Rubrica Lettere alla Redazione

La superstrada E45 é un pericolo per l'incolumità pubblica

Il tratto Sansepolcro - San Giustino é vergognoso

Print Friendly and PDF

Volevo e credo che molti di voi sappiano ed hanno visto in che stato versa il tratto di E45 tra Sansepolcro e San Giustino. E' un disastro, una vergogna da denunciare in tutti i modi, c'è pericolo per l'incolumità pubblica, infatti pochi giorni fa c'é stato un pauroso incidente, dove due auto hanno preso fuoco ( per la strada dissestata quasi distrutta) proprio in quel tratto secondo me da chiudere, transennare. L'Anas conoscendo bene il pericolo e la situazione ha piazzato cartelli per la presenza di dossi e velocità massima a 70 km orari. VERGOGNA in questo modo si lavano le mani. Hanno avvertito e allora tutto è a posto. Resta il pericolo per la vita transitare in quel tratto. Ma le autorità non possono sollecitare lavori di asfaltura all'Anas URGENTI..?

Bruno Tredici

Redazione
© Riproduzione riservata
14/10/2019 16:49:54


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Lettere alla Redazione

Roberto Neri: "Assurdo lo slittamento temporale di 3 giorni da parte del governatore Rossi" >>>

I sussidi rivestono un ruolo vitale, ma non devono essere considerati sostitutivi del lavoro >>>

Non ci lasciate soli >>>

Non parlate del Covid-19 ma pubblicate solo notizie positive >>>

Lettera aperta al sindaco di Città di Castello >>>

"Dobbiamo riaprire il prima possibile: non lavoriamo a stretto contatto con il cliente" >>>

Lettera aperta al Sindaco Ghinelli e al suo (prossimo) avversario Ralli >>>

Il dopo Coronavirus rischia di essere devastante per l'Italia >>>

Sarà tutto come prima ma ci vorrà del tempo, secondo me molto tempo ma sarà come prima >>>

Imprenditore umbro scrive al premier Conte: "Ora basta sbagliare" >>>