Notizie Nazionali Attualità

Infrastrutture Italia: sono 1.040 le opere incompiute o bloccate nel nostro Paese

Le Regioni migliori e le peggiori

Print Friendly and PDF

Secondo il Primo Rapporto sull’Efficienza Infrastrutturale di Sensoworks, la startup italiana specializzata in monitoraggio infrastrutturale supportata da piattaforme multilivello, ad influire sul divario infrastrutturale italiano sono prevalentemente i procedimenti burocratici, che nel nostro Paese sono quasi sempre farraginosi.

A caratterizzare la situazione italiana ancora troppe inefficienze e sprechi, come quelli relativi alle 640 grandi opere incompiute (per un valore complessivo di 4 miliardi di euro) ed alle 400 opere bloccate per motivi burocratico-autorizzativi o per contenziosi vari (per un valore di 27 miliardi di euro). Insomma in totale 1.040 opere incompiute o bloccate.

In testa la Sicilia

A guidare la classifica delle opere incompiute è la Sicilia, la regione che ne ha il più elevato numero (162), pari al 25,3% del dato totale nazionale (640).

Escludendo l’ambito statale/sovra-regionale, la Sicilia si classifica inoltre al primo posto anche per lo spreco in termini economici: 488 milioni di euro, pari al 12,2% del dato nazionale che somma 4 miliardi di euro.

Per quanto riguarda poi i tempi di realizzazione delle opere pubbliche, la media italiana è di 4,4 anni. Ma a livello territoriale si toccano valori ancora più elevati in Molise (5,7 anni), Basilicata (5,7 anni), Sicilia (5,3 anni) e Liguria (5,2 anni).

Le regioni più virtuose

Le regioni più virtuose sono invece Lombardia ed Emilia Romagna, dove le opere infrastrutturali sono terminate con maggior velocità. Le due regioni si posizionano prime a pari merito con 4,1 anni di tempo medio di realizzazione.

Ecco comunque la graduatoria completa delle nostre regioni nell’ambito del “Rapporto Sensoworks sulle Grandi Opere Incompiute”:

AMBITO %  OPERE (su nazionale) NUMERO OPERE  IMPORTO TOTALE IN MILIONI DI EURO

1 Regione Sicilia                      25,3%     162      488

2 Regione Sardegna                 13,4%86247

3 Regione Puglia                        8,4% 5483

4 Regione Lazio                         7,0%  45 158

5 Regione Campania                  6,4%   41208

6 Regione Basilicata                   5,2%   3394

7 Regione Abruzzo                     4,8%3147

8 Regione Lombardia                  4,2%27137

9 Statale o Sovra-Regionale        4,7%   301900

10 Regione Emilia-Romagna        2,5% 1686

11 Regione Marche                     2,5%1674

12 Regione Toscana                    2,5%1621

13 Regione Calabria                    2,3%1557

14 Regione Umbria                     2,3%15162

15 Regione Molise                       2,2%14145

16 Regione Veneto                      2,2%1420

17 Regione Piemonte                  1,4%910

18 Regione Friuli V. G.                 0,8%511

19 Prov. Autonoma Bolzano         0,6%46

20 Regione Liguria                      0,6% 4 26

21 Regione Valle d'Aosta             0,3% 216

22 Prov. Autonoma di Trento       0,2%14

Tot. Grandi Opere Incomp.   100,0% 6404000

«In regioni come la Sicilia dove una grande opera su 4 rimane incompiuta —e dove ancora oggi permangono gravissime diseconomie— Sensoworks può dare un contributo risolutivo per invertire questa situazione, non solo migliorando la sicurezza delle infrastrutture ma anche aumentando la trasparenza della gestione degli eventi. Abbiamo creato Sensoworks proprio per essere in grado di raccogliere e processare l’insieme dei dati relativi alle infrastrutture con una velocità ed un’efficienza fuori dalla portata umana» commenta Niccolò De Carlo, ceo e co-fondatore di Sensoworks.

«Con il “Sistema Sensoworks” —prosegue Niccolò De Carlo— è addirittura possibile prevedere un evento infrastrutturale prima che si verifichi, non solo a livello di ponti e strade, ma anche a livello “building” nei palazzi, uffici e scuole».

