Notizie Locali Economia

Marzio Domenici nominato nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Pane Toscano DOP

Succede ad Alessandro Cioni, che ha guidato il Consorzio negli ultimi anni

Print Friendly and PDF

Il Consorzio di Promozione e Tutela del Pane Toscano DOP ha un nuovo Presidente; è il livornese Marzio Domenici, panificatore e figura storica della struttura consortile che dal 2000 promuove e tutela l’unica denominazione regionale riconosciuta dalla UE.

Domenici succede ad Alessandro Cioni, che ha guidato il Consorzio negli ultimi anni con dedizione e successo.

Marzio Domenici, noto per la sua vasta esperienza nel settore, ha già dimostrato le sue competenze e il suo impegno nella promozione delle eccellenze enogastronomiche della Toscana. La sua carriera imprenditoriale è caratterizzata da una profonda conoscenza delle dinamiche di mercato e delle esigenze dei produttori, fattori che saranno cruciali nel suo nuovo ruolo.

"Sono onorato di assumere la presidenza del Consorzio di Promozione e Tutela del Pane Toscano DOP - dichiara Domenici - Il Pane Toscano DOP rappresenta non solo un prodotto di altissima qualità, ma anche un simbolo della tradizione e della cultura toscana. Mi impegnerò, unitamente al Consiglio di Amministrazione, ai Soci e ai nostri partner istituzionali, a valorizzare e promuovere questo straordinario prodotto, sostenendo i produttori e garantendo il rispetto degli standard di qualità che lo contraddistinguono".

“Il nostro Consorzio di Promozione e Tutela – aggiunge Domenici - è un'organizzazione fondamentale per la salvaguardia e la valorizzazione di uno dei prodotti più emblematici della tradizione toscana, chiudendo l’anno 2023 con una produzione annua vicina ai 10 mila quintali mantenendo il trend di crescita dopo la pandemia e nonostante un forte aumento dell’inflazione”.

“Siamo molto felici della scelta dei soci – dice Daniele Pardini Direttore del Consorzio – Marzio Domenici è una figura importante per poter per incrementare la notorietà del prodotto e il mercato del Pane Toscano DOP, sia a livello nazionale che internazionale. A tal proposito il Consorzio ha introdotto la possibilità di produrre il Pane Toscano DOP, con la stessa miscela di grani a disciplinare, anche di Tipo 1 e 2, macinati a pietra oppure a cilindri. La modifica è stata accettata dalla Regione Toscana e dal MASAF e permetterà di andare incontro a nuovi consumatori e aprire nuove opportunità di mercato”.

“L’adesione al Consorzio – concludono Domenici e Pardini – è aperta a tutti i panificatori della Toscana e a tutti i soggetti della filiera che vogliono fregiarsi di un marchio così importante e prestigioso. Siamo disponibili ad effettuare degli incontri informativi e formativi presso le aziende che ne faranno richiesta, contattandoci ai riferimenti presenti nel nostro sito www.panetoscano.it o attraverso i nostri canali social”

Redazione
© Riproduzione riservata
23/05/2024 11:56:49


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

McDonald’s apre un nuovo ristorante a Sansepolcro e assume 50 persone >>>

Confcommercio: il Museo di Arti e Mestieri a Sansepolcro é un progetto di alto valore culturale >>>

L’aretina Sintra al primo convegno nazionale sull’Intelligenza Artificiale >>>

Patrizio Bertelli ad un passo dall'acquisto di palazzo Carbonati ad Arezzo >>>

Aboca in crescita: il fatturato 2023 supera quota 300 milioni, prosegue lo sviluppo estero >>>

Newlat Food presenta il nuovo piano industriale 2024-2030 >>>

Confagricoltura Toscana, il nuovo direttore è Gianluca Cavicchioli >>>

La Regione Umbria agevola gli agricoltori: carburante agricolo agevolato dal 50% all'80% >>>

Marzio Domenici nominato nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Pane Toscano DOP >>>

Pensionati Coldiretti Arezzo: un premio per le sentinelle toscane della sostenibilità >>>