Notizie Locali Sanità

Montevarchi, da oggi la Gruccia è “Ospedale amico delle bambine e dei bambini”

Il riconoscimento dell’UNICEF è il terzo assegnato agli ospedali della Asl Toscana Sud Est

Print Friendly and PDF

Da oggi l’ospedale di Santa Maria della Gruccia di Montevarchi è stato riconosciuto dall’UNICEF “Ospedale amico delle bambine e dei bambini”. Un riconoscimento che arriva al termine di un percorso iniziato nel 2018 e che ha portato all’accreditamento della struttura ospedaliera del Valdarno. Per Montevarchi è la prima certificazione UNICEF che va ad aggiungersi a quella ottenuta negli anni scorsi dagli ospedali di Campostaggia e di Nottola che hanno ricevuto la riconferma ad ogni scadenza.

Partito 6 anni fa, il percorso ha coinvolto i professionisti della struttura e ha richiesto la messa a punto di procedure mirate al rispetto di una serie di parametri propedeutici all’ottenimento della certificazione.

Tre gli step seguiti: il primo ha comportato la verifica della parte procedurale e la conformità alle richieste indicate dall’UNICEF. In sostanza sono state elaborate le procedure operative indicando nel dettaglio cosa si fa e come si fa. L’UNICEF ha, quindi, verificato se e quanto dichiarato fosse effettivamente applicato, suggerendo eventuali modifiche da apportare. Il secondo step ha riguardato la verifica delle competenze possedute dagli operatori sanitari di tutto il presidio ospedaliero e non solo della Pediatria: questo ha comportato la formazione di oltre 500 persone. Di queste UNICEF ne ha intervistate 120 per verificarne i requisiti. Un test che l’ospedale di Montevarchi ha superato. Quindi, nel dicembre scorso, l’ultimo passaggio attraverso la verifica sugli utenti con interviste alle donne che avevano appena partorito, a quelle che avevano partorito da tempo e alle donne in gravidanza allo scopo di verificare le modalità di formazione delle neomamme e di quelle in attesa.  

«Come UNICEF Italia siamo felici che un nuovo Ospedale Amico si aggiunga alla famiglia storica delle strutture dell’ASL Sud Est. Essere Ospedale Amico significa mettersi in gioco e accogliere una valutazione esterna che confermi le buone pratiche basate sulle prove di efficacia come la Baby Friendly. L’impegno dell’ ASL Sud Est ha consentito un miglioramento dei tassi di allattamento nel tempo. Ringraziamo l’ASL Sud Est e tutto il personale che vi lavora per questo impegno a favore di tanti bambini e famiglie» ha dichiarato Carmela Pace, Presidente dell’UNICEF Italia.

«È stato un percorso lungo e molto impegnativo che ha richiesto molte energie da parte del nostro personale – spiega la dr.ssa Patrizia Bobini Direttrice PO Santa Maria alla Gruccia –. Questa è una certificazione che non ti viene regalata ma devi conquistarla attraverso procedure ben precise. Oggi sono soddisfatta dei risultati raggiunti perché la certificazione che abbiamo ottenuto è il frutto del lavoro di tutto il presidio ospedaliero».

Un percorso partito con il dottor Luca Tafi, fino a dicembre scorso direttore della Pediatria del PO della Gruccia.

«È un riconoscimento importante – chiarisce Bobini - che certifica la qualità dei nostri percorsi per quanto riguarda il periodo del parto e quello post parto, l’allattamento, la tutela del bambino, delle famiglie e la figura della madre e del padre. Qui le nostre procedure sono amiche della donna che deve partorire lasciandole la libertà di decidere di partorire nella posizione che preferisce e anche di scegliere ciò che vuole mangiare. Non possiamo, però, sederci sugli allori perché la certificazione di qualità non è per sempre: fra due anni UNICEF tornerà per verificare la sussistenza dei parametri».

«Un risultato di eccellenza - aggiunge il dr. Flavio Civitelli, Direttore del Dipartimento Materno Infantile- che eleva a tre i punti nascita dell’Azienda Toscana Sudest che hanno ottenuto la certificazione UNICEF . Un obiettivo centrato grazie al lavoro di squadra dei colleghi di Montevarchi e di tutti i professionisti del dipartimento coinvolti, a partire dalla dr.ssa Canocchi, referente aziendale per le politiche dell’allattamento. Siamo felici per l’Ospedale, per le mamme e per le bambine e i bambini di quel territorio che da sempre ricevono la migliore assistenza possibile».

«Quella che viene assegnata oggi all’ospedale della Gruccia è una certificazione importante che come azienda sanitaria ci riempie di orgoglio proprio perché frutto del lavoro dei nostri professionisti, tutti e non solo quelli del reparto materno infantile, che ogni giorno si prendono cura delle persone – dichiara Assunta De Luca Direttrice Sanitaria Asl Toscana Sud Est -. Questo riconoscimento è un motivo di orgoglio per la Asl Toscana Sud Est che ci spinge a migliorare ogni giorno e a garantire una offerta sempre più attenta e adeguata alle esigenze dei nostri utenti. Per questo un grazie particolare va al nostro personale: medici, infermieri, operatori sociosanitari e tutti coloro che ogni giorno collaborano fattivamente a garantire risultati come questi».

Redazione
© Riproduzione riservata
03/04/2024 15:48:26


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Sanità

Le Farmacie Comunali di Arezzo ospitano le “Settimane oncologiche” >>>

Aumentano i casi di emergenza urgenza psicopatologica fra i giovani aretini >>>

Casentino, la Direttrice Sanitaria Asl Tse fa visita alla Casa Famiglia di Partina >>>

Anche nella Asl Tse i corsi per diventare operatore socio sanitario >>>

Due studi condotti dall’Urologia del Valdarno presentati a Parigi >>>

Il dottor Filippo Francalanci nuovo direttore di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale del Valdarno >>>

Ospedale Città di Castello, visite gratuite ed un convegno dedicati alle donne >>>

Ospedale Valdarno, cardiologia di qualità con la certificazione Iso >>>

Calcolosi renale complessa, passi avanti nel trattamento all’ospedale San Donato di Arezzo >>>

Ospedale del Casentino, al via i lavori per l’adeguamento alla normativa antincendio >>>