Ambiente Animali

Gli oceani potrebbero non esser più in grado di sostenere la vita dell’uomo

Specie di pesci commestibili in diminuzione

Print Friendly and PDF

I cambiamenti climatici potrebbero alterare gli ecosistemi marini in modi inaspettati, tanto da modificare le interazioni tra prede e predatori oceanici, costretti a individuare nuove aree abitative. Questo, almeno, è quanto emerge da uno studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B, condotto dagli scienziati dell'Università di Rutgers e dell'Università della Columbia Britannica. Il riscaldamento delle acque, spiegano gli autori, potrebbe ridurre la disponibilità di specie ittiche da catturare. Le specie di grandi dimensioni potrebbero quindi sperimentare delle difficoltà nelle attività di foraggiamento. Allo stesso tempo, prospettano gli scienziati, i pescherecci potrebbero doversi spingere in zone mai battute e in aree geografiche nuove per soddisfare le richieste e le domande di prodotti ittici.

"Il nostro lavoro - osserva Malin Pinsky, dell'Università di Rutgers - suggerisce che il numero di esemplari potrebbe risultare significativamente inferiore nei prossimi anni. Il riscaldamento ambientale e le dinamiche della rete alimentare potrebbero compromettere in modo profondo la biodiversità marina". A differenza di molti studi precedenti, orientati a valutare gli impatti diretti dei cambiamenti climatici sulle singole specie, il team ha esaminato le interazioni trofiche che riguardano il processo di nutrimento di una specie a scapito di altre. In questo modo, precisano gli esperti, è possibile valutare il modo in cui il cambiamento climatico influenza gli areali e gli habitat in senso più ampio.

Grazie a una serie di modelli computerizzati, gli studiosi hanno determinato che le interazioni predatore-preda portano allo spostamento degli areali in modo più lento rispetto alle variazioni dovute alle differenze nella temperatura dell'acqua. "Il modello - afferma EW Tekwa, dell'Università della Columbia Britannica - suggerisce che nei prossimi 200 anni le specie si rimescoleranno continuamente e saranno in procinto di spostare i loro areali. Tra due secoli, gli animali marini resteranno indietro rispetto agli sbalzi di temperatura. Si tratta di dinamiche che si verificheranno a livello globale. Non è una buona notizia per la vita marina".

Notizia e Foto tratte da Tiscali
© Riproduzione riservata
18/04/2022 11:30:37


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Animali

Boschi italiani minacciati da un nuovo insetto killer: allarme per il Bostrico Tipografico >>>

Gli oceani potrebbero non esser più in grado di sostenere la vita dell’uomo >>>

Il pesce mano rosa non si è ancora estinto: avvistato un esemplare in Tasmania >>>

Scoperti i resti fossili della creatura volante più grande di tutti i tempi >>>

Cieli vuoti e silenziosi, negli ultimi 40 anni l’Europa ha perso circa 900 milioni di volatili >>>

Piante da appartamento pericolose e quelle sicure per i gatti, quali sono >>>

L'invasione di zanzare coreane preoccupa gli esperti >>>

Mattanza in nome della tradizione, alle isole Fær Øer sono stati massacrati oltre 1400 delfini >>>

Un bellissimo scarabeo minaccia le colture italiane >>>

Scoperto in Madagascar il rettile più piccolo del mondo >>>