Amore Vita Di Coppia

Seduzione: il codice d’amore del ventaglio

Riscopriamolo per gioco… o per il cuore

Print Friendly and PDF

Il ventaglio, così come il parasole, un tempo era un accessorio quasi irrinunciabile nella toilette di una signora. Oggi questo vezzoso semicerchio di stoffa, pizzo o carta, è praticamente in disuso, o tutt’al più utilizzato per il suo scopo più rozzo, ovvero sventolarsi per avere più fresco, o addirittura scacciare gli insetti. Le feste di Carnevale, però, in cui magari abbiamo l’occasione di vestire un costume di altri tempi, può diventare l’occasione in cui mettere in pratica un’arte di comunicazione sottile e civettuola, ma anche misteriosa e intrigante, nella quale le nostre antenate erano maestre. Possiamo usare questo piccolo dizionario amoroso per giocare in occasione di un ballo in costume, o applicarlo nella privacy della nostra camera da letto come preliminare amoroso inconsueto, romantico e intrigante, magari in occasione di San Valentino, per lanciarsi messaggi segreti, tutti affidati a un linguaggio non verbale, ma molto efficace.

Un tempo le relazioni sociali dovevano sottostare a rigide norme di comportamento, soprattutto tra persone del sesso opposto. Parlarsi in un luogo pubblico poteva essere inopportuno e quindi considerato tabù, specie se non si era stati presentati ufficialmente. Naturalmente, quando la comunicazione verbale era preclusa ma le due persone desideravano intensamente comunicare, l’ingegno e la volontà di seduzione trovavano altre strade per inviare messaggi: giochi di sguardipiccoli gesti delle mani e i tradizionali bigliettini hanno da sempre accompagnano l’arte dell’approccio. Il ventaglio, accessorio in apparenza innocente e piccola civetteria consentita a tutte le signorine, per moltissimo tempo è stato un vero e proprio strumento di comunicazione, con un suo codice ben preciso.

Come traccia per il nostro gioco seduttivo, ecco alcuni dei gesti più consueti e dei loro relativi significati. Alcuni sono ormai di difficile interpretazione, ma altri hanno ancora oggi una loro forza espressiva che li rende facilissimi da comprendere. Ecco allora un mini glossario, per sedurre e… farsi fresco.

Partiamo dal messaggio più elementare: per dire sì, la dama appoggiava il ventaglio alla guancia destra. Ovviamente, lo stesso gesto a sinistra significava no. Allo stesso modo, coprirsi l’orecchio o il lato sinistro del viso era l’inequivocabile segnale di girare alla larga. Un ventaglio sostenuto con la mano destra fino a coprire in parte il viso significava: seguimi! Lo stesso gesto, ma effettuato con la mano sinistra, aveva un valore più sfumato, come per dire “avvicinati, vorrei conoscerti”. Se poi, la dama arrivava ad aprire completamente il ventaglio con la mano sinistra, il cavaliere era tenuto ad avvicinarsi all’istante perché la dama era ansiosa di parlargli. Stesso messaggio se la signora passava un dito sul bordo esterno. Un ventaglio chiuso a metà, indipendentemente dal lato, era invece un segnale di divieto e insieme di pericolo, come per dire: “Non posso!”

Continuando con questa grammatica spicciola, un colpetto con il ventaglio chiuso sulla mano sinistra significava: “scrivimi!”, mentre lasciarlo scivolare sugli occhi era un chiaro invito ad andare via immediatamente. Molto più incoraggiante era il messaggio di un ventaglio aperto lentamente con la mano destra: significava “aspettami”. Ancor meglio era se la dama appoggiava il ventaglio sulle labbra: era un invito esplicito a baciarla. Un ventaglio sventolato senza evidente necessità di rinfrescarsi conteneva informazioni sullo status della damigella: se era mosso energicamente significava che la ragazza era fidanzata o promessa, se mosso più lentamente significava che ci si trovava in presenza di una signora già maritata. Se invece la ragazza lo apriva lentamente e vi nascondeva le labbra significava che era libera. Infine, se la signora si sventolava con la mano sinistra, il messaggio era: “attenzione, ci osservano”.
Infine, se la dama lanciava il ventaglio chiuso contro il suo cavaliere non c’era errore possibile: significava: “ti odio!”. Un gesto più o meno simile a quello che compiremmo noi oggi.

Redazione
© Riproduzione riservata
07/02/2018 10:41:11


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Vita Di Coppia

Giochi e trasgressioni: qualcuno non può farne a meno, perché? >>>

Le donne che dormono di più hanno una vita sessuale migliore >>>

Il litigio in coppia: elisir di lunga vita >>>

Gli errori nella vita di coppia >>>

Come capire se a lui è piaciuto fare l'amore non è certo un'impresa facile >>>

Tra bugie, dolore e perdono >>>

Rapporti intimi dolorosi: da cosa dipendono e cosa fare >>>

Come capire se lui sa baciare? >>>

Coppia: perché ci sentiamo più attratte da un uomo già impegnato >>>

Ti ha chiesto una pausa di riflessione? Ecco quel che devi sapere >>>