Notizie dal Mondo Politica

L'Ocse: "Piano Marshall". Ma l'Europa si spacca su chi pagherà i debiti

Divisa anche la Germania, e gli economisti chiedono di usare i 410 miliardi del Mes

Print Friendly and PDF

L'emergenza richiede «un livello di ambizione simile a quello del Piano Marshall, e una visione simile a quella del New Deal, ma ora a livello globale».

Il segretario generale dell'Ocse, Angel Gurria, sprona i governi e le banche centrali a muoversi in modo coordinato per vincere le sfide lanciate dal coronavirus. Serve pensare in grande, senza limiti, come venne fatto negli anni '30 e nel secondo dopoguerra per rimuovere le macerie, ripartire e dare a tutti la speranza di un futuro migliore. La risposta collettiva è finora mancata, ma almeno l'Europa ha cominciato a dare qualche risposta, seppur tardiva. Al bazooka da 750 miliardi di euro della Bce di Christine Lagarde, ha risposto venerdì sera la Commissione europea guidata da Ursula von der Leyen con la sospensione del Patto di stabilità, mossa senza precedenti con cui vengono congelati i vincoli d'indebitamento. Bruxelles ha poi ieri dato il via libera al piano della Francia per garantire fino a 300 miliardi di prestiti alle società colpite dalla pandemia.
Si tratta di primi passi, quantunque non ancora sufficienti. Ecco perché resta in primo piano il dibattito su come reperire ulteriori risorse. Si tratta di un aspetto molto delicato. Un conto è infatti infrangere un tabù che sembrava inattaccabile come quello del deficit al 3% del Pil, tutt'altro discorso è quello relativo alla mutualizzazione dei debiti. È questo l'elemento divisivo e d'intralcio che rischia di ritardare l'introduzione di strumenti in grado di contrastare recessione e speculazione, come i bond europei. E la prova del nove è nella contrapposizione netta di due diversi appelli lanciati ieri in Germania da alcuni economisti. Un sorta di derby senza strette di mano. Con il primo, capeggiato da due pezzi da novanta dell'establishment tedesco come il presidente dell'Ifo Clemens Fuest e da Marcel Fratzscher, consigliere del governo e numero dell'istituto Diw (mai tenero con l'Italia), ma che ha tra i firmatari anche Lucrezia Reichlin, la paladina dell'austerity durante l'era Monti, che sollecita l'utilizzo del Meccanismo europeo di stabilità, ossia del fondo salva-Stati. È l'argomento clou degli ultimi giorni, dopo che il premier Giuseppe Conte ha sponsorizzato il Mes come veicolo per portare l'Italia fuori dalla crisi, a patto che venga eliminato l'assoggettamento a regole stringenti (ristrutturazione del debito, tagli al welfare, privatizzazioni) che comporta la richiesta di aiuti. Bene: da questo orecchio, Fuest e i suoi sodali proprio non ci vogliono sentire.
Certo, le somme dovrebbero essere distribuite tra tutti gli i Paesi in proporzione alla gravità dei problemi del sistema sanitario e dell'economia e così da evitare «qualsiasi stigma» sui mercati, ma «ogni Stato membro rimarrebbe l'unico responsabile dei propri debiti nei confronti del Mes». Insomma: una volta finita la tempesta perfetta, l'Italia sarebbe chiamata a rientrare dai prestiti ricevuti. Non potendolo fare, finirebbe commissariata.
Diversa è invece la posizione dei firmatari del secondo appello, con cui viene sollecitata l'emissione di eurobond per un controvalore di 1.000 miliardi e si va subito al cuore del problema: la responsabilità deve essere collettiva, proprio per evitare che i Paesi più colpiti scivolino «in una crisi di solvibilità senza colpa propria» per essersi indebitati ulteriormente. Inoltre, la contribuzione agli eurobond dei Paesi membri deve essere proporzionale alle disponibilità di bilancio. Chi può, faccia di più. Questo approccio solidaristico nasce dalla constatazione che, rispetto ai tempi della crisi del debito sovrano, le condizioni sono mutate e richiedono una risposta diversa. A cominciare dal fatto che gli aiuti devono andare «oltre il requisito della condizionalità». Basta col do ut des che porta in casa la Troika.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
22/03/2020 11:36:32


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Marsiglia ha il suo primo sindaco donna >>>

Francia: Jean Castex nuovo premier >>>

Russia al referendum per allungare il potere di Putin fino al 2036 >>>

Pompeo, l'Ue affronti con gli Usa la minaccia Cina >>>

Disgelo tra le Coree, Kim annulla i piani di azione contro Seul >>>

Trump fiero del muro con il Messico >>>

Libia, Ambasciatore Tarhouni: “Di Maio a Tripoli per raggiungere un'intesa sui migranti” >>>

Meno di 6200 persone al comizio di Trump a Tulsa >>>

Anche Facebook censura Donald Trump >>>

Angela Merkel sta dalla parte della globalizzazione... e di Biden >>>