Notizie Locali Attualità

Letizia Giorgianni: Ancora gravi criticità nella presentazione delle domande di accesso al FIR

Ne parlerò domani in Commissione di inchiesta Parlamentare

Print Friendly and PDF

Oggi sarò in audizione presso la Commissione di inchiesta sul sistema bancario insieme alle altre associazioni a tutela dei risparmiatori per fare il punto sui ristori del Fondo Indennizzo Risparmiatori (FIR) ed esporre le criticità rilevate nella liquidazione dei rimborsi da parte del Consap ai risparmiatori delle banche poste in liquidazione coatta amministrativa dal 16 novembre 2015 e 1° gennaio 2018, in possesso di titoli indennizzabili (azioni e obbligazioni) delle seguenti banche: Veneto Banca, Banca Popolare di Vicenza, Banca Etruria, Banca Marche, Carichieti, Cariferrara, 

L’avvocato che per conto dell’Associazione sta seguendo le pratiche ha notato situazioni di familiari del tutto identiche nella contrattualistica e nei tempi e quantità acquisti risarciti in modo del tutto diversi, anche non risarciti.

Sono state adottate da CONSAP delle determinazioni che limitano il diritto al risarcimento che non sono mai state pubblicate e anche quando sono state richieste per PEC la commissione ha negato l'invio (le stesse però sono usate per negare i risarcimenti).

Consap e commissione tecnica hanno introdotto un'altra determinazione che ha portato ad escludere dal FIR tutti quelli che in precedenza hanno fatto ricorso all’ANAC; in nessuna parte della legge è previsto che chi ha fatto ricorso all’Anac non possa accedere al Fir con il solo limite di aver raggiunto il 95%;  anche questa determinazione è stata adottata dopo che erano scaduti i termini per l'invio delle domande mentre sarebbe stato almeno giusto e opportuno che tali regole fossero state rese note sin da subito.

Consap non ha consentito a chi ha commesso errori anche banali (tipo errore di battitura) di rimediare agli errori quando in un qualsiasi altro procedimento ci sarebbe stata la correzione dell'errore materiale; non ha nemmeno permesso che le istanze del binario semplificato passassero a quello ordinario consentendo di provare le violazioni massive anche se una loro stessa determinazione (6.8.2020) lo prevedeva.

Occorre pertanto far luce sull’operatività di Consap, troppo spesso gestita per negare gli indennizzi che sono previsti da una legge. Eppure i fondi ci sono, ci chiediamo quindi perché complicare o addirittura negare il diritto ad essere rimborsati a tanti risparmiatori.

Letizia Giorgianni (Presidente Associazione Vittime del Salvabanche)

Redazione
© Riproduzione riservata
05/07/2022 09:04:00


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Il nome di don Gabriele Bandini in 'pole' per il nuovo Vescovo della Diocesi Aretina >>>

Anche Città di Castello ha la sua panchina gigante: è una delle 5 previste in Umbria >>>

Turismo ed infrastrutture, il Ministro Massimo Garavaglia a Bagno di Romagna >>>

Toscana meteo: codice giallo esteso fino a lunedì mattina >>>

Danni dei cinghiali in Valtiberina, dalla Regione Toscana arriva la soluzione >>>

Monsignor Marco Salvi sempre più vicino a diventare il vescovo di Arezzo, Cortona e Sansepolcro >>>

Sansepolcro dice sì alla Fondazione Arezzo in Tour: l'ingresso a settembre >>>

E45 in Valtiberina e A1 nel tratto Aretino: sarà un weekend da bollino nero >>>

A Citerna pomodori e melanzane crescono sugli alberi >>>

Rilascio di acqua diminuito dalla diga di Montedoglio al Tevere >>>