Notizie dal Mondo Cronaca

Morto Albert Uderzo, papà di Asterix

Il grande disegnatore francese aveva 92 anni

Print Friendly and PDF

‹‹Un amico italiano mi ha detto che non si sente preso in giro in quanto italiano, visto che i miei romani sono i romani di oggi, con il dialetto attuale››. Queste parole del grande disegnatore Albert Uderzo, morto lo scorso 24 marzo  a quasi 93 anni (era nato il 25 aprile 1927) rivelano un interessante punto di vista sul grande successo che ha avuto anche nel nostro Paese il suo Asterix, creato nel 1959 con lo sceneggiatore Renè Goscinny (1926-1977). 

Non ha nuociuto alla popolarità della serie il fatto che sbeffeggi gli antichi romani e sembri ipersciovinista, con i Galli (“proto francesi”), in primis Asterix e l’amico Obelix, di un piccolo villaggio che grazie alla pozione magica del druido Panoramix resistono ancora e sempre all’invasione dei Romani di Giulio Cesare.

Uderzo (di padre vicentino e madre spezzina), però, ha sempre rifiutato le accuse di sciovinismo. ‹‹I giornalisti e  perfino i colleghi – ha dichiarato – iniziarono a dire che avevamo un tale successo per il carattere nazionalista del fumetto. De Gaulle, la Gallia, lo sciovinismo… io e René ci arrabbiavamo da matti!››

Del resto nessuno dei due era francese “puro”: Goscinny aveva origini ebraico-polacche e aveva vissuto a lungo in Argentina, Uderzo ha sempre parlato un italiano misto a dialetto veneto. ‹‹Se devo tradurre il francese per un italiano mi viene da dire cadrega invece di sedia›› aveva dichiarato in un’intervista del 1990, pochi anni prima del celebre sketch della “cadrega” di Aldo Giovanni e Giacomo (rivelava la “meridionalità” di Aldo il fatto che non sapesse il significato della parola “cadrega”).

Il successo di Asterix deriva dalla forza dei divertentissimi testi e dei disegni.

Siamo nel 50 a.C. la Gallia è stata conquistata dai Romani di Giulio Cesare. Tutta? No, un villaggio dell'Armorica (più o meno l'odierna Bretagna), abitato da irriducibili Galli, resiste ancora e sempre all'invasore. È il villaggio (il cui nome non viene mai rivelato) di Asterix e Obelix. Grazie alla pozione magica (che conferisce  una forza sovrumana a chi la beve), preparata dal druido Panoramix, i Galli sono invincibili e le suonano di santa ragione ai romani dei vicini accampamenti di Babaorum, Laudanum, Petibonum e Acquarium.

Uderzo inizia a disegnare fumetti a metà degli anni Quaranta: a fine decennio conosce Goscinny e insieme già nel 1952 creano la serie di pirati Jehan Pistolet, e poi  Oumpah-Pah, con protagonista un giovane pellerossa. Il successo arriva con Asterix, la cui prima storia, “Asterix il gallico” viene pubblicata a puntate a partire dal 29 ottobre 1959 sulla rivista “Pilote”.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
24/03/2020 20:45:52


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Lockdown, in Turchia quasi 50mila multe >>>

La Francia vieta l’idrossiclorochina: aumenta il rischio mortalità nei malati Covid >>>

Addio a John Peter Sloan, ci ha insegnato l’inglese in tv >>>

Betlemme, riaperta la Basilica della Natività >>>

Virus, America Latina: altri 1.600 morti >>>

Coronavirus, l’Oms sospende i test sull’uso dell’idrossiclorochina >>>

Addio a Jimmy Cobb, uno dei più grandi batteristi della storia del jazz >>>

Immuni: è già online parte del codice dell'app italiana per il contact tracing >>>

Israele: Netanyahu alla sbarra, prossima udienza il 19 luglio >>>

L’allarme sul clima: “Il 2020 l’anno più caldo di sempre, sarà un’estate torrida” >>>