Notizie Locali Cronaca

Smaltimento illecito dei rifiuti: scatta il sequestro da parte dei forestali di Sansepolcro

Dovevano essere intercettati, raccolti e smaltiti come rifiuti in impianti specializzati

Print Friendly and PDF

I Carabinieri Forestali della Stazione di Sansepolcro, coadiuvati dai militari del gruppo ambiente della Procura di Arezzo e dal Dipartimento Arpat di Arezzo hanno sequestrato una intera unità locale, con conseguente blocco dell’attività,  di una nota impresa specializzata nella produzione di inerti per l’edilizia della Valtiberina; i reati contestati sono:  immissione in esercizio di un ciclo produttivo senza autorizzazione agli scarichi dei reflui industriali; smaltimento illecito, diffuso e incontrollato sul suolo di rifiuti liquidi costituiti da fanghi derivanti dal lavaggio di inerti e percolato prodotto dai rifiuti e dalle materie prime in stoccaggio all’interno del resede produttivo; apertura di uno scarico di refluo industriale sul suolo costituito dai medesimi rifiuti in assenza di autorizzazione; realizzazione di discarica non autorizzata di rifiuti speciali.

In particolare  veniva accertato che la citata unità locale, nonostante avesse beneficiato di un rinnovo dell’aua (autorizzazione unica ambientale) nel corso dell’anno 2019  non godeva di alcun permesso per scaricare i propri  reflui industriali  (costituiti dai fanghi della lavorazione degli inerti da cava e percolato prodotto dallo stoccaggio dei rifiuti e delle materie prime) in alcun corpo recettore;  da qui la seconda   contestazione (smaltimento illecito) in quanto i citati reflui non potendo costituire uno ‘’scarico’’ dovevano essere intercettati, raccolti e smaltiti come rifiuti mediante il loro conferimento in impianti specializzati e autorizzati a riceverli; ed invece contrariamente a quanto prevede la normativa gli stessi venivano in parte  dispersi sul suolo e in parte convogliati con uno scarico diretto sul suolo (la cui realizzazione è vietata per Legge) in una superficie verde; il tutto determinava una contaminazione avente una estensione di alcune migliaia di metri quadrati di superficie  e come se ciò non bastasse nella citata Unità locale è stata rinvenuta  discarica illecita tombata  di rifiuti speciali costituiti da rifiuti per l’edilizia, rifiuti organici, imballaggi in plastica ferro, fanghi industriali e fusti dell’olio esausto etcc che proprio nella giornata del 6 novembre è stata completamente portata alla luce.

Le indagini, attualmente coordinate dalla dr.ssa Chiara Pistolesi e dal Magistrato di turno proseguiranno per completare gli accertamenti in corso e  definire  le responsabilità penali.

Redazione
© Riproduzione riservata
23/11/2020 14:22:50


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Pugno duro lungo la Umbro-Casentinese: 42 multe della Polizia Municipale >>>

Covid-19: in Toscana 345 nuovi casi e 22 decessi >>>

Covid-19 a Sansepolcro: 21 casi in più in questa settimana >>>

Prime vaccinazioni con il Moderna alla Asl Toscana Sud Est >>>

Covid-19: scendono a 34 i nuovi casi in provincia di Arezzo >>>

Codice giallo per ghiaccio in Toscana >>>

Covid-19: a Città di Castello 13 nuovi positivi e 7 guariti >>>

Covid-19: in Toscana 406 nuovi positivi e 15 decessi >>>

Castel Focognano: cacciatore di 57 anni ferito a un ginocchio >>>

Città di Castello: polizia municipale e operai del Comune al lavoro per la neve >>>