Economia L'Esperto

Bene rifugio, l’oro è tornato a splendere, ma attenzione alla tassazione

In mancanza dei documenti d’acquisto l’imposta verrà applicata sul prezzo intero e non più sul 25%

Print Friendly and PDF

L’oro torna a splendere, ma le vendite sono più tassate. Nel processo di ricerca delle coperture per la manovra 2024 viene incluso anche il processo di recupero di qualche centinaia di milioni di euro per oro e argento. Si tratta di una modifica alle plusvalenze da cessione di metalli preziosi. Vengono escluse dalla misura collanine, bracciali, orecchini e altri gioielli.

I guadagni

Attualmente nel caso in cui non siano presenti documenti che certifichino il costo di acquisto i guadagni vengono calcolati considerando il 25% del prezzo di vendita di oro e argento. La misura introduce una tassazione con aliquota al 26% e riguarderà il prezzo intero. L’esecutivo stima di incassare 196 milioni all’anno visto che nel 2022 le vendite hanno oltrepassato i 3 miliardi di euro. A volte risulta complicato calcolare il prezzo d’acquisto poiché, spesso, l’oro viene regalato. In ogni caso l’imponibile stimato a livello nazionale oltrepassa di poco la cifra di 754 milioni di euro.

L’oro come bene rifugio

In termini di performance l’oro ha registrato numeri positivi durante la prima metà del 2023. L’ultimo trimestre ha inoltre ottenuto un rialzo interessante poiché le quotazioni hanno ottenuto il 7%, la percentuale scende al 4% se si considera il periodo da inizio anno. Sicuramente il metallo giallo è stato influenzato dalle tensioni tra Israele e Palestina, infatti è arrivato nei giorni scorsi sopra i 2mila dollari l’oncia. I dati sono particolarmente positivi e, infatti, l’oro sembrerebbe essere tornato un vero e proprio bene rifugio.

Il ruolo delle banche centrali

In questo frangente è bene analizzare anche la domanda di oro da parte delle banche centrali, il trend è infatti in crescita. Stando ai dati del World Gold Council gli istituti di credito principali comprano l’oro a un ritmo storico. Gli approvvigionamenti da parte delle banche centrali hanno registrato acquisti netti per 337 tonnellate, poco meno rispetto al 2022 dove si è arrivati a quota 459. In particolare, gli analisti di ING hanno evidenziato maggiori acquisti da parte delle Banche centrali di Cina che ha incrementato di 78 tonnellate, Polonia di 57 tonnellate, Turchia di 39 tonnellate e indica di 9 tonnellate.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
10/11/2023 06:58:30


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio L'Esperto

Locazioni brevi, come cambia la cedolare secca >>>

Bonus luce e gas 2024: le novità e i requisiti per ottenerlo >>>

Pensionati, niente Portogallo? Ecco tutte le mete alternative >>>

Ecco chi andrà in pensione con le nuove misure >>>

Riforma Irpef, si passa da quattro a tre aliquote: risparmi fino a 260 euro >>>

Le criptovalute a fine 2023: il punto della situazione e cosa ci aspettiamo nel 2024 >>>

Quest’anno tredicesima più alta per molti italiani >>>

Pensioni, aumenti in arrivo a dicembre 2023: a chi spetta e quanto sarà la maggiorazione >>>

Bene rifugio, l’oro è tornato a splendere, ma attenzione alla tassazione >>>

Come si andrà in pensione nel 2024? Cosa serve e chi potrà andare in pensione il prossimo anno >>>