Notizie dal Mondo Spettacolo

Ginevra, morto a 87 anni il coreografo e danzatore Roland Petit

"Le jeune homme et la mort", su libretto di Jean Cocteau, è considerato il suo capolavoro assoluto

Print Friendly and PDF
Vari teatri, dal Petruzzelli di Bari al Bellini di Catania nell'anno passato hanno tributato uno omaggio all'arte di Roland Petit, morto ieri a Ginevra a 87 anni per una leucemia, ma è all'Opera di Roma, a dicembre, che è salito sul palco, chiamato alla fine a gran voce dai ballerini, accennando ironicamente anche un passo di danza, mentre il pubblico esplodeva in una entusiastica standing ovation per questo grande, vecchio maestro della danza moderna, che seppe rinnovare muovendosi modernamente oltre gli schemi tradizionali, senza accettare confini per la sua arte, che ha messo al servizio del musical come del balletto più classico, di Bach come dei Pink Floyd, durante una vita in cui ha collaborato con i più bei nomi della cultura e l'arte francese e non solo.Nato a Villemomble nel 1924, figlio di un'italiana e di un barista alle Halles a Parigi, è uscito dalla scuola di Serge Lifar e Boris Kniasseff. Da noi, divenne popolare anche per l'unione di arte e vita con Zizi Jeanmaire, che in Italia ebbe una fortunata stagione televisiva. I primi passi li mosse all'Opera di Parigi quando aveva 10 anni, dove crebbe sino a quando se ne andò sbattendo la porta e dove tornò solo nel 1965 per firmare "Notre Dame de Paris". "Avevo appena vent'anni - ricordava lui qualche anno fa - Mio padre mi diede i suoi risparmi e creai il mio primo balletto, 'Les Forains', con Christian Bérard", un lavoro basato sullo spettacolo di un gruppo di saltimbanchi, secondo stilemi propri della cultura del periodo, quella del Picasso dei Pierrot o della "Parade" di Messine. "Devo confessare - amava dire - che ero ben spalleggiato dai consigli di Jean Cocteau (che firmò il libretto di un capolavoro come "Le jeune homme et la mort"), Henri Sauguet, Boris Kochno, Picasso, Marie Laurencin, Jacques Prévert, Boris Vian, Jean Genet, Marcel Aymé, Paul Delvaux, Georges Simenon, che mi hanno disegnato le scene e i costumi e che hanno scritto per me i meravigliosi soggetti dei miei balletti, permettendomi di cominciare a girare il mondo con i miei ballerini". Con alle spalle così forti credenziali, ovunque arrivava trovava porte aperte e finì per frequentare tutti i grandi nomi della sua epoca, come quando, sempre aperto a ogni sperimentazione e a tutte le arti, andò per qualche anno a Hollywood con Howard Hughes e Samuel Goldwyn, dove lascia Leslie Caron, danzatrice della sua compagnia, e si trova sottobraccio a Fred Astaire, frequenta Orson Welles, Danny Kaye, Marlene Dietrich e un po' anche Marilyn, partecipando a molti film americani e anche francesi. Nel 1945 fonda la sua prima compagnia 'Les ballets des Chams-Elysees' poi nel 1948 crea i 'Ballets de Paris' al teatro Marigny, con Zizi Jeanmaire, che sarebbe diventata sua moglie, compagna di vita di arte, ispiratrice adorata sempre: "E' lei che mi ispira ancora, ancor più di ieri e ogni giorno sempre di più.

Il balletto 'Carmen' è lei stessa, 'Le truc en plumes' è ancora lei e la bella canzone che canto nel mio cuore, 'Une vie sans toi qu'est ce que ça veut diré, è ancora lei", diceva pochi anni fa. Per lei si avvicinò anche negli anni '60 alle piume e paillettes del Casino di Parigi col celebre 'Truc en plumé, che fece il giro del mondo. Una carriera lunga e varia insomma, comunque segnata da balletti storici, che spesso, con le loro novità, hanno diviso pubblico e critica, aprendo discussioni tra chi esaltava la sua fantasia e teatralità, e chi trovava i suoi movimenti contaminati da modelli leggeri, figli raffinati di certa influenza della tv, per non parlare di quando a Spoleto, negli anni '90, arrivo' con luci laser e fumi in scena. Certo che più spesso facevano notizia le sue collaborazioni con artisti quali Keith Haring, Jean Tinguely, Giorgio de Chirico, Yves Saint-Laurent, Ezio Frigerio, Niki de St. Phalle, Bernard Buffet, Erté, César, Vaserely e così via. Nel 1972, con il balletto 'Pink Floyd', fonda il 'Ballet National de Marseille', che dirigerà per ventisei anni, sino al 1998. Ha alle spalle oltre 50 creazioni che spaziano attraverso tutti i generi, nate per Zizi, ma anche per un vasta galleria di danzatori internazionali, che vanno da Nurejev e Baryshnikov, per i quali crea rispettivamente 'Paradis perdu' e 'La dame de pique', a Marie-Claude Pietragalla o Alessandra Ferri, lavorando dall'interno della struttura di un balletto a rinnovare continuamente il suo stile e il suo linguaggio, maestro nell'arte del pas de deux di coreografie narrative, di cui è grande esmpio 'Carmen' che fece scandalo per la sua eccessiva sensualità, ma creando anche capolavori puramente formali, astratti, a cominciare nel 1968 da 'Turangalîla', che provocò una piccola rivoluzione all'Opéra de Paris. Era sempre disponibile a raccontare le sue storie e, pensando a tutti i grandi che aveva conosciuto, amava citare i primi versi di una poesia di Paul Fort: 'Se tutti i ragazzi del mondo potessero darsi la mano, faremmo il giro del mondo'".

 

Redazione
© Riproduzione riservata
11/07/2011 05:31:19


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Spettacolo

Gran Bretagna, il concerto senza distanziamento e mascherine come test per la ripartenza >>>

I 70 anni di Phil Collins >>>

Gwyneth Paltrow dà l’addio al cinema: “Disamorata e stanca del giudizio del pubblico” >>>

Festival del Cinema di Cannes: Palma d’oro a Parasite, Antonio Banderas migliore attore >>>

Oscar, vittoria di "Green Book" per il miglior film >>>

Festival di Cannes 2018, Palma d’oro a Kore-eda >>>

Joan Baez, al via l'ultimo tour >>>

Incassi Usa, record per Wonder Woman >>>

Cannes: Un Certain Regard, miglior attrice Jasmine Trinca >>>

Eurovision song contest, vince lʼUcraina con il brano anti-Russia >>>