Notizie Nazionali Economia

Istat: pressione fiscale in aumento, al 38% del Pil

La Corte dei Conti avverte: “La riforma delle tasse è una priorità, ma non va fatta in deficit”

Print Friendly and PDF

La pressione fiscale nei primi tre mesi del 2019 è risultata del 38%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. È il dato più alto dal 2015. Lo rileva l’Istat, precisando che anche in questo caso vale solo il confronto annuo, tra stessi trimestri. Nel primo la pressione fiscale, come sempre si osserva, mostra un livello più basso rispetto al resto dell’anno. Ripercorrendo a ritroso i livelli registrati dalla pressione fiscale, sempre nel confronto tra primi trimestri, l’Istat ricorda che, appunto, nel 2018 era stata pari al 37,7%, stesso dato rilevato nel 2017, mentre nel 2016 era stata pari al 37,9%. Per trovare un dato superiore a quello del primo trimestre del 2019 si deve torna quindi a inizio 2015, quando era stato toccato un valore pari al 38,9%. E proprio sul tema del fisco è intervenuta la Corte dei Conti. «Nel nostro Paese al problema della sostenibilità e del rientro del debito si affianca quello della sostenibilità della pressione fiscale. Mettere mano dunque al riassetto delle tasse e dei tributi può considerarsi una priorità. Un’operazione da portare avanti non in un clima emergenziale, ma attraverso ponderate ed equilibrate strategie di lungo respiro», ha detto il procuratore generale della Corte dei conti, Alberto Avoli, alla cerimonia di parificazione del rendiconto generale dello Stato per l’esercizio finanziario 2018. «Alcuni economisti propongono addirittura misure radicali, chiamate a fini mediatici come shock fiscale, in realtà, una massiccia azione di decremento delle aliquote dell’imposizione diretta in favore di imponibili medio-bassi. L’idea non è nuova e certamente è asseverata da molti economisti. Tuttavia, resta il problema delle coperture sul breve termine, in mancanza delle quali il corrispondente aumento del debito potrebbe avere ripercussioni gravi, tali da annullare o ridurre molto i benefici della rimodulazione delle aliquote.Nella gradualità degli interventi potrebbe forse trovarsi una giusta soluzione di equilibrio», ha aggiunto.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
26/06/2019 14:48:21


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Confindustria propone una tassa sui contanti per combattere lʼevasione fiscale >>>

Ue, Von der Leyen: "Paolo Gentiloni commissario agli Affari economici" >>>

Sulla ruota delle pensioni spunta l'ipotesi quota 102 >>>

Patenti, in arrivo aumenti del 22% >>>

Rientro dalle vacanze amaro: da luce e gas alle assicurazioni via ai rincari in bolletta >>>

Whirlpool: "decreto crisi" insufficiente per lo stabilimento di Napoli >>>

Istat, a luglio torna a salire il tasso di disoccupazione: è al 9,9% >>>

Fisco, ecco le "armi" dell'Agenzia delle Entrate >>>

La stangata solo su Pmi: pagano oltre 4 miliardi più delle grandi imprese >>>

Dalla pizza al cellulare quanto costerà la spesa se scatta l'aumento Iva >>>