Rubrica Lettere alla Redazione

Ci siamo rotti dei politici sui social

Se tutto si riduce ad alzare continuamente il tono, la politica non fa più il suo mestiere.

Print Friendly and PDF

Negli ultimi anni molti dei nostri politici passano più tempo sui social che a lavorare e allora mi domando: E se fosse impedito l’uso dei social network ai politici la politica italiana potrebbe migliorare? Penso proprio di si. Tutta questa cattiveria, in un Paese con le pezze al culo, amplificata dai social, non porta mai a risultati, perché la politica ha bisogno di strategia di tempo e capacità. Se tutto si riduce ad alzare continuamente il tono, la politica non fa più il suo mestiere. Dunque una cura dimagrante dei post può certamente servire.

Marco S.

Redazione
© Riproduzione riservata
22/09/2019 12:27:13


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Lettere alla Redazione

Roberto Neri: "Assurdo lo slittamento temporale di 3 giorni da parte del governatore Rossi" >>>

I sussidi rivestono un ruolo vitale, ma non devono essere considerati sostitutivi del lavoro >>>

Non ci lasciate soli >>>

Non parlate del Covid-19 ma pubblicate solo notizie positive >>>

Lettera aperta al sindaco di Città di Castello >>>

"Dobbiamo riaprire il prima possibile: non lavoriamo a stretto contatto con il cliente" >>>

Lettera aperta al Sindaco Ghinelli e al suo (prossimo) avversario Ralli >>>

Il dopo Coronavirus rischia di essere devastante per l'Italia >>>

Sarà tutto come prima ma ci vorrà del tempo, secondo me molto tempo ma sarà come prima >>>

Imprenditore umbro scrive al premier Conte: "Ora basta sbagliare" >>>