Notizie Locali Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Rossana Sabba consigliere comunale a Città di Castello

"Necessario uno snellimento di determinati passaggi burocratici"

Print Friendly and PDF

Prima esperienza politico-amministrativa anche per Rosanna Sabba, commercialista nella vita di tutti i giorni e consigliere comunale a Città di Castello che fa parte della “Lista Civica Luca Secondi Sindaco” ed è componente della commissione che si occupa di programmazione economica. Spunti interessanti, quelli che emergono dalla sua intervista.

Sabba, quali motivazioni l’hanno spinta a impegnarsi sul fronte politico-amministrativo?

“Con tutta sincerità, devo dire che è stato quasi per caso. Il mio impegno si è concretizzato in risposta ad un invito, rivoltomi dall’attuale sindaco Luca Secondi, a mettere a disposizione della mia città le conoscenze acquisite in anni di svolgimento della professione di commercialista e revisore dei conti sia nell’ambito economico privato che nel settore delle pubbliche amministrazioni. Luca Secondi mi ha presentato il suo programma che, da subito, ho condiviso ed apprezzato. Ho conosciuto i componenti del gruppo “Lista Civica Luca Secondi Sindaco” e di conseguenza ho maturato l’idea che, forse, anch’io avrei potuto fare qualcosa per la nostra comunità”.

Far parte della commissione deputata alla programmazione economica è senza dubbio stimolante. Su quali versanti state lavorando?

“Avendo io una formazione tecnica, la commissione programmazione economica mi dà l’occasione di trattare argomenti conosciuti e di dare un fattivo contributo. La prima commissione affronta tematiche che impattano con il bilancio dell’ente, prima che le stesse vengano sottoposte all’approvazione del consiglio comunale. Nell’ultima riunione, l’argomento di maggior interesse che abbiamo esaminato è stato la “variazione di assestamento generale del bilancio 2022-2024”. Gli enti locali hanno l’obbligo, entro il 31 luglio di ogni anno, di procedere con la ricognizione delle voci del bilancio di esercizio, di apportare le necessarie variazioni determinate dall’andamento delle entrate e delle spese e di verificare il mantenimento degli equilibri di bilancio imposti dalla legge. Grazie a una gestione sempre attenta e responsabile adottata dall’amministrazione comunale di Città di Castello, è stato possibile mantenere il pareggio di bilancio senza ricorrere a tagli dei servizi erogati, all’aumento delle tariffe dei servizi, all’aumento delle imposte di competenza dell’ente e nel contempo coprire con economie proprie, derivanti anche dal bilancio dell’esercizio precedente, tutti gli oneri dovuti all’incremento delle materie prime e dei costi energetici; quest’ultimi hanno subito un incremento rispetto all’anno precedente di circa un milione e 300mila euro; oltre a concedere una riduzione del 50% per l’imposta di occupazione del suolo pubblico ai commercianti, revisionare al ribasso l’imposta sulle affissioni e pubblicità e la riduzione delle tariffe Tari per le utenze domestiche a carico di utenti in stato di disagio economico e sociale”.

La battaglia per il mantenimento della filiera tabacchicola è una fra le priorità del momento?

“È un argomento verso il quale l’amministrazione comunale ha rivolto particolare attenzione e mostrato la propria vicinanza e sostegno ai numerosi lavoratori che subiscono i disagi delle scelte imposte dalle multinazionali JTD e Deltafina. La coltivazione e lavorazione del tabacco per Città di Castello è stata – ed è tuttora - una risorsa economica molto importante. Tantissime famiglie traggono le risorse economiche da questa filiera, attualmente sono circa 2500 le persone occupate in tale settore. Purtroppo le multinazionali guardano esclusivamente il raggiungimento dei massimi profitti e non mostrano interesse ad accogliere le richieste motivate di chi, quei profitti, contribuisce a conseguirli”.

Per come è abituata nella vita professionale, sarebbe necessario a suo parere almeno uno snellimento di determinati passaggi burocratici?

“Non sarebbe solo necessario, ma di più… Purtroppo, dopo 40 anni di professione, ho perso la speranza che i rapporti fra cittadini e amministrazione possano essere snelliti. A ogni proposito legislativo di “semplificazione” fanno seguito ulteriori complicazioni burocratiche. Ciò è determinato in primis dal fatto che le norme sono scritte da soggetti che non hanno mai affrontato l’applicazione pratica delle stesse: in teoria tutto funziona bene e con poco impegno… peccato poi che nella realtà così non sia mai e ciò è dimostrato anche dalla mole di circolari che Agenzia delle Entrate e Mef sono costretti a emanare per interpretare quanto, in teoria, avrebbe dovuto essere chiaro e senza ombra di dubbio. Bisogna riconoscere che una buona dose di colpa è da addossare anche all’indole di “furbetti”, che caratterizza parecchi cittadini/contribuenti e che non è facile da prevenire ed arginare, per cui le norme non bastano mai”.

Fra meno di due mesi si tornerà a votare per le politiche. Era proprio necessario in questo momento, tanto più che avremmo dovuto attendere solo qualche mese?

“Proprio per la mia caratteristica di novizia nel ruolo politico, ho difficoltà nel comprendere certi giochi politici. Da cittadina, ritengo che da parte di amministratori pubblici siano necessari serietà e rispetto per i cittadini che li hanno eletti e che sia doveroso agire nell’interesse della comunità e non per interesse o visibilità propria. La decennale crisi economica, la lunga pandemia del Covid-19 e ora le ripercussioni di una guerra - di cui non si conoscono limiti e confini - che ha colpito l’Europa dovrebbero essere ben presenti nella coscienza dei politici e farli sentire responsabili nel trovare e dare soluzioni ai cittadini che ogni giorno affrontano problemi economici, sociali e di sicurezza. Fermare la macchina amministrativa e l’avanzamento degli investimenti con i fondi europei del Pnrr per portare avanti una campagna elettorale anticipata mi sembra alquanto irresponsabile e irrispettoso nei confronti di chi i problemi deve affrontarli tutti i giorni senza poter scegliere se e quando”.

Redazione
© Riproduzione riservata
02/08/2022 09:38:24


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Laura Chieli consigliera comunale a Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Tommaso Romanelli consigliere comunale ad Anghiari >>>

Mondo Politica: intervista a Rossana Sabba consigliere comunale a Città di Castello >>>

Mondo Politica: intervista a Gloria Pettinari, consigliere comunale a Monterchi >>>

Mondo politica: intervista con Alessandro Bandini, consigliere comunale di Sansepolcro >>>

Mondo politica: intervista con Vincenzo Tofanelli, responsabile di "Azione" per l'Altotevere >>>

Mondo Politica: intervista a Fabio Santioni consigliere comunale a Caprese Michelangelo >>>

Mondo Politica: intervista ad Annalisa Mierla, vicesindaco di Umbertide >>>

Mondo Politica: intervista a Luigi Gennari consigliere comunale a Città di Castello >>>

Mondo Politica: intervista a Fabio Buschi ex sindaco di San Giustino >>>