Riduzione costi manutenzione

«Particolarmente in regioni come la Sicilia, con il “Sistema Sensoworks” i costi di manutenzione si ridurrebbero drasticamente, così come la facilità di accesso ai dati» puntualizza il ceo.

«Sicurezza e trasparenza: questi i nostri due valori principali, che passano attraverso uno sviluppo “più umano” di algoritmi predittivi» assicura De Carlo. Valori che hanno portato la startup romana —ad appena 1 anno dal lancio— a conquistare una fetta importante di mercato, con progetti di monitoraggio dinamico realizzati per Acea, Anas ed Autostrade, solo per fare alcuni nomi. Ed ora l’azienda ha aperto uffici anche a Boston, da dove si propone di conquistare presto tutta l’America.

Le infrastrutture da revisionare subito

Quante sono poi le infrastrutture che andrebbero subito revisionate? Secondo il Consiglio Nazionale delle Ricerche sarebbero 12 mila. Ma la rete viaria nazionale si perde poi nelle complesse ed articolate competenze di Autostrade, Anas, Regioni, Province, Comuni e via dicendo. Non essendo mai stato funzionante il catasto delle strade non si può conoscere il numero esatto di ponti, viadotti e gallerie e non è possibile sapere quante di queste infrastrutture abbiano raggiunto livelli preoccupanti di degrado.

Ma secondo le stime di Sensoworks in Italia i ponti sarebbero circa 1,5 milioni e calcolando poi le campate di ciascun ponte si arriverebbe già così a 4 milioni di strutture da revisionare.

Sotto monitoraggio

Quante sono quelle sotto monitoraggio? Appena 60 mila, monitorate con i vecchi sistemi delle ispezioni. «Eppure i controlli “statici” portano a creare situazioni di allarme ed anche gravi diseconomie molto spesso innecessarie» commentano gli ingegneri di Sensoworks.

Di queste 60 mila infrastrutture qualcosa sappiamo ed è già una buona cosa. Delle altre, invece, non sappiamo quasi nulla. Qui le nuove tecnologie potrebbero dare un contributo risolutivo, consentono interventi su larga scala ed in continuo, con acquisizione automatica dei dati e gestione da remoto, permettendo di monitorare grandezze fisiche, 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Per quanto riguarda più specificamente la Sensoworks, da maggio 2020 (prima i cantieri erano bloccati per via del Covid) la società ha iniziato a lavorare a nuovi importanti progetti di monitoraggio di diverse infrastrutture autostradali (Autostrade per l’Italia) e stradali (Anas).

«Complessivamente parliamo di 23 cavalcavia e 3 tunnel, ma puntiamo a molto di più. E stiamo inoltre lavorando ad un processo di standardizzazione di monitoraggio ante operam —di solito lavoriamo su strutture già esistenti— al fine di monitorare le nuove infrastrutture già in fase di costruzione o comunque già dal primo giorno di vita» sottolinea De Carlo.

Notizia e Foto tratte da Tiscali
© Riproduzione riservata
18/01/2021 20:40:02


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

La prima Superciclabile d’Italia collegherà Firenze con Prato >>>

Coronavirus in Italia, il bollettino del 20 gennaio: 13.571 nuovi casi, 524 vittime >>>

Infrastrutture Italia: sono 1.040 le opere incompiute o bloccate nel nostro Paese >>>

Il Papa: sarà beato Livatino. Il “giudice ragazzino” primo magistrato nella storia della Chiesa >>>

Covid, il Papa: invece di lamentarci delle restrizioni, facciamo qualcosa per chi ha bisogno >>>

Covid, il Papa celebrerà la messa di Natale alle 19.30 >>>

Le origini nascoste di Venezia: così è nata la città "galleggiante" >>>

Papa Francesco: il lavoro dei piccoli coltivatori è più che mai importante >>>

Anpi: Gianfranco Pagliarulo eletto nuovo presidente >>>

Coppie gay, il “sì” di papa Francesco alle unioni civili >>>