Notizie Nazionali Cultura

Scoperta una ciocca di capelli di Leonardo da Vinci: servirà per controllare il Dna dei discendenti

Recuperata oltreoceano. Il reperto verrà illustrato alla mostra a Vinci «Leonardo vive»

Print Friendly and PDF

«Abbiamo recuperato oltreoceano una ciocca di capelli che è stata storicamente denominata “Les Cheveux de Leonardo da Vinci”, insieme a un altro cimelio; questa straordinaria reliquia permetterà di procedere nella ricerca del suo Dna». È quanto annunciato da Alessandro Vezzosi, studio del Genio di Vinci e direttore del Museo ideale Leonardo da Vinci, e la storica Agnese Sabato, presidente della Leonardo da Vinci Heritage. Tutto, insieme ad altre novità, verrà illustrato, si spiega, nel corso di una conferenza stampa in programma il 2 maggio a Vinci (Firenze), che è anche il giorno del quinto centenario della morte di Leonardo. «Il reperto storico della ciocca di capelli - spiega Vezzosi -, che fino a questo momento era rimasto nel segreto di una collezione americana, verrà esposto in anteprima mondiale, insieme a documenti che ne dimostrano l’antica provenienza francese» alla mostra a Vinci “Leonardo vive”, al via sempre dal 2 maggio. 

È l’elemento che mancava per dare ulteriore concretezza scientifica alle nostre ricerche storiche - aggiunge la studiosa Agnese Sabato - Grazie alle analisi genetiche su questo reperto, che saranno incrociate con gli esami sul Dna dei discendenti viventi e delle sepolture che abbiamo individuato negli ultimi anni, è ora possibile fare verifiche per la ricerca del Dna del genio, anche in rapporto alla tomba di Leonardo ad Amboise». Un’altra scoperta riguarda la cosiddetta «Gioconda nuda» del Museo Ideale, ovvero una copia della «Monna Vanna» conservata nel castello di Chantilly a nord di Parigi e datata attorno al 1503, stesso anno in cui Leonardo cominciò a lavorare alla più celebre «Gioconda». Alla conferenza stampa sarà presente anche Maurizio Seracini di Editech, l’autore della ricerca della perduta «Battaglia di Anghiari» in Palazzo Vecchio a Firenze. «I nostri esami scientifici hanno evidenziato che nel dipinto del Museo Ideale sono presenti fori per il riporto corrispondenti esattamente a quelli del Cartone del Museo Condè di Chantilly, attribuito ora allo stesso Leonardo e al suo atelier», anticipa Seracini.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
29/04/2019 14:20:39


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cultura

Classifica delle università, Politecnico la migliore d’Italia >>>

Pubblicate online le commissioni per gli esami di maturità >>>

L'educazione civica torna a essere materia di insegnamento a scuola >>>

Scoperta una ciocca di capelli di Leonardo da Vinci: servirà per controllare il Dna dei discendenti >>>

Borse di studio solo per gli italiani all'Accademia delle Scienze di Torino: “Scelta razzista” >>>

“A Natale meno compiti per le vacanze”, parola del ministro Bussetti >>>

Sette italiani su dieci non vanno al cinema né al museo >>>

Il governo abolisce il numero chiuso a Medicina >>>

Scuola: in Italia gli insegnanti più anziani >>>

Lancio di uova da un’auto in corsa contro Daisy Osakue, stella azzurra dell’atletica >>>