Notizie dal Mondo Politica

Trump-Putin sorrisi e ironie al G20: “Non interferire sulle mie elezioni”

Al vertice in Giappone il presidente americano trova consensi per la riforma del Wto

Print Friendly and PDF

Vladimir Putin si presenta al G20 affermando che la democrazia liberale è obsoleta, e per tutta risposta colui che dovrebbe essere il leader mondiale del liberalismo scherza sull’offensiva lanciata da Mosca per interferire nei processi elettorali e destabilizzare la democrazia occidentale. Naturalmente il fatto che il presidente americano vada d’accordo con quello russo non è un male in sé, anzi. Però il modo con cui ieri il capo della Casa Bianca ha strizzato l’occhio al collega del Cremlino, ha riacceso tutte le polemiche e i sospetti che l’America sperava di aver messo finalmente alle spalle con la pubblicazione del rapporto Mueller. Al punto che è toccato al presidente uscente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, di fare la precisazione che sarebbe dovuta nascere spontanea in qualunque sincero occidentale: «Sono profondamente in disaccordo con Putin. Quando uno dice che il liberalismo è obsoleto, in realtà sostiene che la libertà, lo stato di diritto e i diritti umani lo sono. Ciò che invece io trovo realmente obsoleto è l’autoritarismo, il culto della personalità, e il governo degli oligarchi».

Putin ha dichiarato superata la democrazia liberale in un’intervista col Financial Times, in cui sostiene che ormai è stata rimpiazzata dal populismo nazionalista, a causa del risentimento per le migrazioni e il multiculturalismo. Sul piano elettorale ha parzialmente ragione, e in fondo proprio la vittoria di Trump nel 2016 ne è una prova. Questa affinità elettiva forse spinge Donald ad evitare lo scontro con Vladimir, anche perché ammettere che l’ex colonnello del Kgb ha avuto una parte nel suo successo significherebbe delegittimarsi. Quando però a margine del bilaterale di ieri ad Osaka i giornalisti hanno chiesto al capo della Casa Bianca se avrebbe intimato al collega del Cremlino di non interferire nelle elezioni dell’anno prossimo, lui è andato oltre il lecito, mettendosi a scherzare: «Certo che glielo chiedo. Non interferire nelle elezioni, presidente, non interferire».

A differenza degli attacchi contro gli alleati lanciati prima ancora di atterrare, ieri Trump ha impostato la giornata al G20 sulla congenialità. Durante i bilaterali con Abe e Merkel ha messo da parte l’annosa disputa sui finanziamenti militari, almeno in pubblico, puntando invece a sottolineare l’amicizia con entrambi. Ha stretto la mano al premier italiano Conte con l’abituale simpatia, dedicandogli una conversazione informale di un quarto d’ora, e con il leader indiano Modi ha sorvolato sulla disputa dei dazi. Secondo i suoi consiglieri, ha incasso il generale consenso dei colleghi per la riforma della Wto, e ha aggiunto di aspettarsi un vertice produttivo anche con il rivale cinese Xi oggi a pranzo, Corea del Nord inclusa. Alcuni giurano che la tregua commerciale con Pechino è stata già siglata, mentre Trump si è detto sicuro che il colloquio servirà almeno a muovere la situazione, evitando dunque lo scontro diretto. Quanto all’Iran, ne ha parlato ieri con Abe, Merkel e Putin, ma la giornata chiave potrebbe essere oggi, quando la crisi verrà discussa col nemico saudita di Teheran Salman, e con l’alleato turco Erdogan. La congenialità si è fermata sulla soglia dei cambiamenti climatici, dove gli Usa hanno preteso di annacquare ancora la dichiarazione finale, ma neppure il segretario generale dell’Onu Guterres si aspettava una svolta.

I problemi dunque si sono concentrati su Putin, che lo ha inviato a Mosca per il prossimo anniversario della vittoria nella Seconda Guerra Mondiale, ricevendo disponibilità. Il comunicato finale dice che hanno parlato di Iran, Siria, Venezuela, Ucraina e disarmo, con la denuncia dell’Intermediate Range Nuclear Forces Treaty e il blocco del New Start. Ossia tutti i nervi scoperti della relazione bilaterale. Il pubblico però ha visto solo l’evidente volontà di Trump di sminuire il Russiagate, contro il parere della sua stessa intelligente, e quindi non resta che sperare che abbia invece mostrato in privato la determinazione a risolvere le divergenze di fondo con Mosca.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
29/06/2019 14:18:09


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Brexit, no alla mozione del governo di rimettere subito ai voti l'accordo >>>

La Turchia bombarda e l'Europa dà un miliardo >>>

La Francia blocca i negoziati Ue con Albania e Macedonia >>>

Brexit, Juncker e Johnson: "Raggiunto l'accordo tra Gran Bretagna e Ue" >>>

Dazi Usa, Mattarella: "Cercare un accordo subito per evitare ritorsioni" >>>

Brexit, media inglesi: "L'accordo con l'Ue è vicino, sciolto il nodo irlandese" >>>

Usa 2020, media: Bloomberg ci ripensa, potrebbe candidarsi >>>

Ungheria, l'opposizione vince le comunali a Budapest: battuto il candidato di Orban >>>

Usa, Nancy Pelosi attacca Trump: non è al di sopra della legge >>>

Elezioni in Portogallo: vittoria dei socialisti di Antonio Costa con il 36,7% >>>