Notizie Locali Cronaca

PNRR, indebite compensazioni di crediti d’imposta per oltre 440mila euro in provincia di Arezzo

Aziende e negozi sono finite nel mirino della Guardia di Finanza

Print Friendly and PDF

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Arezzo  sono intervenuti in provincia per  verificare la correttezza dei crediti d’imposta finanziati anche dal PNRR e indicati nelle prescritte dichiarazioni dei redditi per abbattere il proprio debito fiscale. Tali attività hanno consentito di riscontrare indebite compensazioni di crediti d’imposta per oltre 440 mila euro, in quanto risultati non spettanti in base ai presupposti soggettivi e/o oggettivi e/o procedurali previsti dalla normativa che ne disciplina il riconoscimento e sono stati segnalati all’Agenzia delle Entrate per il recupero del quantum sottratto a tassazione. In particolare, i finanzieri del Nucleo P.E.F. di Arezzo hanno focalizzato l’attenzione sui crediti d’imposta derivanti dagli investimenti in beni strumentali nuovi, rilevando tre irregolarità nei confronti di altrettante imprese operanti nell’assistenza residenziale per anziani, nella fabbricazione di gioielleria e nel trasporto di merci su strada, che hanno utilizzato indebitamente, in compensazione, crediti d’imposta in misura superiore e/o non spettanti per oltre 63 mila euro. Altre due imprese, in questo caso operanti una nella produzione di spezie e l’altra nella fabbricazione di carta e cartone, hanno usufruito negli anni dal 2020 al 2022 di crediti d’imposta inesistenti per circa 182 mila euro, generati da costi sostenuti per investimenti in attività di ricerca e sviluppo, non conformi alla normativa di riferimento. Il Gruppo di Arezzo e la Tenenza di Poppi, hanno invece riscontrato irregolarità nei confronti di due soggetti, un’azienda edile ed un’attività commerciale del Casentino, che hanno indebitamente utilizzato, in compensazione, crediti d’imposta riferiti a beni acquistati nel 2021, ma utilizzati nell’attività produttiva solo nel 2022, con ciò determinando il disconoscimento del credito per circa 46 mila euro, erroneamente riportato in dichiarazione e indebitamente utilizzato per compensare le imposte dovute. La Compagnia di San Giovanni Valdarno, infine, ha individuato un’attività commerciale che per gli anni 2021 e 2022 ha indebitamente compensato crediti d’imposta per investimenti in beni strumentali per oltre 115 mila euro. Il contribuente interessato, nel corso dell’attività ispettiva, ha provveduto a regolarizzare la sua posizione procedendo a restituire l’indebito guadagno attraverso l’apposito istituto del “ravvedimento operoso”. Complessivamente, ad oggi, è di oltre 4,5 milioni di euro l’ammontare dei crediti d’imposta della specie oggetto di approfondimento da parte dei reparti del Corpo nella provincia di Arezzo.

Redazione
© Riproduzione riservata
05/12/2023 18:12:25


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Un 59enne aretino é morto all'ingresso del pronto soccorso di Arezzo >>>

Molesta e insulta una ragazza minorenne sul treno che collega Città di Castello a Umbertide >>>

Si getta nel canale maestro della Chiana: salvato dalla catena umana dei poliziotti >>>

Città di Castello: pugno in faccia a infermiere del Pronto Soccorso >>>

Tubazione del metano danneggiata con l’escavatore a Santa Fiora di Sansepolcro >>>

Percorre la superstrada E45 in bicicletta: sfiorata una tragedia >>>

Pauroso incidente alle porte di Perugia: un morto e quattro feriti >>>

Bmw in fiamme ad Arezzo: illeso l'autista >>>

Evasione in forte aumento nella Regione Umbria, mentre a livello nazionale é in calo >>>

Operaio 30enne cade dal tetto di un capannone a Umbertide: le sue condizioni sono gravi >>>