Notizie dal Mondo Economia

Coronavirus, Air Canada licenzia 20mila dipendenti

La compagnia aerea canadese ha annunciato il taglio a partire dal 7 giugno

Print Friendly and PDF

La compagnia aerea canadese Air Canada ha annunciato il licenziamento di 20.000 dei suoi 38.000 dipendenti a partire dal 7 giugno, in risposta al calo di attività dovuto alla pandemia di coronavirus. Il piano prevede un minimo di 19.000 lavoratori e fino a 22.800 da licenziare, secondo l'agenzia di stampa The Canadian Press. La compagnia aerea, la più grande del Canada, sta mantenendo a terra 225 aerei e ha ridotto la sua capacità del 95%. «Abbiamo quindi preso una decisione molto difficile oggi e stiamo per ridurre significativamente le nostre operazioni per soddisfare le previsioni, il che purtroppo significa ridurre la nostra forza lavoro del 50-60 per cento», ha spiegato la compagnia aerea in un comunicato. 

Il piano dei costi attuato a marzo ha già comportato il licenziamento di quasi la metà dell'organico e solo 16.500 lavoratori sono stati reintegrati. Inoltre, la compagnia proporrà agli assistenti di volo di ridurre i turni, i congedi fino a due anni e gli incentivi di viaggio in caso di congedi volontari, secondo un bollettino interno inviato giovedì all'Unione Canadese dei Lavoratori del Settore Pubblico. Questi licenziamenti avvengono nonostante un programma statale che permette ai lavoratori - tra cui 6.800 assistenti di volo - di usufruire di una regolamentazione del lavoro temporaneo al 75 per cento dello stipendio, fino a 847 dollari canadesi a settimana.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
16/05/2020 20:15:27


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

L’Europa fa la voce grossa con gli Usa sulle tariffe >>>

Londra, 600 milioni di sterline per comprare Wembley >>>

Fallisce il più grande proprietario dei Pizza Hut travolto dal coronavirus >>>

Fallimento Wirecard, da Sisalpay venti milioni per tutelare i conti dei clienti >>>

Anche per Starbucks niente più pubblicità sui social network >>>

La Coca Cola ritira la propria pubblicità dai social >>>

Lufthansa, via libera Ue ai 6 miliardi pubblici >>>

Fmi taglia le sue stime: crollo quest'anno del Pil globale pari al 4,9% >>>

Record per la chitarra di Kurt Cobain: venduta all’asta per 6 milioni di dollari >>>

Zara chiude i suoi negozi per darsi al commercio online >>>