Notizie Nazionali Economia

I costi nascosti dell’e-commerce: entro il 2025 i negozi italiani perderanno quasi 4 miliardi

Lo studio di Alvarez&Marsal: costi in crescita, ma l’avanzata digitale non si ferma

Print Friendly and PDF

Una mazzata che sfiora i quattro miliardi. La faccia nascosta del boom dell’e-commerce, dello spostamento rapidissimo dei consumi dal canale fisico a quello digitale, avrà un costo enorme per i negozianti italiani  che non riusciranno a salire sul treno della rivoluzione. Nel giro di quattro anni, a causa della spinta impensabile di una pandemia che ha insegnato a muoversi su e giù per la rete anche a chi era convinto di «resistere» alle sirene del commercio 2.0, il comparto brucerà 3,7 miliardi di euro. I conti sono in uno studio del colosso della consulenza globale Alvarez&Marsal, realizzato in collaborazione con Retail Economics. L’indagine spiega che i rivenditori «digital only» in genere operano con margini notevolmente inferiori rispetto ai modelli di business multicanale e fisici: l’analisi mostra che in un comparto dove già da diversi anni è in corso un progressivo assottigliamento dei profitti, i margini per i retailer europei online puri si aggirano in media intorno all’1,4%, valore di 4 punti percentuale sotto a quello dei rivenditori misti che tocca il 5,2%. A questa premessa - meno marginalità per i business completamente online - si devono aggiungere gli investimenti necessari ai retailer tradizionali per compiere lo spostamento verso il mercato digitale. Bisogna investire su nuove competenze, sul potenziamento dell’infrastruttura tecnologica e degli aspetti logistici e a tutto ciò vanno sommate le «vere variabili capaci di influenzare maggiormente il futuro del settore: le spedizioni e soprattutto i resi». Questi ultimi rappresentano proprio la chiave di volta del settore. I nuovi consumatori digitali, e questo, dice lo studio, «è particolarmente valido per i giovani compratori, spesso nativi digitali», restituiscono la merce acquistata online con più facilità: basti pensare che quasi il 9% del totale delle spedizioni dell’ecommerce italiano torna indietro come reso, in UK questa percentuale sale all’11%.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
30/06/2021 13:55:35


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Gkn, accolto il ricorso dei 422 operai licenziati via mail >>>

Smart working, Brunetta: “Tra un mese il contratto per il lavoro da remoto nella Pa” >>>

Massimo Moratti dona 1,5 milioni ai lavoratori dell’azienda di famiglia in cassa integrazione >>>

Cingolani: “Riscriviamo il metodo di calcolo delle bollette. Mitigheremo l’aumento” >>>

Smart working, pronta la bozza sul lavoro agile nella pubblica amministrazione >>>

Bollette, in Cdm un decreto per lo stop agli oneri di sistema contro gli aumenti >>>

“Taglio del cuneo fiscale e riforma dell’Irpef”: il piano di Franco per ridurre le tasse >>>

Cernobbio, Lamorgese: “Green Pass fondamentale per far ripartire in sicurezza il Paese e le imprese” >>>

Al forum Ambrosetti, Colao: “Fibra e 5g ovunque entro il 2026” >>>

Coronavirus, 140 milioni per sostenere discoteche, piscine e palestre rimaste chiuse >>>