Notizie dal Mondo Politica

Nomine Ue, Conte gioca la carta Georgieva

Il premier italiano punta sull'attuale direttrice generale della Banca Mondiale

Print Friendly and PDF

La carta di Giuseppe Conte si chiama Kristalina Georgieva. Secondo quanto risulta a La Stampa, il premier è arrivato oggi al nuovo Consiglio europeo straordinario, con un piano ben preciso: mettere sul tavolo il nome dell’attuale direttrice generale della Banca Mondiale per la presidenza della Commissione. È a lei che si riferiva il capo del governo quando, entrando all’Europa Building, ha annunciato: “Mi piacerebbe una presidente di Commissione donna”. La strategia italiana, oggetto del colloquio avuto con Donald Tusk prima dell’avvio del vertice, poggia su un ragionamento molto semplice: la bulgara risponde a tutti i criteri necessari e potrebbe dunque avere una maggioranza in Consiglio. Innanzitutto quello di genere. Poi quello geografico (servirebbe a placare gli animi inquieti dell’Est) e infine quello politico. Pur essendo un’economista, Georgieva è considerata di area Ppe, il partito che ha vinto le elezioni e che - nonostante la posizione di Angela Merkel - continua a rivendicare la presidenza della Commissione.

Georgieva vanta una lunga esperienza all’interno dell’esecutivo comunitario: dopo esser stata commissario alla Cooperazione con Barroso, è stata riconfermata nel team di Juncker come vicepresidente con delega al Bilancio. Nel gennaio del 2017 è poi passata alla guida della Banca Mondiale. Ieri il suo nome è circolato come possibile presidente del Consiglio europeo oppure come Alto Rappresentante per la politica Estera. Ma l’Italia e gli altri Paesi dell’Est sono convinti che possa fare il salto al tredicesimo piano del Palazzo Berlaymont. Se riuscisse questo colpo, Conte passerebbe alla fase-due della sua strategia: rivendicare il portafoglio alla Concorrenza. Una partita non semplice, ma certamente sarebbe più facile trattare con un presidente di Commissione sponsorizzato dall’Italia. Certamente Roma vuole evitare a tutti i costi un’altra candidata: la danese Margrethe Vestager.

Non è detto che la carta-Georgieva possa convincere anche gli altri governi. Il blocco guidato da Emmanuel Macron (con il sostegno di Merkel) continua a sostenere Frans Timmermans. Ieri sera e nella notte sono proseguiti i contatti, ma non sarà facile trovare una soluzione in poco tempo. Molto probabilmente servirà un’altra lunga giornata di negoziati.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
02/07/2019 14:31:09


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Brexit, la legge "anti-no deal" firmata dalla Regina Elisabetta: è in vigore >>>

Russia, il partito di Putin in calo alle amministrative di Mosca >>>

Usa: si dimette Greenblatt, inviato speciale di Trump in Medio Oriente >>>

Brexit, governo Johnson battuto sulla legge "anti-no deal" >>>

Brexit, Johnson chiede alla Regina la sospensione del Parlamento fino al 14 ottobre >>>

A Biarritz va in scena il G7 L'Ue: "Difendere l'Amazzonia" >>>

Brexit, Tusk a Johnson: "Backstop è garanzia contro le barriere fisiche" >>>

Brexit, firmata legge che cancella adozione delle norme Ue a Londra >>>

Germania, bufera su I Verdi: "Inquinano l'ambiente facendo troppi viaggi in aereo" >>>

Tunisia: alle presidenziali un candidato gay. E' il 48enne Mounir Baatour >>>