Opinionisti Mara Valentini

Tonino Guerra e l’Erbhosteria di Rofelle

Il primo incontro con Tonino

Print Friendly and PDF

Quell’ultimo giorno  di giugno del ’64, lo ricordo come fosse ieri, fu un giorno speciale, uno di quei giorni che rimangono impressi nella mente per tutta la tua vita Ultimo giorno delle  scuole elementari e ultimo giorno della prova  d’esame, poi sarei passata alle Scuole Medie. Ero elettrizzata e soddisfatta per il buon risultato.  All’interno del giardino che circondava l’edificio scolastico giocavo felice con i miei compagni di scuola, quando all’improvviso qualcosa rapì la mia attenzione: al di là della strada  un gruppo chiassoso  di persone  si stava avvicinando  alla vecchia osteria della mia famiglia. Come si può ben immaginare il piccolo  borgo di Rofelle, terra aretina ma di confine tra Toscana, Emilia Romagna e Marche non era molto frequentato e qualsiasi novità in tema di visitatori erano motivo di interesse.

Per questo motivo e, considerato che la curiosità è stata da sempre  una mia caratteristica, senza  pensarci due volte, trafelata e senza alcun indugio, mi misi a correre  in direzione di quel gruppetto,  ansiosa di conoscere l’identità di quelle persone così  allegre.

Non mi notarono, tanto erano concentrati nel loro chiacchiericcio , ragione per cui mi intrufolai fra loro e sgusciando tra l’uno e l’altro riuscii a percepire il sussurro di un nome pronunciato da un signore alto dai capelli bianchi: Monica. Monica vieni qui, Monica guarda qui, Monica stai attenta a non cadere.

E lì mi partì un’intuizione illuminante che mi fece capire che quella bella signora bionda e dalla voce un po’ rauca era proprio  Monica Vitti famosa  attrice e il signore con i capelli bianchi altri non era se non  Michelangelo Antonioni il regista dell’incomunicabilità.

Mi ci volle poco tempo per il riconoscimento anche degli altri componenti del gruppo: Tonino Guerra, Michelangelo Antonioni, Bernardo Bertolucci, Carlo di Palma,  

In seguito venni poi  a sapere  che altri non erano che il regista, lo sceneggiatore, il protagonista  e il responsabile alla fotografia del film ‘Deserto Rosso’,  film che poi vinse il Leone d’oro al Festival di Venezia. Tonino Guerra li aveva portati in giro per la Valmarecchia, per far loro conoscere questa terra così aspra, ricca di torri bizantine e antiche chiese, di tradizioni e di storia, di guerre e battaglie sanguinarie, ma anche  di buona cucina.

Questo fu il mio primo incontro con il Maestro Tonino Guerra e di quel giorno il ricordo più bello fu il mio lungo dialogo con Monica Vitti, parlammo di tante cose, del mio sogno recondito di fare la ballerina di danza classica e delle mie scarpe rovinate sulle  punte, perché mi allenavo con quello che avevo. Parlammo dei suoi film e dei suoi personaggi. Ricordo la  mia mamma agitatissima che  tirava la sfoglia e che era più interessata alle sue tagliatelle che ai personaggi famosi che avevamo ospiti e ricordo ancora mio padre Augusto che  infilava la lepre nello spiedo del vecchio  girarrosto meccanico, alternandola con patatine e pezzettini di pane.

Ricordo anche che,  mentre la carne si cuoceva sul  focolare,  il gruppo  si era spostato in cantina dove, tra l’odore acre di vino e il forte odore degli insaccati appesi, mio padre affettava a mano il nostro prosciutto di casa, fatto stagionare per lungo tempo. Non faceva in tempo a farne una fettina, che le mani impazienti degli illustri ospiti, guidate da una fame prorompente,  s’infilavano vicino alla lama facendogli esclamare ‘state attenti altrimenti vi affetto le dita’. E tutti giù a ridere divertiti a cominciare da mio padre.

Da quel giorno in poi non seppi più niente del Maestro se non che era a Roma ed era famoso. Poi,  un giorno di ottobre del 1985, ricomparve all’improvviso a Rofelle, insieme all’Avv. Gianluigi Berti.  Era una di quelle giornate soleggiate e miti in cui ti sembra che l’estate non se ne voglia andare e l’autunno stenti ad arrivare. 

-L’aspettavo – gli  dissi  rivolgendomi al maestro ancora sul ciglio della porta e lui, dopo un attimo di sorpresa per questa affermazione, sorridendo  riprese il discorso lasciato ventuno anni prima , come se il tempo intermedio non fosse esistito. Da  quel momento ebbe inizio la seconda parte e  secondo me  la  più importante, per il rapporto di amicizia  tra Tonino Guerra e l’Erbhosteria di Rofelle. Fu lui a coniare il nome del ristorante.

