Notizie dal Mondo Cronaca

Iran: Teheran rilascia il regista Panahi dopo 7 mesi di cella

Foto scioccanti di un altro attivista in sciopero della fame

Print Friendly and PDF

Aveva contestato il regime degli ayatollah anche dal carcere, annunciando lo sciopero della fame, e oggi è stato rilasciato dopo quasi sette mesi di prigionia: il regista iraniano di fama mondiale Jafar Panahi è stato liberato su cauzione ed ha potuto lasciare il carcere Evin di Teheran, mentre dalle celle del famigerato penitenziario rimbalzano foto scioccanti. Quelle di Farhad Meisami, un medico e attivista da sempre schierato contro il velo in pubblico per le donne, che si trova da molti anni in carcere e da ottobre rifiuta il cibo.

Immagini che lo ritraggono emaciato, pelle e ossa, sfinito. Panahi, che nel 2000 vinse il Leone d'Oro a Venezia con la sua pellicola 'Il Cerchio', è stato perseguitato dalla Repubblica Islamica finendo più volte in prigione per le sue posizioni politiche espresse con la sua attività artistica.

Era stato messo in custodia l'11 luglio dopo essersi recato alla prigione di Teheran per chiedere informazioni su Mohammad Rasoulof e Mostafa Al-Ahmad, altri due registi che erano stati arrestati nei giorni precedenti dopo avere criticato il governo iraniano. Trattenuto per scontare una condanna risalente al 2010 per "propaganda contro il sistema", a causa di un documentario sulle proteste esplose in seguito alla rielezione del presidente Mahmoud Ahmadinejad, Panahi, che ieri aveva annunciato di entrate in sciopero della fame, ha ricevuto dal tribunale il via libera al rilascio su cauzione ma la sentenza potrà comunque essere confermata dalla Corte d'Appello. Nessuno spiraglio di uscita invece per Meisami, 53 anni di cui gli ultimi 5 trascorsi in cella, sempre a Evin. Rifiuta il cibo da ottobre scorso in segno di solidarietà alle proteste anti governative iniziate da oltre quattro mesi e che ancora scuotono il Paese. Il suo volto emaciato, il corpo magrissimo con la pelle tesa sul petto che mostra nitidamente lo sterno, testimoniano gli oltre quattro mesi di sciopero della fame che Meisami porta avanti anche per contestare le condanne a morte, di cui quattro già eseguite, emesse contro molti manifestanti arrestati nelle proteste esplose dopo la morte di Mahsa Amini. L'abolizione dell'obbligo a portare l'hijab imposto alle donne, in vigore dalla fondazione della Repubblica Islamica nel 1979, è stata una delle battaglie per i diritti umani che Meisami ha portato avanti per molti anni quando era libero. Dopo la laurea in medicina, ha scelto la carriera di insegnante nelle scuole superiori ma ha poi deciso di abbandonare la carriera per dedicare la sua vita all'attivismo per i diritti umani in Iran, promuovendo iniziative non violente per l'abolizione dell'obbligo sul velo.

L'arresto risale al luglio del 2018 e anche all'epocadecise di protestare contro la sua detenzione con uno sciopero della fame, riuscendo ad annunciarlo pubblicamente soltanto dopo 19 giorni recluso in isolamento. Nonostante l'appello per il rilascio immediato da parte di Amnesty International, a dicembre del 2018 è stato condannato a 5 anni di reclusione per "propaganda contro il sistema" e "cospirazione per commettere crimini contro la sicurezza nazionale", sentenza confermata anche l'anno successivo dalla Corte d'appello. Le fotografie dell'attivista ormai ridotto ad uno scheletro, ottenute e pubblicate da Bbc Persian, hanno suscitato indignazione a livello internazionale e sono state definite "scioccanti" dall''inviato degli Usa per l'Iran Robert Malley. "Il regime dell'Iran ha ingiustamente negato a lui e ad altre migliaia di prigionieri politici i loro diritti e le loro libertà, ora minaccia ingiustamente la sua vita", ha scritto il funzionario del governo Usa.

 

Redazione
© Riproduzione riservata
04/02/2023 13:26:53


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Rogo divora due torri residenziali a Valencia >>>

Servizi segreti russi in Italia: i casi oscuri degli ultimi 10 anni >>>

Un pugno al cuore: Navalny ucciso con la tecnica killer degli agenti dell'ex Kgb >>>

Ucraina, ecco i droni Banshee: come funziona l'arma inglese delle forze speciali >>>

Addio a Andy Brehme, arresto cardiaco per l'ex terzino dell'Inter dello "scudetto dei record" >>>

Wsj: "Usa pronti a inviare nuove armi a Israele". Hamas: "Accordo solo con la fine dell'aggressione" >>>

Arresto cardiaco, veleno o embolia: tutte le ipotesi sulla morte di Navalny >>>

"Grave minaccia": Usa in allarme per le possibili atomiche russe nello spazio >>>

Israele pronto all'offensiva di terra nel sud di Gaza: l'Egitto sposta i tank lungo il confine >>>

Origini russe ed eroe di Kiev: chi è Syrsky, il nuovo capo dell'esercito ucraino >>>