Notizie Nazionali Comunicati

Conti in Svizzera, svelata la lista dell'evasione: 7mila italiani tra re arabi, politici e star

Nel lungo elenco ci sono i piloti Valentino Rossi e Fernando Alonso, il manager Flavio Briatore e lo stilista Valentino.

Print Friendly and PDF
Calciatori, tennisti, ciclisti, rockstar, attori di Hollywood. Ma anche politici, dirigenti d'azienda, top model, re arabi e trafficanti d'armi. Più di 100mila persone fisiche e giuridiche provenienti da 200 Paesi, 180 miliardi di euro passati in Svizzera tra il novembre 2006 e marzo 2007. Da ieri sera è on line la prima parte della maxi inchiesta del Consorzio internazionale giornalismo investigativo (Icij) che vuole svelare un sistema di evasione fiscale mondiale, reso possibile dai servizi della banca britannica Hsbc attraverso la sua filiale svizzera Hsbc Private Bank con sede a Ginevra. Nomi eccellenti. Le registrazioni degli account trapelate raccontano di clienti della banca che fanno viaggi a Ginevra per ritirare grandi somme di denaro contante. Milioni. I file documentano anche ingenti capitali controllati da commercianti di diamanti, sono noti per aver operato in zone di guerra «e venduto pietre preziose - scrive lIcij - per finanziare insurrezioni che hanno causato morti indicibili». Ma il mondo gestito dalla banca britannica comprende anche nomi eccellenti, tra i quali l'attore John Malkovich, il re del Marocco Muhammad VI, la modella Elle Macpherson. Nel lungo elenco ci sono i piloti Valentino Rossi e Fernando Alonso, il manager Flavio Briatore e lo stilista Valentino. «Anche se - precisa Icij - la presenza di alcuni nomi nell'inchiesta non stabilisce automaticamente che questi abbiano commesso reati».

Pecunia non olet. Quello che colpisce nell'inchiesta, però, è che Vip, attori, imprenditori, usano gli stessi sistemi per eludere il fisco dei mercanti d'armi, degli esportatori di diamanti dalle zone di guerra, compersi personaggi sospettati di finanziare il terrorismo. Hsbc che ha sede a Londra e 74 uffici in sei continenti, racconta il Consorzio internazionale di giornalismo investigativo, in un primo momento ha insistito affinché il Consorzio distruggesse i dati avuti.

Prime rivelazioni. I file segreti avuto da Icij, viene spiegato dal Consorzio stesso, sono una versone di quelli che nel 2010 il governo francese aveva ottenuto da un ex dipendente di Bsbc «pentito», Hervé Falciani, e condiviso con altri governi. Dati che avevano portato in alcuni casi ad azioni penali e procedimenti per evasione fiscale. Ma è anche vero che non tutti i Paesi reputano illegale mantenere conti bancari off-shore.

Il caso Grecia. Curioso il cao della Grecia. Il governo greco ha ricevuto i nomi nel 2010, ma non è successo niente fino a ottobre 2012, quando una rivista greca, Hot Doc, ha pubblicato i nomi e preso atto della mancanza di un'istruttoria per verificare se ricchi greci avevano evaso le tasse, proprio mentre il paese aveva cominciato a fare i conti con le di misure di austerità implementate per evitare il default. La risposta delle autorità greche, spiega l'Icij, fu insolita: la magistratura si affrettò ad arrestare l'editore di Hot Doc, Kostas Vaxevanis, accusandolo di aver violato le leggi sulla privacy.

Centinaia di file. I reporter hanno trovato nei file i nomi di politici di Inghilterra, Russia, Ucraina, Georgia Kenya, Romania, Messico, Tunisia, Senegal Repubblica democratica del Congo, Zimbabwe, Ruanda, Paraguay, Filippine, Algeria. «Nomi eccellenti, finiti nella lista delle sanzioni Usa, come - scrive Icij - Selim Alguadis, un uomo d'affari turco accusato di aver fornito sofisticati prodotti elettrici per progetti segreti di armi nucleari in Libia». E poi c'è Gennady Timchenko, uno dei businessman più vicini a Vladimir Putin, che ha detto che le indagini statunitensi sul trader petrolifero Gunvor, compresi i sospetti per riciclaggio di denaro, scattati dopo la rivelazione dei file, non sono altro che il frutto del desiderio di colpire il presidente russo.

Il cervello. Al centro dell'affare ci sarebbero stati, secondo il Consorzio di giornalismo investigativo, i funzionari della filiale svizzera della Hsbc che dal 2005 averbbero contattato i Paperoni con patrimoni a sei zeri, proponendo loro di occultare i soldi in società fantasma con sedi nei paradisi fiscali d'oltreoceano.

Leggo.it

Redazione
© Riproduzione riservata
09/02/2015 10:45:58


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Tiziana Nisini (LEGA): Il Governo é il grande assente di questa pandemia >>>

Crollo del ponte in Toscana: Anas avvia commissione di indagine >>>

Salvini agli italiani: "Quando fate la spesa, comprate i nostri prodotti" >>>

Città di Castello la capitale delle buone pratiche, del buon vivere e degli stili di vita >>>

Toscana Pride: Dopo Firenze, Arezzo e Siena, ora tocca a Pisa >>>

Rinnovati i direttivi e segretari di circolo del Pd di Umbertide >>>

Durex, ritirati lotti di preservativi a rischio rottura >>>

Rivoluzione Internet: 5 azioni che compi quotidianamente >>>

Bollette 28 giorni: il TAR conferma le ragioni degli utenti su fatturazione mensile >>>

Ospedale di Umbertide: manutenzione del blocco operatorio. Interventi garantiti a Città di Castello >>>