Notizie Locali Attualità

Ospedale della Valtiberina con medici dimezzati: la rabbia della Lega

"Situazione difficile, ma non vogliamo fare allarmismi", dicono gli esponenti del carroccio

Print Friendly and PDF

“La situazione è difficile, siamo seriamente preoccupati ma non vogliamo fare allarmismo però al tempo stesso non possiamo nascondere il problema”. Conferenza stampa ‘lampo’ a Sansepolcro da parte della Lega Valtiberina insieme al consigliere regionale toscano Marco Casucci. All’ordine del giorno le ultime novità che interessando l’ospedale della Valtiberina che sta affrontando una carenza di personale. “Non possiamo andare avanti con due unità in medicina e altrettante al pronto soccorso, quando fino a pochi mesi fa erano il doppio – sottolinea Casucci – sono stati fatti tentativi per risolvere questa problematica, ma tutto è rimasto invariato. Lo dobbiamo dire a voce alta e questo è un invito alla Regione Toscana che possa far qualcosa, perché gli vorrei ricordare che anche la Valtiberina è Toscana. Apprezziamo gli sforzi dell’azienda ospedaliera, ma non bastano: siamo preoccupati per le sorti dell’ospedale, qualcuno la deve pur dire la situazione che sta affrontando il nosocomio e sono certo che la Lega continuerà la propria battaglia in piazza. C’è un rischio – conclude il consigliere regionale – e come tale deve essere affrontato e risolto, al tempo stesso apprezziamo lo sforzo anche dell’amministrazione comunale che sta dimostrando un grande senso di responsabilità”. Un rischio immediato, che potrebbe avere conseguenze maggiori nei mesi estivi in cui subentra anche l’aspetto delle ferie con il rischio chiusura del reparto. “L’ospedale della Valtiberina ha un bacino di utenza compreso tra le 30 e le 40mila persone e riveste un ruolo di primaria importanza – aggiunge Luca Ciavattini, segretario della locale sezione della Lega – noi vogliamo un ospedale che torni ad avere tutte le sue funzioni e che sia attrattivo pure per i nuovi medici”. E Ciavattini snocciola qualche numero. “Il pronto soccorso attualmente ha solo due medici dei 12 che sarebbero previsti in organico normalmente, due sono anche quelli nel reparto di medicina quando dovrebbero essere quattro. Operatori e medici, quindi, che si trovano costretti ad affrontare turni lunghissimi anche di 12 ore, con il rischio che poi a risentirne è la qualità delle cure erogate”. Quali sono le iniziative? “Torneremo nelle piazze della Valtiberina a svolgere opera di sensibilizzazione su questa problematica, informando la gente dei rischi che andiamo a correre. La soluzione, vista anche la vicinanza e gli accordi extraregionali che si potrebbero instaurare, potrebbe essere quella di creare un grande polo ospedaliero per la Valtiberina Toscana e Altotevere Umbro unendo le forze con Città di Castello”. Presente alla conferenza stampa anche il dottor Ennio Duranti, vicino al consigliere Casucci per quello che riguarda la sanità. “La situazione che stiamo riscontrando a livello nazionale, si sta riflettendo anche sul locale: di fronte a poche aspettative, purtroppo, è chiaro che i giovani siano attratti da ospedali più importanti anziché di periferia”. La graduatoria è stata scorsa, ma nessuno dei presenti avrebbe alla fine scelto di venire a Sansepolcro.

Redazione
© Riproduzione riservata
28/03/2023 18:02:18


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Unicoop Firenze e Fondazione Meyer insieme per la ricerca >>>

Il miglior campo da golf in Italia è quello di Antognolla >>>

Umbria protagonista dei Cammini di Francesco >>>

Al Capitano Nicola D'Avenia l'onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana >>>

Festa della Repubblica, omaggio in Paraguay per il Gruppo Sbandieratori di Sansepolcro >>>

Anghiari, dopo l'ok dal Tar prende forma l'antenna: il traliccio è già in piedi >>>

Riconoscimento per la scienziata Patrizia Mecocci: é risultata tra le migliori del mondo >>>

Le pensioni del mese di giugno saranno in pagamento a partire da sabato 1 giugno >>>

La scuola di Arti e Mestieri “G.O. Bufalini” di Città di Castello laboratorio di progetti innovativi >>>

In vespa fino a Capo Nord partendo da Castiglion del Lago: la sfida di Nicola e Alessandro >>>