Un rapporto costante che perdurerà per quasi dieci anni. Un periodo ricco di incontri importanti, perché al Maestro piaceva portare personaggi famosi  a mangiare a Rofelle , consapevole che questo avrebbe accresciuto il nome del locale, ma fatto anche di momenti densi di emozioni  soprattutto quando veniva da noi in famiglia  solo o con suo figlio Andrea o con Lora sua moglie. Allora tutto diventava magico e  indimenticabile.

Ogni domenica mi chiamava e mi chiedeva se c’era stata gente a pranzo, se avevamo lavorato bene e se avevamo guadagnato abbastanza. Ma la sua premura non si fermava a questo. Spesso mi chiamava per dirmi che aveva mangiato una cosa buona e cercava di descrivermela. Ricordo che un giorno mi telefonò per dirmi che aveva mangiato delle patate ripiene dal sapore meraviglioso e si era fatto dire pressappoco come erano fatte per poi passarmi questo piccolo segreto.

Tonino Guerra era anche questo: non tralasciava niente, nemmeno le piccole cose e per questo motivo ti sentivi che facevi parte del suo mondo, che diventava anche il tuo. Egli ha saputo scovare  e valorizzare  negli abitanti della Valmarecchia la creatività insita in ogni persona, che fosse un contadino o una massaia, che fosse un falegname o un oste. Di tutti ha fatto artisti e ha insegnato a vedere e non a guardare , con altri occhi la bellezza di questa valle.

Amava la crema di porcini, un piatto delicato che l’Erbhosteria  propone ancora  e che ha tutto il sapore della montagna e della terra. Amava i piatti semplici e non elaborati, era curioso ma parco e moderato.

Non poteva mangiare tutto per motivi di salute  e allora quando un piatto era troppo pesante : assaggialo  tu- mi diceva- così mi sembrerà di averlo mangiato anch’io. -. Le erbe e i fiori in cucina  lo incuriosivano, ma tante volte mi  sono chiesta se gli piacessero davvero o se piuttosto affermasse di amarli  per farmi piacere  o per incoraggiarmi  a raccontare le storie che queste creature si portavano dietro. Si divertiva e ascoltava. Ascoltava curioso e prendeva . Tutto quello che sentiva lo prendeva per farne patrimonio della sua arte.

Scritto da Mara Valentini nel libro "TONINO GUERRA, IL CIBO E L'INFANZIA" scritto da Graziano Pozzetto e edito da "Il Ponte Vecchio"

Redazione
© Riproduzione riservata
10/06/2020 11:28:05

Mara Valentini

Mara Valentini - Mara Valentini è nata e cresciuta a Rofelle, frazione del Comune di Badia Tedalda, e in questo contesto, ha imparato ad amare la terra e il mondo delle piante e dei fiori. Dopo esseri diplomata al Liceo Scientifico di Sansepolcro, si è laureata presso l’ Università di Urbino. Ama cambiare, intraprendere nuove sfide in un rinnovamento continuo. Da sempre impegnata in politica, per combattere le ingiustizie e difendere i più deboli. Nel 1989 è cominciata la sua storia nella Repubblica di San Marino, dove è stata Direttore generale del Dipartimento “Istruzione, Cultura e Università”. Membro CAHDPH Rights of Persons with Disabilites dal 2007 al 2016 presso il Consiglio d’Europa, Rappresentante della Repubblica di San Marino nel Committee of Experts on the Rights of People with disabilites (DECS-RDP), Council of Europe Strategy on the Rights of Persons with disabilites (2017-2023) a Strasburgo. Nella XXIX Legislatura è stata Parlamentare della RSM poi Commissario della Commissione Parlamentare I - Affari Istituzionali, Pubblica Amministrazione, Affari Interni, Protezione Civile, Giustizia, Istruzione, Cultura, Università e Ricerca Scientifica, poi Commissario della Commissione Parlamentare IV - Sanità, Sport, Territorio e Ambiente. Sindaco di Governo. Membro (UIP) Unione Internazione Parlamentare a Ginevra. Capo Delegazione (PAM) Parliamentary Assembly of the Mediterranean delle Nazioni Unite. Tra le sue passioni, la scrittura e la cucina: collabora con la rivista “Giardino Antico” dove ha una sua rubrica personale dal titolo “La cucina delle foglie”.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Mara Valentini

Vecchi al tempo del Covid-19 >>>