, sono state trasferite al museo archeologico di Arezzo e al museo archeologico di Partina, sempre in provincia di Arezzo. Per raggiungere la Pieve, percorrendo la strada che da Arezzo attraversa il Casentino, all’altezza del Comune di Castel Focognano, si lascia la strada principale, seguendo un bivio ben segnalato.

Matteo Canicchi
© Riproduzione riservata
15/06/2020 09:08:36

Matteo Canicchi

Matteo Canicchi - Nato a Sansepolcro, laureato in Conservazione dei Beni Culturali presso l’Università degli Studi di Siena in Storia della Toscana. Guida turistica abilitata per le province di Firenze ed Arezzo, ambasciatore della fondazione inglese Esharelife ed agente di commercio. Arte e turismo i campi di particolare interesse professionale.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Matteo Canicchi

Leonardo da Vinci e le Balze del Valdarno aretino >>>

L’importante lezione di Antonio da Anghiari >>>

Lavori e mestieri a Sansepolcro durante l’Impero Napoleonico >>>