Notizie dal Mondo Cronaca

L’Oms: “Dagli animali selvatici vivi il 70 per cento dei virus"

"Bisogna fermarne la vendita nei mercati"

Print Friendly and PDF

Serbatoio naturale di oltre il 70% delle malattie infettive emergenti, gli animali sono stati dei sorvegliati speciali fin dall'inizio della pandemia scatenata dal virus SarsCoV2: l'obiettivo è evitare che diventino dei serbatoi naturali di infezioni. Per questo i risultati positivi del primo vaccino anti Covid sperimentato nei gatti sono una buona notizia e per lo stesso motivo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha chiesto di fermare la vendita di mammiferi selvatici vivi nei mercati alimentari. In entrambi i casi l'obiettivo è bloccare la circolazione dei virus. La sperimentazione di fase 1 del vaccino anti Covid-19 per i gatti, realizzato dall'azienda italiana Evvivax, è stata condotta negli Stati Uniti in collaborazione con l'azienda americana Applied Dna.

«In tutti gli animali trattati abbiamo osservato la formazione di anticorpi neutralizzanti e a fine aprile potremo vedere i risultati della seconda iniezione», ha detto Luigi Aurisicchio, amministratore delegato e direttore scientifico delle aziende biotech Takis ed Evvivax. Si sperimenta un vaccino anti Covid nei gatti sia alla luce dei casi di contagio fra gatti e uomini finora osservati, sia dopo i casi di contagio con le varianti inglese, sudafricana e brasiliana osservati nei gatti e in altre specie animali, come i topi: «vale a dire - ha aggiunto Aurisicchio - che si potrebbe generare un serbatoio naturale, indipendentemente dai progressi della vaccinazione nell'uomo».

Il prossimo passo sarà misurare gli anticorpi generati nei gatti dopo il richiamo e si prevede inoltre di sperimentare il vaccino sui visoni, nei quali il virus SarsCoV2 si diffonde molto facilmente, al punto di avere causato epidemie che hanno portato all'abbattimento di molti animali negli allevamenti. Tenere alta la guardia è fondamentale: «gli animali, in particolare quelli selvatici, sono la fonte di oltre il 70% di tutte le malattie infettive emergenti nell'uomo, molte delle quali sono causate da nuovi virus», rileva l'Oms. «I mammiferi selvatici, in particolare, rappresentano un rischio per l'emergere di nuove malattie», aggiunge additando come esempio il mercato di animali vivi di Wuhan, riconosciuto come uno dei punti della diffusione del virus alla fine del 2019. Oltre alla sospensione delle vendite, si chiedono migliori norme igieniche, controlli efficaci negli allevamenti, la formazione di ispettori veterinari, sistemi di sorveglianza più capillari e campagne di informazione e sensibilizzazione.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
14/04/2021 05:57:20


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Covid: a Delhi 5 mila morti in due settimane >>>

Gran Bretagna: Johnson, spunta un debito non pagato da 535 sterline >>>

Razzi su Tel Aviv, bombe su Gaza. E’ guerra tra Hamas e Israele >>>

Australia: scoperto un tunnel per la fuga in un centro di detenzione migranti >>>

Russia, spari in una scuola di Kazan: 11 morti e 32 feriti >>>

Francia: donna accoltella un poliziotto, un collega le spara >>>

Gerusalemme, missili sulla città: vittime >>>

Chernobyl, il reattore esploso si è risvegliato. Gli scienziati: riprese reazioni di fissione >>>

Morto archistar Helmut Jahn, firmò edifici hi-tech >>>

Covid, l’Irlanda rimuove l’Italia dalla quarantena obbligatoria >>>