Economia L'Esperto

Arriva la stangata anche sulla pasta

La causa é la riduzione dei raccolti di grano duro

Print Friendly and PDF

Il rincaro delle bollette dell'energia non è l'unico a preoccupare gli italiani. C'è un'altra emergenza che si prepara a colpire il nostro Paese nei prossimi mesi: l'aumento del costo della pasta. Basta girare per le corsie dei supermercati per accorgersi che in alcuni casi sono già scattati gli aumenti nell'ordine di qualche centesimo di euro ma a partire dalle settimane prossime al Natale i prezzi potrebbero schizzare ancor di più verso l'alto, con un incremento fino a 20 centesimi al pacco. Un salasso che rischia di colpire le famiglie italiane, che si traduce in un aumento del 20% circa di uno dei beni di primissima necessità e che viene imputato (anche) al cambiamento climatico da parte dei produttori.

Stando ad alcune statistiche, gli italiani consumano mediamente tra 23/24 chili di pasta ogni anno. Siamo il Paese in cui se ne mangia di più in tutto il mondo, dopo di noi c'è la Tunisia dove se ne consumano 17 kg. Una vittoria per distacco per l'Italia, e non poteva essere altrimenti, che però potrebbe causare disagi più che in altri Paesi con i prossimi aumenti, che vengono giustificati da una globale riduzione nella produzione di grano duro. Una situazione che preoccupa gli esperti che sono arrivati a parlare di "inflazione dei carboidrati". L'aumento dei prezzi dei prodotti cerearicoli è cominciato già tempo fa ma solo ora si iniziano a vedere gli effetti sulla grande distribuzione. L'indice dei prezzi stilato dalla Fao per il mese di agosto ha segnato un +3,4% rispetto a luglio. Non tanto, direbbe qualcuno, ma ampliando lo spettro d'analisi e considerando una finestra temporale annuale si scopre che in 12 mesi gli aumenti hanno superato il 30%.

Il principale responsabile pare sia il Canada, principale produttore mondiale di cereali e primo fornitore dell'Italia,dove i raccolti sono stati dimezzati nell'ultimo periodo a causa dei cambiamenti climatici. La carenza di grano duro a livello globale sta influenzando il prezzo di vendita di tanti prodotti di prima necessità, non solo la pasta. Anche il pane, infatti, rischia di subire profondi rincari, così come i dolci. Una conseguenza dell'incremento del prezzo delle materie prime che preoccupa i consumatori e i produttori. In Campania, per esempio, si stima che il rincaro del prezzo del pane potrebbe arrivare fino a un euro al chilo.

Secondo la Coldiretti la soluzione potrebbe essere trovata in casa, "con una adeguata programmazione che consenta di aumentare la produzione di grano duro italiano in una situazione in cui l’Italia importa circa il 40% del grano di cui ha bisogno".

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
27/09/2021 22:07:04


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio L'Esperto

Redditometro e fattura elettronica: cosa farà il Fisco adesso >>>

Uso contanti: le nuove regole in arrivo dall'1 gennaio 2022 per i pagamenti, i prelievi e le multe >>>

Pensioni: come andare via subito da gennaio >>>

L'Ue vuole bloccare vendite e affitti: quali sono le case a rischio >>>

Riforma Irpef, le nuove aliquote: ecco chi pagherà meno e chi pagherà di più >>>

Rivoluzione Isee: cosa cambia per il reddito di cittadinanza >>>

Contante, novità dal 1 gennaio: cambia la soglia e arrivano nuove sanzioni >>>

Il mondo vicino alla paralisi: mancherà di tutto, anche le banane >>>

Quando scattano le nuove sanzioni per i contanti >>>

Draghi cancella Quota 100. E spunta l'assegno da 1500 euro >>>