Salute & Benessere Malattie

Trombosi: come sapere se si è a rischio? Quali sono i sintomi meno comuni

Una malattia che troppo spesso viene sottovalutata

Print Friendly and PDF

Una persona su quattro muore in tutto il mondo per malattie legate ai coaguli di sangue e la trombosi è la principale causa di decessi ospedalieri prevenibili in tutto il mondo.

Ogni anno in Europa 544.000 decessi sono legati alla trombosi . Una trombosi si riferisce a una vena o un’arteria che si ostruisce, il più delle volte a causa della formazione di un coagulo di sangue, che può, ad esempio, provenire da una vena profonda della gamba, dirigersi verso i polmoni ed embolizzare un’arteria polmonare: si tratta di un' embolia polmonare.

Qual è il tipo più comune di trombosi?

Una trombosi è un coagulo di sangue che si forma in un vaso sanguigno, una vena o un'arteria. La trombosi venosa è la più comune. Chiamata anche flebite, può verificarsi in una vena superficiale sulla superficie della pelle o in una vena profonda, all'interno del corpo. Il sangue non scorre più correttamente e la pressione sanguigna aumenta, il che può causare il distacco del coagulo dalla parete della vena e il suo viaggio attraverso il flusso sanguigno. Se entra nell'arteria polmonare, può causare un'embolia polmonare che può essere fatale. La trombosi venosa richiede quindi un trattamento rapido. I sintomi più comuni della trombosi venosa sono il dolore che coinvolge la gamba e la formazione di edema, cioè gonfiore, che compare al polpaccio, o anche fino alla coscia, accompagnato da una sensazione di pesantezza.

Quali sono i fattori di rischio per la trombosi venosa?

Tutto ciò che altera la coagulazione del sangue e la circolazione venosa può aumentare il rischio di flebiti. L'insufficienza venosa, ad esempio, è caratterizzata in particolare dalla comparsa di vene varicose e che provoca un rallentamento del flusso venoso. Anche un cambiamento dei parametri della coagulazione può avere un'influenza: è il caso della gravidanza dove il rischio di flebiti è naturalmente maggiore (è quadruplicato)e anche l’immobilizzazione prolungata è un fattore di rischio. La trombosi è quindi molto comune nei pazienti ricoverati durante una lunga degenza. Infine, il sovrappeso, l'età, il fumo e alcuni trattamenti ormonali come la pillola contraccettiva con estrogeni o anche un lungo viaggio in macchina o in aereo (8 ore o più) aumentano il rischio di trombosi venosa.

Cos’è la trombosi arteriosa?

È legata a fattori di rischio che generalmente si sviluppano in modo molto graduale, come le placche aterosclerotiche, la cui formazione è favorita dall'invecchiamento, dalla sedentarietà, dal fumo, dal sovrappeso e dall'ipercolesterolemia. Può anche essere la conseguenza di malattie cardiache non adeguatamente trattate come la fibrillazione atriale. La formazione di un coagulo in un'arteria è una delle principali cause di ictus.

Quali sono i segni di trombosi?

I medici incoraggiano le persone a muoversi, poiché movimenti semplici, come camminare e fare stretching, possono aumentare la circolazione sanguigna e aiutare a ridurre il rischio di coaguli di sangue.

segni più comuni di un coagulo di sangue nella gamba o di trombosi venosa profonda (TVP) possono essere dolore o dolorabilità al polpaccio, gonfiore alla caviglia o al piede, arrossamento o scolorimento visibile e/o calore nell'area. Ciò che dovrebbe allertare è il dolore, l'aumento del volume della gamba, il calore, il rossore e la perdita di movimento del polpaccio.

I segni di un coagulo di sangue nei polmoni o di embolia polmonare (PE) possono includere mancanza di respiro inspiegabile, respiro rapido, dolore toracico, aumento della frequenza cardiaca e/o sensazione di stordimento o perdita di coscienza. La trombosi venosa profonda o l'embolia polmonare richiedono un trattamento di emergenza.

La trombosi di una vena cerebrale, che è piuttosto rara, provoca mal di testa, problemi alla vista, malessere o perdita di coscienza.

I sintomi della trombosi non sono abbastanza conosciuti

Uno dei motivi per cui la trombosi finisce per essere la causa di morte per una persona su quattro in tutto il mondo è che molti dei suoi sintomi sono sinonimi di altre condizioni comuni. Quando qualcuno ha un crampo alle gambe, ad esempio, è improbabile che si sottoponga a screening per la ricerca di coaguli di sangue, che purtroppo possono portare alla morte.

Esistono fattori di rischio per la tromboembolia venosa temporanei e altri permanenti. Se si è a rischio, è necessario fare attività fisica regolarmente e mantenere un peso ideale.

La trombosi causa sintomi nella maggior parte dei casi, ma questo non è sistematico. Uno stile di vita sano è il modo migliore per prevenirne la comparsa. Il fumo, il consumo di alcol e lo stile di vita sedentario dovrebbero quindi essere evitati per evitare l'insorgenza di trombosi.

Il dolore alla gamba è il sintomo più comune

Questo è il sintomo più comune. Il dolore al polpaccio o alla coscia può avvisare della formazione di una trombosi poiché i coaguli di sangue tendono a formarsi negli arti inferiori. Si può avvertire anche intorpidimento. Se la trombosi è di natura arteriosa il dolore provocato sarà più violento, soprattutto quando si cammina.

Quali sono i sintomi meno comuni

1. Gonfiore delle gambe

La vena si gonfierà se si forma un coagulo in quella zona e l'edema a volte può arrivare fino al livello del ginocchio.

2. Dolore addominale

In caso di trombosi arteriosa alcuni sintomi possono essere avvertiti nella parte superiore del corpo. Può verificarsi una sensazione di oppressione al petto e difficoltà a respirare. Questi sintomi sono simili a quelli di un infarto miocardico.

3. Ematomi

Il luogo in cui si forma il coagulo può assumere l'aspetto di un “livido”, di colore blu, viola o talvolta bianco. A volte può verificarsi un leggero rossore se la trombosi è superficiale.

4. Pelle indurita

La pelle può sembrare più dura, lucida e tesa nel punto in cui si è formato il coagulo di sangue, il che può essere doloroso al tatto.

5. Problemi alla vista

Se si forma un coagulo in un'arteria cerebrale, è possibile che si verifichino problemi alla vista o addirittura alla parola. Può verificarsi perdita di coscienza o paralisi. Questi sintomi sono simili a quelli di un ictus.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
06/05/2024 21:34:46


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Malattie

L'intelligenza artificiale impara a riconoscere in anticipo il fegato grasso >>>

Covid, nei tre anni successivi all’infezione crescono le probabilità di subire infarto o ictus >>>

Vitamina D, qual è il suo ruolo nella prevenzione del cancro >>>

Trombosi: come sapere se si è a rischio? Quali sono i sintomi meno comuni >>>

Malattie del fegato e dell’intestino: “perle di carbonio” ne garantiranno funzionalità >>>

Casi di morbillo in rapido aumento, Bassetti: "E' partita l'epidemia, ma il peggio deve arrivare" >>>

Il colore delle urine ci dà informazioni importanti sulla nostra salute >>>

Disturbi alimentari: cause, tipologie e trattamento >>>

Marzo mese a rischio per la salute: arriva l’influenza B. Chi colpisce e i sintomi >>>

Cancro ai polmoni: 7 sintomi da non sottovalutare >>>