Notizie Locali Economia

Il rapporto tra Estra e i suoi clienti continua anche dopo il prossimo 1° gennaio

Da quella data il mercato di tutele del gas finirà

Print Friendly and PDF

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) in attuazione della Legge n. 124/2017 e del Decreto Legge n. 115/2022 ha stabilito la fine del servizio di tutela gas. Un cambiamento importante che non deve destare alcuna preoccupazione.

Estra continuerà infatti a fornire i clienti attualmente nel mercato di tutela gas secondo le modalità previste da ARERA e senza necessità di alcuna azione da parte dei clienti stessi che riceveranno tutte le informazioni utili attraverso l’invio di comunicazioni scritte che perverranno entro il mese di settembre.

Estra non chiamerà i suoi clienti per gestire la fine del mercato di tutela e, anzi, chiede loro di prestare molta attenzione ad eventuali tentativi di truffe telefoniche.

Le condizioni applicate attualmente alle forniture dei clienti del mercato di tutela gas saranno valide fino al 31 dicembre 2023. A partire dal 1° gennaio i clienti cosiddetti “vulnerabili” continueranno ad essere serviti da Estra nel nuovo “Servizio di Tutela della Vulnerabilità”, che prevede condizioni economiche stabilite da ARERA, in analogia a quanto già previsto per l’attuale mercato di tutela gas. Sono considerati “vulnerabili” i clienti domestici che rientrano in almeno una delle seguenti condizioni:

         i.            hanno compiuto 76 anni di età;

       ii.            si trovano in condizioni economicamente svantaggiate ai sensi dell’articolo 1, comma 75, della legge 4 agosto 2017, n. 124 (titolari del bonus sociale per disagio economico nell’anno in corso o nell’anno precedente);

      iii.            rientrano tra i soggetti con disabilità ai sensi dell’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104;

     iv.            sono titolari di utenze ubicate in strutture abitative di emergenza a seguito di eventi calamitosi.

Estra ha ricevuto da Acquirente Unico, tramite il Sistema Informativa Integrato (SII), l’elenco dei propri clienti identificati come “vulnerabili” in base alle informazioni in suo possesso che riguardano i requisiti di cui ai punti i, ii e iv. In questo mese di settembre, Estra ha provveduto ad inviare, a tali clienti, una comunicazione scritta dove si specifica che, in assoluta continuità con il passato, continueranno ad essere forniti alle stesse condizioni stabilite da ARERA senza la necessità di alcuna azione da parte loro.

Estra ha provveduto ad inviare una comunicazione scritta anche ai clienti del mercato di tutela gas che non stati identificati come “vulnerabili”, specificando che dal 1° gennaio continueranno ad essere forniti alle condizioni dell’offerta Placet che Estra ha riservato ai clienti non vulnerabili, con un prezzo della materia prima stabilito da ARERA e con una frequenza di fatturazione che potrà variare da mensile a bimestrale. Nel caso in cui uno di questi clienti fosse in possesso del requisito di cui al punto iii, ha la possibilità di compilare il modulo di autocertificazione (“Dichiarazione per attivazione Servizio di Tutela della Vulnerabilità”) che è stato allegato alla comunicazione inviata e che deve essere restituito ad Estra attenendosi alle indicazioni contenute nella comunicazione stessa.

Sia i clienti “vulnerabili” che quelli “non vulnerabili”, hanno la possibilità di scegliere in qualsiasi momento - in alternativa rispettivamente al Servizio di Tutela della Vulnerabilità e all’offerta Placet non vulnerabili – l’offerta del mercato libero più conveniente di Estra per le proprie esigenze, contattando il numero verde 800 128 128 (da fisso), il numero 02 8270 (da cellulare) o recandosi presso uno store di Estra.


Il passaggio al mercato libero è gratuito, non prevede interruzioni del servizio né interventi tecnici al contatore gas. Inoltre le offerte del libero mercato possono includere servizi aggiuntivi, sconti, programmi fedeltà e offerte green.

La fine del mercato tutelato è ormai prossima ed Estra sta muovendosi celermente per accompagnare la clientela interessata verso un passaggio sereno e soprattutto informato – ha dichiarato Francesco Macrì, Presidente di Estra -. E’ nostra premura, infatti, tranquillizzare la clientela fornendo in anticipo tutte le informazioni utili per dare modo a ciascuno di scegliere la soluzione più idonea alle loro specifiche esigenze. Intendiamo essere di supporto e punto di riferimento affidabile mettendo a disposizione tutti gli strumenti in nostro possesso nella più totale trasparenza: dalla comunicazione informata, al servizio di consulenza svolto dal nostro personale attraverso i call center e gli store dislocati sul territorio, fino agli strumenti online di Estra: il sito Internet www.estra.it costantemente aggiornato,  la posta elettronica all’indirizzo clienti@estraspa.it. La nostra struttura commerciale si è preparata da tempo a questo passaggio e siamo certi di poter assolvere al compito che ci attende nel migliore dei modi possibili.”

 

 

Redazione
© Riproduzione riservata
26/09/2023 14:03:40


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Michela Sciurpa resta alla guida di Sviluppumbria >>>

Claudio Bigi è il nuovo presidente della sezione di Città di Castello di Confindustria >>>

E78: la soddisfazione del presidente Cna Valtiberina per l’intenzione di completare l’arteria >>>

Tabacchicoltura: prove di robotica con ‘Digital farmer’, programma di Philip Morris e Cesar >>>

L'Enoteca dei Sensi a Sansepolcro festeggia venti anni di attività >>>

Tabacco, confermati Mantovanelli presidente di Opit, l’umbro Cirignoni vicepresidente >>>

Saldi estivi: il 6 luglio parte la corsa allo shopping a prezzo scontato anche ad Arezzo >>>

Tratos cresce: acquisite tutte le azioni di AFL Telecommunications Europe Ltd >>>

Saldi in provincia di Arezzo, 202 euro la spesa media a famiglia >>>

Coldiretti dice basta a cinghiali e fauna selvatica incontrollata >>>