Notizie dal Mondo Cronaca

Cina, "corruzione e favoritismo": l'ex ministro della Giustizia condannato a morte

Fu Zhenghua ha ammesso di aver accettato tangenti per oltre 16,50 milioni di dollari

Print Friendly and PDF

Fu Zhenghua, ex ministro della Giustizia cinese, è stato condannato a morte con due anni di sospensione della pena per corruzione e favoritismo. Nel mese di luglio aveva ammesso di aver accettato tangenti, per un totale di oltre 16,50 milioni di dollari. La sentenza arriva dal tribunale intermedio del popolo di Changchun, nella provincia di Jilin, a riportarlo è CCTV-1, il principale canale televisivo della Cina.

La condanna - La pena capitale con sospensione di solito può essere commutata con l'ergastolo, a patto che l'imputato mostri segni di redenzione. Qualora dovesse verificarsi la commutazione della pena, Fu verrebbe condannato alla reclusione a vita, senza condizionale.

notizia e foto tratte da Tgcom 24
© Riproduzione riservata
23/09/2022 05:49:53


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Tentativo di furto finisce nel sangue: tre persone accoltellate vicino alla Liverpool Station >>>

Serial killer spaventa la California, taglia da 125mila dollari >>>

Corea del Nord: lancio di missili e portaerei, così gli Usa vogliono tenere a bada Kim >>>

Miss Crimea multata perché ha cantato sui social una canzone patriottica ucraina >>>

India, arrestati a Ahmedabad quattro writer italiani >>>

Il direttore della Cia Bill Burns: “Putin con le spalle al muro è molto pericoloso” >>>

Usa: donna accusata di aver ucciso un uomo per salvare un gatto >>>

Indonesia, scontri dopo una partita di calcio: almeno 129 morti >>>

Afghanistan: donne in marcia a Kabul contro genocidio hazara >>>

Cuba, industria dei sigari in ginocchio dopo il passaggio dell'uragano Ian >>>