Notizie Nazionali Cronaca

Trovata l'auto di Messina Denaro, andò lui a comprarla

Tra i libri nel covo, a Campobello di Mazara, trovata anche una biografia di Putin

Print Friendly and PDF

Proseguono le indagini sulla rete dei fiancheggiatori del boss Matteo Messina Denaro, arrestato lunedì alla clinica Maddalena di Palermo dove era andato a sottoporsi alla chemioterapia. L'auto del capomafia è stata trovata a Campobello di Mazara, paese in cui il boss ha trascorso almeno l'ultimo anno di latitanza. La Giulietta nera era in un garage del figlio di Giovanni Luppino, l'incensurato imprenditore agricolo che ha accompagnato il padrino di Castelvetrano alla casa di cura ed è stato arrestato con lui. Agli inquirenti ha detto di non aver saputo, fino al giorno del blitz, chi fosse il suo "passeggero" che, prima di allora, aveva visto solo una volta alcuni mesi fa. "Mi era stato presentato come Francesco e domenica sera mi ha chiesto di accompagnarlo dicendomi che doveva fare delle cure per il cancro", si è difeso.

Messina Denaro, trovata l'auto del boss

Una ricostruzione che i pm ritengono totalmente falsa che mal si concilia con la presenza della macchina nel garage del figlio di Luppino, ma non solo. Alcune fonti dicono che prima di essere arrestati l'autista e il boss si sarebbero abbracciati. Inoltre, tra i pizzini sequestrati all'agricoltore è spuntato uno con scritto "guarnizione di sportello lato guida di Giulietta 1.6 ultima serie". Un promemoria di acquisto di un pezzo per auto, guarda caso la stessa di Messina Denaro ritrovata oggi. La Giulietta è stata perquisita dalla polizia su disposizione del procuratore aggiunto Paolo Guido. All'interno non sarebbero stati trovati documenti o materiale rilevante, né sarebbe stato trovato un gps utile a ricostruire gli spostamenti del capomafia. Secondo gli investigatori, però, la macchina sarebbe stata acquistata dal capomafia in persona. Messina Denaro, a gennaio del 2022, sarebbe andato in una concessionaria di Palermo avrebbe dato in permuta una Fiat 500 e avrebbe pagato 10mila euro in contanti. Sia il contratto di acquisto che la permuta sono intestate ad una anziana disabile di 87 anni madre di Andrea Bonafede, il geometra di Campobello che avrebbe prestato l'identità al boss almeno dal 2020, data del primo intervento chirurgico al quale il capomafia si è sottoposto all'ospedale di Campobello di Mazara. Gli investigatori, che nei giorni scorsi hanno perquisito le abitazioni di diverse persone sospettate di aver favorito la latitanza del boss tra le quali quelle di Luppino, di Bonafede e della madre e dell'ex avvocato Antonio Messina, stanno analizzando la copiosa documentazione trovata nel primo covo del boss scoperto, quello di vicolo San Vito, sempre a Campobello di Mazara, e il materiale sequestrato a Luppino. Si tratta di appunti, post-it, liste di spese fatte (il padrino viveva nel lusso e spendeva anche 7.000 euro al mese), un'agenda, numeri di telefono, nomi in codice. Un lavoro lungo e difficile quello dei carabinieri del Ros da cui potrebbero venir fuori nomi di complici e favoreggiatori. Non è stato confermato, invece, che nella casa siano stati trovati elementi che provino viaggi all'estero del capomafia. Al vaglio degli inquirenti anche i cellulari sequestrati: due di Messina Denaro e due di Luppino che, come ha notato il gip nell'ordinanza con la quale ha disposto il carcere per l'autista, teneva i due apparecchi in modalità aereo la mattina dell'arresto. Uno dei telefonini del capomafia, intestato a Bonafede, è stato "seguito" dagli investigatori la mattina del blitz. Le celle agganciate hanno confermato i sospetti dei carabinieri sui movimenti di Messina Denaro, alias Bonafede, che da Campobello di Mazara viaggiava verso Palermo. Nella libreria del covo del capomafia, infine, oltre a libri di storia e filosofia, sono state trovate due biografie: una di Vladimir Putin, l'altra dei Hitler.

Redazione
© Riproduzione riservata
22/01/2023 06:41:21


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Parroco rimosso nel Pinerolese: sul suo conto transitati 500 mila euro >>>

Tornano freddo e gelo, spinti da una corrente artica in arrivo da oggi >>>

Catturato nel Napoletano il killer della ‘ndrangheta evaso dai domiciliari nel Milanese >>>

Frontale in galleria sulla A14, tre morti e un ferito: perdono la vita padre e due figli >>>

Roma, Francesco Totti e Ilary Blasi in tribunale per l’udienza sui Rolex e le borse “rubate” >>>

Regeni, la rabbia dei genitori: “Abbiamo i nomi" >>>

Pistole puntate e gioielli portati via, tre banditi rapinano Roby Facchinetti >>>

Addio a Gianfranco Lanci, l'italiano che salì ai vertici dell'industria informatica mondiale >>>

Caso Cospito, anticipata udienza in Cassazione. L’Antimafia: 41 bis o massima sicurezza >>>

Cancro, 380 mila casi nuovi ogni anno: 3,6 milioni gli italiani malati >>>