Salute & Benessere Curiosità

La dieta dei 5 colori

Quali sono le proprietà nutritive di frutta e verdura e perché mangiarle aiuta l'ambiente

Print Friendly and PDF

Avete mai preso in considerazione il ruolo dei colori dei vegetali all’interno della vostra dieta? Consumare frutta e verdura il più possibile variegate è fondamentale per assicurare al nostro organismo tutti gli elementi nutritivi di cui ha bisogno. E proprio i colori ci possono aiutare a comprendere con quali minerali, vitamine e utili principi attivi stiamo ricaricando il nostro corpo. Ma cosa indicano i colori più comuni?In linea generale, bisognerebbe cercare di consumare ogni giorno vegetali di cinque colorazioni diverse, per una dieta completa dal punto di vista nutrizionale. Di seguito, vi illustro le proprietà di ogni singolo colore.

I colori dei vegetali per una dieta variegata

Innanzitutto, come ho già spiegato in apertura, è ormai opinione consolidata che ogni giorno si debba consumare frutta e verdura di almeno cinque colorazioni diverse. Come ricorda l’Università degli Studi di Udine, la regola nasce da raccomandazioni della FAO e dell’OMS: non a caso, gli scompensi nutrizionali sono responsabili del 44% dei casi di diabete, del 23% delle ischemie e dal 7 al 41% nell’aumento di rischio di sviluppare alcune tipologie di tumore.Ma quali colori dovrebbero essere quotidianamente presenti sulle nostre tavole?

  • rosso: pomodori, peperoni, radicchio rosso, ravanelli, barbabietole, fragole, mele, fagioli e via dicendo;
  • verde: lattuga, spinaci, cavolo, radicchio verde, rucola, broccoli, verza, bieta e molti altri ancora;
  • bianco: finocchio, cipolla, aglio, sedano, porri, funghi, scalogno, semi e via dicendo;
  • giallo/arancio: ananas, albicocche, carote, arance, mandarini, limone, banana, papaia, peperoni gialli e molti altri ancora;
  • blu/viola: mirtilli, prugne, susine, uva, ribes, melanzane, more, fichi e tanti altri.

Le proprietà dei vegetali in base alle colorazioni

La colorazione degli alimenti vegetali non è casuale, spesso è dovuta al loro contenuto in vitamine, minerali e altri principi attivi, primi fra tutti i flavonoidi. Ma cosa indica ogni singolo colore, quali proprietà assicura?

Vegetali rossi

I vegetali di colore rosso sono ricchi di due principali elementi nutritivi:

  • antocianine: sono dei flavonoidi pigmentati, responsabili della tipica colorazione rossa degli alimenti, dalle proprietà fortemente antiossidanti. Prevengono i processi infiammatori di pelle e mucose e migliorano la circolazione, soprattutto a livello di capillari;
  • licopene: è un forte antiossidante, essenziale per proteggere vene e arterie, e presenta anche alcune proprietà antitumorali. Lo si trova in abbondanza nei pomodori.

Vegetali verdi

La frutta e la verdura verde sono essenziali nella nostra dieta, perché contengono:

  • vitamina E: è un forte antiossidante e la prima forma di contrasto all’azione dei radicali liberi;
  • magnesio, potassio, fosforo, calcio e sodio: dei minerali essenziali per proteggere i vasi sanguigni, recuperare forza muscolare, facilitare lo smaltimento dei carboidrati e aiutare nel bruciare i grassi.

Vegetali bianchi

I cibi di colore bianco non possono mai mancare sulla nostra tavola, poiché presentano:

  • quercetina: un flavonoide altamente antiossidante, capace di rallentare l’invecchiamento cellulare, ridurre il colesterolo cattivo, regolare la pressione sanguigna e migliorare le performance cardiache;
  • sali minerali in abbondanza: in particolare sodio, magnesio, fosforo e potassio, essenziali per la salute dell’intero organismo.

Vegetali giallo/arancio

Sempre presenti nella dieta mediterranea, frutta e verdura di colore giallo/arancione contengono:

  • vitamina A: indispensabile per la salute di pelle, capelli, unghie e della vista;
  • betacarotene: dalle proprietà antiossidanti, aiuta la pelle, la produzione di melanina e stimola il sistema immunitario rallentando i processi d’invecchiamento.

Vegetali blu/viola

Infine, i vegetali di colore blu e viola dovrebbero essere consumati quotidianamente, perché contengono:

  • antocianine: come visto per i cibi rossi, hanno proprietà fortemente antiossidanti e protettive per il sistema circolatorio;
  • altri flavonoidi: utili per prevenire le malattie cardiovascolari e neurodegenerative e, soprattutto, per favorire la microcircolazione locale, rafforzando le pareti di capillari e vene.

In definitiva, portando in tavola ogni giorno i cinque colori che la natura ci offre, potremo approfittare di una dieta completa dal punto di vista nutrizionale, garantendo all’organismo il massimo della salute!

 

Notizia tratta da tiscali.it
© Riproduzione riservata
19/05/2024 11:36:34


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Curiosità

Andare a correre: meglio la sera o la mattina? >>>

Allergia alla puntura di api, vespe, calabroni e altri imenotteri: cosa c'è sapere e come difendersi >>>

Cervello, quanti passi servono per mantenerlo giovane >>>

Camminare all’indietro porta benefici: gli studi >>>

La camminata veloce mantiene giovani >>>

Così la menopausa rimodella il cervello delle donne >>>

Capelli grigi, uno studio ne ha scoperto le cause >>>

Maternità over 40: cosa c'è da sapere >>>

Per ridurre i rischi al cuore bisogna andare a letto a un orario preciso >>>

Come curare le scottaure coi rimedi della nonna >>>