Notizie Locali Interviste locali

Politica sotto l'ombrellone: intervista con Egiziano Andreani esponente della Lega aretina

"La Ceccardi é la persona giusta per rilanciare la Toscana"

Print Friendly and PDF

Consigliere comunale di maggioranza ad Arezzo, pronto a ricandidarsi anche nel 2020 e sempre con la Lega. Che tenti l’assalto anche in Regione nelle consultazioni del 20 e 21 settembre prossimi? Microfono a Egiziano Andreani, esponente di primo piano della Lega aretina.   

Andreani, la “morte” della Lega Nord di Bossi e la nascita del nuovo partito – Lega per Salvini premier – ha fatto storcere la bocca a più di un aderente. Lei da che parte sta?

“Di Lega ce n’è soltanto una, che prima portava il nome “nord” e adesso non più. Ognuno può pensare come crede, ma si tratta di un meccanismo naturale concretizzatosi con il passaggio attraverso il congresso federale, poi vi sarà qualcuno più o meno attaccato. Anche la nuova organizzazione del partito sta nell’ordine delle cose, ma la Lega rimane pur sempre un movimento politico con un proprio pensiero, che oggi si identifica nella figura di Matteo Salvini”.

Sono arrivati 209 miliardi di euro di “recovery fund” per l’Italia, ma nemmeno questa cifra ha sedato l’acceso confronto politico. E’ mai possibile che noi italiani non riusciamo a “fare” nazione?

“E’ un problema intrinseco di questo Paese, che non riesce a stare unito nei momenti in cui la coesione invece servirebbe. Dobbiamo ora vedere i dettagli della formulazione del prestito: un conto sono gli annunci belli, tipici del premier Conte, un conto poi è la realtà di fatto. Abbiamo visto cosa è successo con la cassa integrazione e con il sostegno al mondo economico: i titolari delle aziende debbono andare in banca e risistemare i propri impegni pregressi ecc.; insomma, non è stato tutto oro ciò che qualcuno voleva far luccicare”.

Elezioni regionali in Toscana. I sondaggi partiti qualche tempo fa sono arrivati a evidenziare una sostanziale situazione di parità fra Eugenio Giani e Susanna Ceccardi quando manca un mese e mezzo alla consultazione. Il ribaltone può quindi diventare realtà e – qualora così fosse – potrebbe cambiare il grado di considerazione della Regione nei confronti dell’Aretino, che al momento è nullo?

“Credo proprio che il momento sia quello buono. La Ceccardi è la persona ideale, perché anche a Cascina – Comune del quale è stata sindaco – ha saputo confrontarsi con la sinistra e vincere. Di conseguenza, sa come amministrare (perché in casi del genere il peso politico non basta) e inoltre è una persona giovane, non ancorata a un passato remoto come Giani. Una fra le prime cose che la Ceccardi ha promesso di fare è quella di telefonare periodicamente ai sindaci di tutti i Comuni della Regione: un atteggiamento che ribalta le logiche in favore di quei territori lasciati in secondo ordine dal Pd. Ma oltre a questo, con la Ceccardi presidente verrà a essere modificato l’assetto della sanità regionale”.

Egiziano Andreani in lizza sia alle regionali che alle comunali di Arezzo?

“Per ciò che riguarda le regionali, è questione di giorni: dipenderà dagli organi deputati a prendere la decisione. Io posso soltanto confermare la mia disponibilità alla candidatura, poi si vedrà, mentre è quasi certo che ad Arezzo sarò della partita”.

Teme che le ultime vicende di vario genere nelle quali è rimasto più o meno direttamente coinvolto possano influire sul risultato e quindi sulla conferma a sindaco di Alessandro Ghinelli ad Arezzo?

“Se parliamo delle due persone che sono uscite, diciamo subito che per quanto riguarda Marcello Comanducci il motivo non è stato di certo la divergenza di vedute, mentre Gianfrancesco Gamurrini ha fatto le sue scelte, rispettabili quanto si voglia, ma il comportamento di una persona non va comunque a inficiare il lavoro di una squadra. Se poi si vuol parlare di vicende giudiziarie, queste lasciamole in mano alla magistratura: Parma ci insegna qualcosa, con il vecchio sindaco Pietro Vignali che è stato fatto dimettere per questioni sulle quali a distanza di dieci anni è stato appurato che non c’entrava nulla. Dico allora che in questi anni ad Arezzo si è visto realmente qualche cosa di nuovo. Il cambiamento in positivo più evidente riguarda il turismo, ma io ci metto anche la sicurezza: se vi ricordate, fino al 2015 le risse fra extracomunitari dalle parti di piazza Guido Monaco erano frequenti, mentre ora sono praticamente scomparse”.

Turismo ma non solo. Di che cosa ha bisogno Arezzo per il suo rilancio economico?

“Sono d’accordo con chi dice che non si possa vivere di solo turismo. Non solo: è opportuno mantenere il più possibile l’orafo-manifatturiero, con il turismo che deve diventare il nuovo “oro” della città e compensare il gap in un momento difficile, però la vocazione originaria di Arezzo deve essere ripristinata. Dico infine che il Covid-19 ha lasciato i suoi segni e che noi, come amministrazione, abbiamo messo sul piatto 2 milioni di euro in favore di imprese e famiglie”.

Redazione
© Riproduzione riservata
04/08/2020 09:05:48


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Interviste locali

Politica sotto l'ombrellone: intervista con Fabio Butali candidato sindaco ad Arezzo >>>

Politica sotto l'ombrellone: intervista con Claudio Maggini vice sindaco ad Anghiari >>>

Politica sotto l'ombrellone: intervista con Francesca Mercati >>>

Politica sotto l'ombrellone: intervista con Alessandro Casi segretario Lega Arezzo >>>

Politica sotto l'ombrellone: intervista con Franco Mollicchi ex assessore a Sansepolcro >>>

Politica sotto l'ombrellone: intervista a Catia Del Furia assessore a Sansepolcro >>>

Politica sotto l'ombrellone: intervista a Daniela Frullani ex sindaco di Sansepolcro >>>

Politica sotto l'ombrellone: intervista con Michele Menchetti >>>

Politica sotto l'ombrellone: intervista con Francesca Mencagli >>>

Politica sotto l'ombrellone: intervista con Riccardo La Ferla ex sindaco di Anghiari >>>